IL MEC­CA­NI­SMO DEL FI­FO­NE

Riec­co­lo a San­re­mo, con un bra­no (che vi fa­rà pian­ge­re) sul rap­por­to pa­dre-fi­glia. Ma il can­tan­te de­gli Sta­dio, GAE­TA­NO CUR­RE­RI, am­met­te di sa­pe­re po­chis­si­mo sull’ar­go­men­to, e su al­tre co­se. Che pre­fe­ri­sce spia­re dal­la fi­ne­stra

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Grazie Dei Fiori/I - FO­TO di RAF­FAEL­LA SE­RI­NI DA­NIE­LE BAR­RA­CO

Va­sco in­si­ste per in­se­gnar­mi a usa­re Wha­tsApp. Ma so­lo il pen­sie­ro mi met­te l’an­sia: il te­le­fo­no per me è un og­get­to in­do­ma­bi­le». Tra Gae­ta­no Cur­re­ri e Va­sco Ros­si, sap­pia­mo già chi la spun­te­rà. «An­ni fa sta­va­mo an­dan­do in­sie­me in mac­chi­na a Mi­la­no. Io ave­vo la pa­ten­te ma dal gior­no dell’esa­me non ave­vo mai più gui­da­to. Lui, al vo­lan­te, a un cer­to pun­to si sen­te ma­le e mi di­ce: “O gui­di te o fac­cia­mo l’au­to­stop”. Co­sì, ho co­min­cia­to a gui­da­re». Alleati (agli an­ti­po­di) nel­la vi­ta e com­pli­ci nel­la mu­si­ca («Io se­guo tut­te le re­go­le, lui le re­go­le le fa»), il can­tan­te de­gli Sta­dio e il re del rock ita­lia­no so­no, da ol­tre qua­rant’an­ni, la quin­tes­sen­za dell’ami­ci­zia tra ma­schi. «Va­sco di­ce che so­no tut­to ar­ro­sto e nien­te fu­mo. Lui per me è co­me il ven­to: mi por­ta sem­pre do­ve bat­te il cuo­re». Il lo­ro cuo­re bat­te­rà in­sie­me an­che nel nuo­vo di­sco de­gli Sta­dio, Miss No­stal­gia: nel bra­no Tut­ti con­tro tut­ti ci sa­rà una «in­cur­sio­ne» a sor­pre­sa di Va­sco, co­me non ac­ca­de­va da 30 an­ni. «Ero in stu­dio a re­gi­stra­re e lui ascol­ta­va. All’im­prov­vi­so si è pre­ci­pi­ta­to al mi­cro­fo­no e ha det­to “que­sta la can­to io”. Evi­den­te­men­te era una co­sa che gli sta­va a cuo­re». Pri­ma che nel di­sco, pe­rò, gli Sta­dio li sen­tia­mo a San­re­mo, con la com­mo­ven­te (dav­ve­ro) Un gior­no mi di­rai. «Tut­te le vol­te pen­si di non tor­nar­ci mai più, poi ar­ri­vi a ri­dos­so del Fe­sti­val con una bel­la can­zo­ne e di­ci per­ché no. Per noi la clas­si­fi­ca con­ta po­co, sen­nò avrem­mo la­scia­to per­de­re già nell’86, quan­do con Can­zo­ni al­la ra­dio ar­ri­vam­mo ul­ti­mi». Gli al­tri big in ga­ra que­st’an­no li co­no­sce­va tut­ti? «Ho avu­to un po’ di dub­bi con i Dear Jack e il can­tan­te, non sa­pe­vo che si era­no di­vi­si. Su quel­li di X Factor so­no più pre­pa­ra­to: ho la te­le­vi­sio­ne fis­sa su Sky Sport, ogni tan­to li ve­do pas­sa­re». Noe­mi la co­no­sce be­ne, pe­rò. «La­vo­ria­mo spes­so in­sie­me, è di­ven­ta­ta una di fa­mi­glia. Ci pia­ce per­ché ha una vo­ce e un ani­mo un po’ vin­ta­ge». Il di­sco nuo­vo de­gli Sta­dio è un con­cept al­bum sul­la no­stal­gia: scel­ta dop­pia­men­te vin­ta­ge. «A me i con­cept al­bum piac­cio­no per­ché den­tro c’è una sto­ria. Qui è la no­stal­gia co­me me­mo­ria. Non so­lo il “co­me era­va­mo fe­li­ci”, ma una pre­sa di co­scien­za su co­me era­va­mo». La no­stal­gia di gio­ven­tù è ca­na­glia? «No, for­se per­ché og­gi mi guar­do al­lo spec­chio e mi ve­do mi­glio­ra­to ri­spet­to a quan­do ave­vo vent’an­ni». I ven­ten­ni di og­gi co­me li ve­de, in­ve­ce? «Ai ra­gaz­zi vor­rei tra­smet­te­re l’idea che c’è una stra­da che pos­so­no per­cor­re­re, an­che se il tem­po che vi­via­mo non ci per­met­te di es­se­re pro­get­tua­li: sem­bra che ab­bia­mo tut­to sot­to con­trol­lo e non è ve­ro un caz­zo. Mu­si­cal­men­te so­no tut­ti pre­pa­ra­ti, ma fi­ni­sco­no tri­tu­ra­ti dal mec­ca­ni­smo del­la mu­si­ca vis­su­ta co­me sot­to­fon­do e non “se­der­si a ca­sa con le cuf­fie e ascol­ta­re una sto­ria”». De­le­ghia­mo la me­mo­ria al­la tec­no­lo­gia. «Nes­su­no ha un al­bum di fo­to in ca­sa, ab­bia­mo In­sta­gram. E tra po­co non avre­mo nean­che più un cd, una co­sa che mi dà an­go­scia. Ascol­ta­re l’Al­bum Bian­co dei Bea­tles su Spo­ti­fy non è co­me pren­de­re il di­sco, aprir­lo, guar­da­re le fo­to, ve­de­re chi ha fat­to una co­sa e chi l’al­tra». Ri­mi­ni, del nuo­vo al­bum, par­la di un amo­re ado­le­scen­te. Il suo? «Sì, ma non l’ho scrit­ta io. Quan­do l’au­tri­ce me l’ha con­se­gna­ta, le ho det­to: “Chi ti ha rac­con­ta­to quel­lo che fa­ce­vo quan­do ave­vo 16 an­ni?”. In quei ver­si c’è tut­ta la mia gio­vi­nez­za, le esta­ti a Cer­via con gli ami­ci, i pri­mi amo­ri e le co­se stu­pi­de che di­ci a quell’età: fa­rò tut­to per te, mi am­maz­zo se mi la­sci. Io le ho det­te». È spo­sa­to da tan­to: l’amo­re col tem­po è me­no stu­pi­do? «Per for­tu­na si di­ven­ta ami­ci, sen­nò sai che fa­ti­ca. Quel­lo di Ri­mi­ni è amo­re leg­ge­ro e idea­le, in Un gior­no mi di­rai in­ve­ce con­so­lo, da pa­dre, una fi­glia se­gna­ta dall’amo­re “vi­gliac­co” di un uo­mo che, do­po an­ni, da­van­ti al­la sua ri­chie­sta – “Ci vo­glia­mo spo­sa­re?” – di­ce no e se ne va». Per que­sto ab­bia­mo tut­ti vo­glia di «tor­na­re a Ri­mi­ni», pri­ma o poi. «Io no, per­ché quell’amo­re lo ve­do an­co­ra in­tor­no. Abi­to vi­ci­no all’Uni­ver­si­tà e tut­ti i gior­ni as­si­sto a sce­ne me­ra­vi­glio­se tra ra­gaz­zi – sguardi pro­fon­di, ba­ci strug­gen­ti, ab­brac­ci – che mi fan­no cor­re­re al pia­no­for­te e scri­ve­re. Io di co­rag­gio ne ho po­co, co­sì ho svi­lup­pa­to il mec­ca­ni­smo del fi­fo­ne: vi­vo le emo­zio­ni at­tra­ver­so la nar­ra­zio­ne». In­fat­ti can­ta una can­zo­ne sul rap­por­to pa­dre-fi­glia sen­za es­se­re pa­dre. «Per­ché so­no un guar­do­ne, os­ser­vo. Tan­ti miei ami­ci han­no avu­to pro­ble­mi con fi­glie – di amo­re, di ano­res­sia – e io li ho vis­su­ti in­sie­me a lo­ro. Ho l’au­to­re­vo­lez­za del­le can­zo­ni, le per­so­ne ven­go­no da me e chie­do­no: “Co­sa di­re­sti te che par­li be­ne d’amo­re?”. Gli ami­ci mi han­no sem­pre “usa­to”: pri­ma per in­tor­tar­si le don­ne, og­gi per con­so­la­re le fi­glie». Un gior­no mi di­rai

è an­che un in­no al­la fra­gi­li­tà del ma­schio. «Un pa­dre che pian­ge da­van­ti a un fi­glio è an­co­ra un ta­bù, in­ve­ce la la­cri­ma aiu­ta ad ab­brac­ciar­si. Non a ca­pir­si, ma a con­di­vi­de­re sì. Un ge­ni­to­re che non na­scon­de i suoi dub­bi e le sue fra­gi­li­tà, un fi­glio lo ap­prez­za di più». Non ave­re fi­gli suoi è un rim­pian­to? «È sta­ta una scel­ta: po­te­va­mo adot­ta­re ma non era­va­mo con­vin­ti. Og­gi so­no con­ten­to di af­fron­ta­re al Fe­sti­val un te­ma co­me que­sto: un dia­lo­go su amo­re e ses­so tra un pa­dre e una fi­glia gran­de». Ha fat­to mol­te rinunce per pau­ra? «No, per­ché mi ac­con­ten­to. An­che so­lo di so­gna­re e im­ma­gi­na­re quel­lo che po­trei fa­re. È un pri­vi­le­gio, sa? Fai mol­ta me­no fa­ti­ca».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.