E ORA TOC­CA A NOI

Una scrit­tri­ce ci in­vi­ta a sca­la­re le Pa­re­ti Do­me­sti­che (del cuo­re). Co­me fos­se­ro Ci­me Tem­pe­sto­se

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Buon San Valentino/3 - di CHIA­RA GAM­BE­RA­LE

Se c’è una co­sa che ho im­pa­ra­to dall’amo­re è che è un in­gan­no. E una be­ne­di­zio­ne. Ma è pu­re l’uni­co mo­do che ab­bia­mo per orien­tar­ci fra il pe­ri­co­lo e la ve­ri­tà: in­som­ma, per fa­re quel­la co­sa lì. Cam­bia­re. Mai co­me ades­so me ne ren­do con­to: co­sì, ades­so, ho scrit­to Ades­so. Un li­bro na­to pro­prio dall’ur­gen­za di so­sti­tui­re con le pa­ro­le quel­la ver­ti­gi­ne che con­fon­de i no­stri de­si­de­ri con le pau­re. Lo sa­pe­te an­che voi, ve­ro? Quan­to è na­tu­ra­le sen­tir­la, spe­cie se a es­se­re fe­li­ci ci ave­va­mo pro­va­to una, ma­ga­ri due vol­te, e or­mai ab­bia­mo un ru­mo­re di co­se che si rom­po­no al po­sto del cuo­re. Va da sé che quel­lo che più ci spa­ven­ta è pro­prio quel­lo a cui aspi­ria­mo. L’amo­re, ap­pun­to. E Ades­so è il mio pri­mo ro­man­zo sfac­cia­ta­men­te d’amo­re: an­zi, sull’amo­re. Sul­la pro­ba­bi­li­tà che fra set­te mi­liar­di di per­so­ne che in ogni istan­te s’in­con­tra­no, men­tre una ne in­se­gue un’al­tra e quel­la in­se­gue se stes­sa: ec­co. Tocchi di nuo­vo a noi. Non aspet­ta­va­mo al­tro? Sì. Sia­mo ter­ro­riz­za­ti? Sì. Da­re­mo il no­stro me­glio? Pro­ba­bil­men­te. Da­re­mo il no­stro peg­gio? Si­cu­ra­men­te. Fat­to sta che i miei pro­ta­go­ni­sti, Li­dia e Pie­tro, en­tram­bi re­du­ci da re­la­zio­ni lun­ghe e con­tro­ver­se, an­zi­ché con­ti­nua­re a fug­gi­re, ades­so si fer­ma­no. Ma, at­tra­ver­so lo­ro, vo­le­vo che i ve­ri pro­ta­go­ni­sti fos­se­ro i no­stri cuo­ri spap­po­la­ti, i no­stri cor­pi stan­chi, le no­stre ma­ni, i no­stri pen­sie­ri fe­ri­ti pro­prio da quel­lo che avreb­be do­vu­to ri­pa­rar­ci per sem­pre – l’amo­re. E che, no­no­stan­te tut­to, ci ri­pro­va­no. Per­ché se al per- sem­pre ab­bia­mo smes­so di cre­de­re, di mai-più ri­schia­mo di am­ma­lar­ci: e al­lo­ra, for­za. Ac­co­glia­mo que­st’ades­so che non è pri­ma di nien­te e do­po nien­te, è so­lo ades­so, do­po il do­lo­re, pri­ma del do­lo­re, fi­nal­men­te è ades­so, un qual­co­sa in cui ri­ma­ne­re men­tre c’è, sen­za fug­gi­re, per­ché è una fu­ga in sé, sen­za spe­ra­re, per­ché è in sé una spe­ran­za. Ac­co­glia­mo que­sto nuo­vo in­gan­no, que­sta nuo­va be­ne­di­zio­ne. An­che se ci sia­mo già fat­ti dav­ve­ro ma­le e nien­te sa­rà com’è sta­to, pro­prio per­ché ci sia­mo fat­ti ma­le e nien­te sa­rà com’è sta­to. Na­tu­ral­men­te non so­no fa­ci­li le co­se per Pie­tro e Li­dia, tan­to che, esa­spe­ra­ti dall’in­cer­tez­za, ar­ri­ve­ran­no a scam­biar­si un cur­ri­cu­lum sen­ti­men­ta­le con tan­to di re­fe­ren­ze de­gli ex, e ogni vol­ta che uno slan­cio li por­te­rà più vi­ci­ni, un ti­mo­re, una ri­ser­va, un vi­zio che spac­cia­no per abi­tu­di­ne ri­schie­rà di al­lon­ta­nar­li e di ti­ra­re fuo­ri tut­to quel­lo che, di buio e lon­ta­no, ognu­no dei due era im­pe­gna­to a sof­fo­ca­re. Ma il mio ten­ta­ti­vo è sta­to rac­con­ta­re il ten­ta­ti­vo di far­ce­la. Per­ché or­mai, dell’amo­re, ab­bia­mo ca­pi­to an­che che non può fa­re tut­to da so­lo. E che, an­zi, più ci si ama e più è al­to il ri­schio di per­der­si, sem­pre pron­ti co­me sia­mo a eva­de­re da quel­lo che ci è più ca­ro con una fre­ne­sia o un ri­cor­do, l’iP­ho­ne in una ma­no, nell’al­tra un in­di­riz­zo do­ve non an­dre­mo mai, ma chis­sà. In­som­ma: a me pa­re evi­den­te che le ve­re Ci­me Tem­pe­sto­se, og­gi, sia­no le Pa­re­ti Do­me­sti­che. Non mi pa­re più co­sì ro­man­ze­sca l’im­pos­si­bi­li­tà di sta­re in­sie­me: mi pa­re ro­man­ze­sca la pos­si­bi­li­tà. Di re­sta­re do­ve sia­mo men­tre ci sia­mo. Di con­se­gnar­ci a qual­cu­no, an­zi­ché dar­ci in pre­sti­to a tut­ti, co­me in­si­sto­no a fa­re i per­so­nag­gi che cir­con­da­no Li­dia e Pie­tro e che, men­tre scri­ve­vo, so­no sta­ti ne­ces­sa­ri per ri­cor­dar­mi quel­la sma­nia co­mun­que in ag­gua­to, da qual­che par­te di noi. Per­ché amar­si è un’im­pre­sa. Ma con­ti­nua­re a in­cro­cia­re per­so­ne sen­za che nes­su­na ab­bia mai a che fa­re dav­ve­ro con la no­stra vi­ta è una con­dan­na, un’al­lu­ci­na­zio­ne. For­se quin­di il mo­men­to per but­tar­si di nuo­vo in quell’im­pre­sa ar­ri­va per tut­ti, pri­ma o poi. For­se quel mo­men­to è ades­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.