Com’è se­xy il rock

Fi­glia d’ar­te cre­sciu­ta nel mon­do del­la mu­si­ca, in Vi­nyl, la se­rie Tv sul­la New York an­ni ’70, JUNO TEM­PLE è una ta­lent scout. E dal suo per­so­nag­gio ha im­pa­ra­to qual­co­sa sul­la for­za del­le don­ne

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di SI­MO­NA SI­RI

Fi­glia del re­gi­sta Julien Tem­ple au­to­re, tra gli al­tri, del film Ab­so­lu­te Be­gin­ners e di un bel do­cu­men­ta­rio sul fe­sti­val di Gla­ston­bu­ry, Juno è co­sì tan­to cre­sciu­ta con la mu­si­ca nel san­gue che la sua pre­sen­za in Vi­nyl (dal 15 feb­bra­io su Sky Atlan­tic HD, pri­ma pun­ta­ta in con­tem­po­ra­nea con gli Sta­ti Uni­ti al­le 3 di not­te e poi ogni lu­ne­dì al­le 21) è qua­si d’ob­bli­go. Nel­la se­rie idea­ta e pro­dot­ta da Mick Jag­ger e Mar­tin Scor­se­se (re­gi­sta an­che dell’epi­so­dio pi­lo­ta di qua­si due ore) sul­la sce­na mu­si­ca­le new­yor­ke­se de­gli an­ni ’70 in­ter­pre­ta la spi­glia­ta Ja­mie Vi­ne, sco­pri­tri­ce di ta­len­ti all’in­ter­no nel­la ca­sa di­sco­gra­fi­ca gui­da­ta dal pro­ta­go­ni­sta Ri­chie Fi­ne­stra (Bob­by Can­na­va­le). Ci racconti il suo per­so­nag­gio. «In­na­mo­ra­ta del la­vo­ro e del­la mu­si­ca, co­rag­gio­sa e sen­za pau­ra di di­re le co­se che pen­sa. Ho im­pa­ra­to mol­to da lei». È la sua pri­ma vol­ta te­le­vi­si­va. Co­me è an­da­ta? «La co­sa bel­la di una se­rie è ri­ma­ne­re col per­so­nag­gio a lun­go: è un’espe­rien­za elet­triz­zan­te, co­sì co­me sco­pri­re ogni set­ti­ma­na che co­sa gli suc­ce­de­rà. L’al­tra co­sa po­si­ti­va è es­se­re di­ret­ta da di­ver­si re­gi­sti: da cia­scu­no di lo­ro im­pa­ri qual­co­sa». Quan­to so­no im­por­tan­ti truc­co e abi­ti in una se­rie am­bien­ta­ta ne­gli an­ni ’70? «Fon­da­men­ta­li. E in Vi­nyl tut­to è per­fet­to, l’at­ten­zio­ne per i det­ta­gli è as­so­lu­ta. Il mo­do in cui gli abi­ti dell’epo­ca fa­scia­no il cor­po, poi, mi ha fat­to sen­ti­re an­co­ra più se­xy. Era­no ve­sti­ti fat­ti per ac­cen­tua­re la fem­mi­ni­li­tà: le don­ne sco­pri­va­no la pil­lo­la an­ti­con­ce­zio­na­le e con quel­la un mo­do di­ver­so di vi­ve­re la ses­sua­li­tà». Li con­si­de­ra an­ni in­te­res­san­ti an­che dal pun­to di vi­sta so­cia­le? «Sì, so­prat­tut­to per le don­ne che, ol­tre al ses­so li­be­ro, sco­pri­va­no an­che di es­se­re bra­ve quan­to gli uo­mi­ni sul la­vo­ro, se non ad­di­rit­tu­ra mi­glio­ri di lo­ro». La mu­si­ca di og­gi le pia­ce? O pre­fe­ri­sce quel­la di Vi­nyl? «Non ascol­to mol­ta mu­si­ca at­tua­le, lo am­met­to. La tro­vo inu­til­men­te vol­ga­re, con tan­te pa­ro­le det­te so­lo per scioc­ca­re. Le can­zo­ni an­ni ’70 rac­con­ta­va­no una sto­ria, che par­las­se­ro di ses­so, po­li­ti­ca, dro­ga, qual­sia­si co­sa. Ma pur sem­pre una sto­ria».

VI­NI­LI­CA

Juno Tem­ple, 26 an­ni, è tra le pro­ta­go­ni­ste di Vi­nyl, la se­rie Tv pro­dot­ta da Mick Jag­ger e Mar­tin Scor­se­se, su Sky Atlan­tic

HD dal 15 feb­bra­io.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.