«CON I MIEI FI­GLI AB­BIA­MO SEM­PRE PAR­LA­TO DI TUT­TO, AN­CHE DEL­LA “PRI­MA VOL­TA”.

LÌ HO VA­CIL­LA­TO, MA NON L’HO DA­TO A VE­DE­RE»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Cheeeese/2 -

Con­fes­so di aver va­cil­la­to, ma ov­via­men­te non po­te­vo dar­lo a ve­de­re: ri­schia­vo che non mi avreb­be rac­con­ta­to più nien­te. Di­co­no che man­te­ne­re la cal­ma sia una del­le mie prin­ci­pa­li qua­li­tà». Co­me quan­do Tan­zi le ven­ne a di­re del bu­co gi­gan­te­sco di Par­ma­lat? «All’ini­zio non po­te­vo cre­de­re che si trat­tas­se di una co­sa co­sì enor­me, e gli dis­si che avreb­be do­vu­to ven­de­re un ra­mo dell’azien­da per co­pri­re le per­di­te. Lui re­pli­cò: “Non ha ca­pi­to; non so quan­to sia gran­de il bu­co, ma pen­so sia mag­gio­re del va­lo­re di tut­to il grup­po”. Gli ri­spo­si: “Se non va im­me­dia­ta­men­te in tri­bu­na­le ci an­dia­mo noi”. Fu una le­zio­ne per tut­ti, ban­che com­pre­se: avrem­mo do­vu­to fa­re di più per sco­per­chia­re quel­la pen­to­lac­cia pri­ma». De­scri­ve suo pa­dre, un im­pren­di­to­re co­ma­sco del ra­mo al­ber­ghie­ro, co­me un uo­mo di idea­li for­tis­si­mi, che le ha tra­smes­so la cul­tu­ra del la­vo­ro e un gran­de sen­so del do­ve­re. «Spe­ro di aver pre­so da lui il co­rag­gio di non tra­di­re mai i pro­pri idea­li: pre­fe­rì far­si an­ni di cam­po di con­cen­tra­men­to piut­to­sto che ve­ni­re me­no al giu­ra­men­to fat­to al pro­prio Pae­se. Per le ca­rez­ze in­ve­ce ho Gio­van­na: si­cu­ra­men­te de­vo a lei il fat­to di aver sco­per­to, tar­di, un po’ di sa­na leg­ge­rez­za; mi ha in­se­gna­to a go­de­re dei pia­ce­ri del­la vi­ta. So­no gra­to ai miei ge­ni­to­ri per­ché ave­re i pie­di per ter­ra mi ha per­mes­so di non mon­tar­mi la te­sta quan­do ho avu­to il po­te­re: ho vi­sto trop­pa gen­te a cui è suc­ces­so, e al­tret­tan­ta dan­nar­si quan­do poi l’ha per­du­to. Ma l’in­se­gna­men­to più pre­zio­so di mio pa­dre è sta­to quel­lo di man­dar­mi a ve­de­re che co­sa c’è ol­tre al ma­re, in Ame­ri­ca, a stu­dia­re». Non era un gran stu­den­te, pe­rò. «Quan­ti due ho pre­so in gre­co... Al gin­na­sio, no­no­stan­te le ri­pe­ti­zio­ni e il fat­to che sgob­bas­si sui li­bri, i ri­sul­ta­ti bril­lan­ti non ar­ri­va­va­no, ma tut­to cam­biò per for­tu­na al li­ceo. An­co­ra og­gi man­ten­go den­tro di me un sa­no sen­so di ina­de­gua­tez­za, che mi fa pen­sa­re che gli al­tri sia­no più bra­vi di me, e che mi sti­mo­la a da­re il me­glio. So­gno una scuo­la ita­lia­na di­ver­sa, che aiu­ti a in­di­vi­dua­re i pro­pri ta­len­ti, che in­se­gni che non ci so­no la­vo­ri di se­rie A e di se­rie B, so­prat­tut­to che non stig­ma­tiz­zi gli er­ro­ri, per­ché è nor­ma­le che si sba­gli, ba­sti con­si­de­ra­re che la me­tà del­le ini­zia­ti­ve im­pren­di­to­ria­li può an­da­re ma­le: non aiu­tia­mo i no­stri fi­gli a tro­va­re la­vo­ro se non gli in­se­gnia­mo che si può sba­glia­re e rial­zar­si, ma in­ve­ce gli in­di­chia­mo so­lo sboc­chi pro­fes­sio­na­li tra­di­zio­na­li». Di lei si po­treb­be di­re che ha la­scia­to va­ri po­sti di la­vo­ro sen­za ga­ran­zie, pren­den­do­si sem­pre ri­schi. Op­pu­re, che le per­so­ne del­la sua spe­cie ca­do­no sem­pre in pie­di. «Ho sem­pre chiu­so le mie av­ven­tu­re pro­fes­sio­na­li sen­za buo­nu­sci­ta e sen­za ave­re pia­ni B: se par­ti pen­san­do a un pa­ra­ca­du­te, si­gni­fi­ca che non sei con­cen­tra­to a fa­re be­ne quel­lo che stai fa­cen­do. Ho la­scia­to una po­si­zio­ne in­vi­dia­bi­le co­me quel­la al ver­ti­ce di Ban­ca In­te­sa sen­za ri­ce­ve­re un eu­ro, e per fa­re il mi­ni­stro un so­lo an­no: tut­ti mi han­no det­to che ero paz­zo». Si è pen­ti­to di es­se­re en­tra­to nel go­ver­no tec­ni­co? «Mi pen­to di es­ser­mi fi­da­to di Mon­ti, sul pia­no uma­no e pro­fes­sio­na­le: ol­tre ai ta­gli, avreb­be do­vu­to fa­re mol­to di più per lo svi­lup­po del Pae­se. Con il pre­sti­gio di cui go­de­va all’epo­ca sa­reb­be sta­to pos­si­bi­le. Se og­gi con­ti­nuo a in­si­ste­re con la po­li­ti­ca è an­che per fa­re le co­se che avrei vo­lu­to fa­re al­lo­ra e per le qua­li non ho avu­to il suo ap­pog­gio». Per­ché ha de­ci­so di can­di­dar­si co­me sin­da­co di Mi­la­no? «È la mia cit­tà, quel­la che mi ha da­to tut­te le op­por­tu­ni­tà e mi ha per­mes­so di rea­liz­za­re tut­te le co­se im­por­tan­ti del­la mia vi­ta. Qui vi­ve la mia fa­mi­glia. E poi è una real­tà che con­sen­te di pen­sa­re in gran­de per­ché ha enor­mi po­ten­zia­li­tà, e me­ri­ta un’au­to­no­mia da cit­tà sta­to: do­ma­ni po­trà mo­stra­re la stra­da all’Ita­lia. L’am­mi­ni­stra­zio­ne Pi­sa­pia non ha fat­to ab­ba­stan­za, so­prat­tut­to na­scon­de sot­to il tap­pe­to emer­gen­ze co­me il la­vo­ro e la si­cu­rez­za, che in­ve­ce og­gi so­no la prio­ri­tà dei cit­ta­di­ni». Per que­sto sta fa­cen­do una cam­pa­gna elettorale co­sì ag­gres­si­va nei con­fron­ti del­la si­ni­stra? O pen­sa di po­ter di­ven­ta­re il can­di­da­to del­la de­stra? «Vo­le­vo da­re un for­te sen­so di di­scon­ti­nui­tà ri­spet­to all’am­mi­ni­stra­zio­ne pre­ce­den­te: c’è bi­so­gno di un cam­bio di mar­cia. La po­li­ti­ca ti co­strin­ge ad al­za­re la vo­ce, a es­se­re me­no com­po­sto, me­no equi­di­stan­te, co­me quan­do mi so­no im­ba­va­glia­to da­van­ti a Mon­te­ci­to­rio con­tro l’Ita­li­cum, una ri­for­ma che so­lo og­gi tut­ti so­no d’ac­cor­do nel ri­te­ne­re scel­le­ra­ta. È uno sfor­zo che co­sta pri­ma di tut­to a me stes­so, ma cre­do sia ne­ces­sa­rio. Ita­lia Uni­ca non ha die­tro al­cun par­ti­to, pe­rò si po­ne co­me al­ter­na­ti­va li­be­ral­de­mo­cra­ti­ca ri­spet­to al Pd di Ren­zi, do­ve obiet­ti­vi di com­pe­ti­ti­vi­tà – li­ber­tà d’im­pre­sa pri­ma di tut­to – sia­no com­bi­na­ti con quel­li di coe­sio­ne so­cia­le: po­li­ti­che per la fa­mi­glia, as­si­sten­za per i più de­bo­li, in­te­gra­zio­ne». Ren­zi pro­prio non le pia­ce. Per­ché? «All’ini­zio mi so­no il­lu­so an­ch’io che po­tes­se por­ta­re un cam­bia­men­to, ma si è ri­ve­la­to so­lo la fac­cia gio­va­ne del­la vec­chia po­li­ti­ca: non ha vi­sio­ne di do­ve va il mon­do, né il co­rag­gio di af­fron­ta­re i ve­ri pro­ble­mi del Pae­se. In po­li­ti­ca eco­no­mi­ca la sua ri­cet­ta è quel­la de­gli ul­ti­mi vent’an­ni: mag­gior in­de­bi­ta­men­to pub­bli­co e ze­ro cre­sci­ta de­gli in­ve­sti­men­ti. In Ita­lia c’è bi­so­gno di ben al­tro».

TEM­PO DI LET­TU­RA PRE­VI­STO: 12 MI­NU­TI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.