MA é PRO­PRIO BO­WIE?

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem -

C’è Da­vid Bo­wie nei pan­ni di se stes­so. E Vi­nyl, per i suoi su­per pro­dut­to­ri Mar­tin Scor­se­se e Mick Jag­ger, è «un omag­gio a lui e al­la New York de­gli an­ni ’70», tra grou­pies e pa­vi­men­ti di di­sco­te­che scric­chio­lan­ti di si­rin­ghe. Die­ci epi­so­di con al­tret­tan­te co­lon­ne so­no­re pie­ne di chic­che (dai New York Dolls a Otis Red­ding so­lo nel pri­mo di­ret­to pro­prio da Scor­se­se), che do­po la mes­sa in on­da di cia­scu­na pun­ta­ta sa­ran­no in ven­di­ta on­li­ne co­me Ep di­gi­ta­li. E un dub­bio che cir­co­la in Re­te: il Bo­wie che com­pa­re nel se­sto epi­so­dio è pro­prio lui (pro­ba­bi­le, i pri­mi trai­ler cir­co­la­va­no già la scor­sa pri­ma­ve­ra) o un at­to­re-so­sia, co­me nel ca­so di El­vis, an­che lui in sce­na?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.