I lu­pi (ve­ri) di Wall Street

A rac­con­tar­li è uno che li co­no­sce be­ne, e per­ciò li te­me. EN­RI­CO PEL­LE­GRI­NI, av­vo­ca­to di Ma­n­hat­tan, ha scrit­to la sto­ria di un crac fi­nan­zia­rio. Il col­pe­vo­le? La fo­cac­cia li­gu­re

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di MAR­CO DE MAR­TI­NO

Sa­lia­mo fi­no all’ul­ti­mo pia­no, do­ve nel cor­ri­do­io ci so­no i qua­dri de­gli an­te­na­ti che, co­me spes­so ca­pi­ta nel­le fa­mi­glie del­la gran­de bor­ghe­sia to­ri­ne­se, han­no no­mi fran­ce­si. «Quel­lo è Hen­ri, quel­lo Mau­ri­ce. Ban­chie­ri, im­pren­di­to­ri: nel­la no­stra fa­mi­glia c’è una spe­cie di re­go­la non scrit­ta per cui una ge­ne­ra­zio­ne pen­sa a fa­re sol­di e l’al­tra a di­pin­ge­re. Io so­no ca­pi­ta­to nel­la ge­ne­ra­zio­ne sba­glia­ta». En­ri­co Pel­le­gri­ni è un im­por­tan­te av­vo­ca­to di Wall Street. Si oc­cu­pa di fu­sio­ni e di ac­qui­si­zio­ni e abi­ta in­sie­me al­la mo­glie e al ter­zo fi­glio di due an­ni in un ma­gni­fi­co bro­wn­sto­ne tra Park e Le­xing­ton Ave­nue, in una di quel­le stra­de in cui Ma­n­hat­tan sem­bra da­re il me­glio di Lon­dra. Ogni stan­za è ar­re­da­ta con i qua­dri di suo pa­dre Max, il Pel­le­gri­ni na­to nel­la ge­ne­ra­zio­ne giu­sta, un ar­ti­sta pop espo­sto an­che a New York e Los An­ge­les: «In real­tà stia­mo tra­sgre­den­do un po’ la re­go­la, per­ché pa­pà sta fa­cen­do sol­di con le sue ope­re, e io, di ri­tor­no dal la­vo­ro la se­ra, mi met­to a scri­ve­re ro­man­zi». L’ul­ti­mo si chia­ma Ai no­stri de­si­de­ri e rac­con­ta le mi­ra­bo­lan­ti im­pre­se di Ros­so Fio­ren­ti­no, che i let­to­ri di Pel­le­gri­ni co­no­sco­no già per­ché era il pro­ta­go­ni­sta di La ne­gli­gen­za, il ro­man­zo che nel 1997 gli die­de il Pre­mio se­le­zio­ne Cam­piel­lo. Al­lo­ra Ros­so era un ra­gaz­zi­no che pas­sa­va il tem­po tra una fe­sta e l’al­tra. Ora la­vo­ra e co­strui­sce un im­pe­ro fi­nan­zia­rio ba­sa­to sull’espor­ta­zio­ne del­la fo­cac­cia li­gu­re nel mon­do. Ci so­no pu­re un sen­za­tet­to esper­to in flus­si eco­no­mi­ci, un pro­dut­to­re di por­no-fia­be e un amo­re dif­fi­ci­le. Ma il li­bro è an­che la cro­na­ca di un pro­ces­so, quel­lo che de­ve de­ci­de­re se Ros­so è pe­nal­men­te col­pe­vo­le del­la cri­si dei mer­ca­ti fi­nan­zia­ri glo­ba­li pro­vo­ca­ta dal fal­li­men­to del­la sua azien­da. In­con­tro Pel­le­gri­ni men­tre le Bor­se crol­la­no ve­ra­men­te e c’è chi di­ce che sia­mo di nuo­vo al­la vi­gi­lia di una re­ces­sio­ne co­me nel 2008: è ine­vi­ta­bi­le par­ti­re pro­prio da qui. Ma dav­ve­ro una fet­ta di fo­cac­cia può fa­re crol­la­re i mer­ca­ti? «La mia è una fa­vo­la un po’ fol­le e de­li­ran­te, ma la pa­net­te­ria di Ra­pal­lo che mi ha ispi­ra­to esi­ste ve­ra­men­te. E non è lon­ta­no dal­la real­tà di­re che que­sto si­ste­ma fi­nan­zia­rio è ba­sa­to sul­la con­ti­nua pro­du­zio­ne di bol­le spe­cu­la­ti­ve da par­te di un pic­co­lo club di per­so­ne che sul­le bol­le pro­spe­ra. An­che per­ché poi a pa­ga­re non è il club di Wall Street ma la gen­te co­mu­ne». È una vi­sio­ne mol­to dark del mon­do in cui lei ope­ra. «Be’, la fa­mi­glia me­dia de­ve pren­de­re dei ri­schi in­cal­co­la­bi­li per so­prav­vi­ve­re. Lo si ve­de be­ne ne­gli Sta­ti Uni­ti, do­ve è pos­si­bi­le com­pra­re ca­se fa­cen­do­si pre­sta­re l’80 per cen­to dei sol­di, do­ve le pen­sio­ni so­no bloccate in in­ve­sti­men­ti di cui si sa po­co, do­ve per­de­re tut­to è “na­tu­ra­le”, per­ché l’im­pren­di­to­ria è ba­sa­ta sul ri­schio. Il fal­li­men­to è so­lo un nuo­vo ini­zio, di­co­no. Quan­do poi guar­di chi ha in ma­no i sol­di dei ri­spar­mia­to­ri ti ven­go­no i bri­vi­di: so­no gli stes­si ra­gaz­zi­ni che fi­no all’al­tro gior­no an­da­va­no da una fe­sta all’al­tra e ora con­trol­la­no Wall Street». So­no cam­bia­ti quei ra­gaz­zi­ni? «So­no pas­sa­ti dal­lo smo­king al dop­pio­piet­to gri­gio». Han­no dei sen­ti­men­ti? «Il più for­te di tut­ti, se­con­do me, è lo spi­ri­to di so­prav­vi­ven­za, in no­me del qua­le in­fran­ge­re le re­go­le è con­si­de­ra­to giu­sto, se non ne­ces­sa­rio. Ma c’è an­che una co­stan­te vo­glia di spet­ta­co­lo: si vuo­le ve­de­re vin­ce­re chi par­te dal nul­la, men­tre chi ar­ri­va in vet­ta de­ve ca­de­re». Lei ha pau­ra? «Co­me tut­ti: ba­sta un bat­ti­to di ci­glia per fi­ni­re in bas­so. For­se ne ho so­lo una per­ce­zio­ne più acu­ta di al­tri, ma tut­ti in qual­che mo­do vi­via­mo una vi­ta che non ci pos­sia­mo per­met­te­re ba­sa­ta su un cre­di­to che può eva­po­ra­re in un at­ti­mo». Nel 2008 a fa­re ca­de­re i mer­ca­ti fu­ro­no de­ri­va­ti e mu­tui spaz­za­tu­ra: c’è sem­pre una truf­fa al­la ba­se dell’esplo­sio­ne di una bol­la? «No, ma la li­nea che di­vi­de il cri­mi­ne dal­la ne­gli­gen­za, e i buo­ni dai cat­ti­vi, si fa sem­pre più sot­ti­le. Mi è ca­pi­ta­to di ospi­ta­re a ca­sa uo­mi­ni del­la fi­nan­za che sem­bra­va­no uma­na­men­te in­te­ger­ri­mi e di leg­ge­re poi sul gior­na­le che ave­va­no com­mes­so fro­di da mi­liar­di di dol­la­ri. Sei un cri­mi­na­le so­lo quan­do ti bec­ca­no, al­tri­men­ti sei un ge­nio del­la fi­nan­za». E co­sa suc­ce­de quan­do fi­nal­men­te la bol­la scop­pia? «Il mio pro­ta­go­ni­sta do­po ave­re fat­to sal­ta­re la fi­nan­za mon­dia­le non vie­ne con­dan­na­to al car­ce­re, e quin­di si au­to- esi­lia in In­dia. Mi vie­ne in men­te il te­sto di La tor­re, la can­zo­ne di Fran­co Bat­tia­to: “Si sal­ve­rà chi non ha vo­glia di far nien­te e non sa fa­re nien­te”».

I MA­GHI DEL­LA CRI­SI

Una sce­na del­la Gran­de scom­mes­sa, il film su­gli squa­li

di Wall Street can­di­da­to all’Oscar. A si­ni­stra, la co­ver di Ai no­stri de­si­de­ri (Marsilio, pagg. 198, ¤ 16).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.