L’ho fat­ta gros­sa

Vanity Fair (Italy) - - Social - di Mar ina Cap­pa

U n ra­gaz­zo con la bar­ba, ve­sti­to da chie­ri­chet­to. Per noi, spet­ta­to­ri del nuo­vo film di Car­lo Ver­do­ne L’ab­bia­mo fat­ta gros­sa (al pri­mo wee­kend di usci­ta, il più vi­sto in Ita­lia), è so­lo una sce­na, una bat­tu­ta. Per lui, il chie­ri­chet­to che nel­la real­tà si chia­ma Roc­co Buo­nin­con­ti e ha 19 an­ni, è il so­gno rea­liz­za­to. Roc­co, og­gi stu­den­te di In­ge­gne­ria, fre­quen­ta­va la se­con­da li­ceo quan­do ha ini­zia­to a sen­tir­si mol­to de­bo­le. I con­trol­li, gli esi­ti de­gli esa­mi: leu­ce­mia. Il gior­no do­po, la­scia la ca­sa di No­ce­ra In­fe­rio­re (Sa) per en­tra­re al Bam­bin Ge­sù di Ro­ma, do­ve re­ste­rà un an­no e mez­zo. La ma­lat­tia, la che­mio­te­ra­pia, per tre vol­te la ria­ni­ma­zio­ne con il dub­bio di non riu­sci­re a uscir­ne, una se­rie di al­tre con­se­guen­ze e sof­fe­ren­ze che lo ri­du­co­no a 38 chi­li. Poi, pian pia­no, la ri­pre­sa. L’ap­par­ta­men­to do­ve ades­so ci in­con­tria­mo è lo stes­so in cui abi­ta­va al­lo­ra. Lui pe­rò pe­sa «... più del dop­pio, di­cia­mo». Cir­con­da­to dai sor­ri­si di mam­ma Mi­rel­la, in­se­gnan­te di ma­te­ma­ti­ca, e del fra­tel­lo Raf­fae­le, stu­den­te di Me­di­ci­na (il pa­pà me­di­co è al la­vo­ro), Roc­co spri­gio­na un’al­le­gria che, an­che nel ri­co­strui­re i mo­men­ti peg­gio­ri di que­sti an­ni, non si smor­za. Non a ca­so «di­sa­stro» – co­sì l’ave­va­no ri­bat­tez­za­to in ospe­da­le, per i ri­pe­tu­ti mo­men­ti in cui ha ra­sen­ta­to la fi­ne –a l Bam­bin Ge­sù non ver­sa­va la­cri­me, ma si di­ver­ti­va a di­ver­ti­re gli al­tri pic­co­li pa­zien­ti. Ol­tre che po­si­ti­va, la sua sto­ria è pe­rò per di­ver­si aspet­ti an­che mol­to «ci­ne­ma­to­gra­fi­ca». Tut­to co­min­cia quan­do Roc­co in­con­tra a una vi­si­ta Li­sa, pu­re lei ma­la­ta «in fa­se uscen­te». Sms, te­le­fo­na­te, pas­seg­gia­te in­sie­me. A un cer­to pun­to Li­sa spie­ga a Roc­co che esi­ste un’as­so­cia­zio­ne, si chia­ma Ma­ke- a- Wi­sh e ha co­me obiet­ti­vo esau­di­re i de­si­de­ri di bam­bi­ni e ra­gaz­zi ma­la­ti: è co­sì che lei è riu­sci­ta a co­no­sce­re il suo mi­to, Jo­va­not­ti. A que­sto pun­to del rac­con­to, sem­bra di en­tra­re nel film Col­pa del­le stel­le, la stes­sa tra­ma: due ra­gaz­zi ma­la­ti, che esau­di­sco­no un so­gno, uno pe­rò al­la fi­ne non ce la fa. È toc­ca­ta a Li­sa. Roc­co mo­stra una fo­to di mag­gio do­ve ri­do­no fe­li­ci, due me­si do­po – all’im­prov­vi­so – per lei era fi­ni­to tut­to. Lui pe­rò in­tan­to ha espres­so il pro­prio de­si­de­rio, co­no­sce­re Car­lo Ver­do­ne: i suoi film gli piac­cio­no (ha buo­ni gu­sti: il pre­fe­ri­to è Com­pa­gni di scuo­la), ama la re­ci­ta­zio­ne, tan­to che a No­ce­ra fa l’at­to­re in un grup­po spe­ri­men­ta­le, e vuo­le ve­de­re che dif­fe­ren­ze ci so­no fra il tea­tro e un set ci­ne­ma­to­gra­fi­co. Ma­ke-a-Wi­sh or­ga­niz­za tut­to, il re­gi­sta non so­lo è di­spo­ni­bi­le all’in­con­tro, ma mo­di­fi­ca an­che la sce­neg­gia­tu­ra già scrit­ta per in­se­ri­re una sce­na con Roc­co. «Ver­do­ne ha una gen­ti­lez­za “ti­mi­da”: un buf­fet­to sul­la guan­cia, la con­ti­nua pre­oc­cu­pa­zio­ne che, vi­sto che fa­ce­va cal­dis­si­mo du­ran­te le ri­pre­se, mio fi­glio su­das­se trop­po», ri­cor­da mam­ma Mi­rel­la. Lui, il chie­ri­chet­to at­to­re, si en­tu­sia­sma a ri­cor­da­re la rou­lot­te-ca­me­ri­no per­so­na­le «con tut­te quel­le lu­ci e gli spec­chi», e il ca­lo­re an­che di An­to­nio Al­ba­ne­se, co­pro­ta­go­ni­sta del­la com­me­dia «che nel­la real­tà è pro­prio ugua­le a co­me si ve­de al ci­ne­ma». Sul set, Roc­co ha fat­to an­che un’al­tra sco­per­ta: una del­le vo­lon­ta­rie che aiu­ta­va i ma­la­ti del Bam­bin Ge­sù, Gian­na, è la ex mo­glie pro­prio di Ver­do­ne. All’usci­ta del film, il ra­gaz­zo è an­da­to a ve­der­lo con tut­ta la fa­mi­glia e gli ami­ci e i com­pa­gni di tea­tro: «Ero emo­zio­na­tis­si­mo, quan­do è ar­ri­va­ta la mia sce­na, so­no sta­to il pri­mo ad ap­plau­di­re». No­no­stan­te la sod­di­sfa­zio­ne, il suo fu­tu­ro pe­rò è nell’In­ge­gne­ria ci­vi­le, per­ché «ho sem­pre avu­to la pas­sio­ne di tra­sfor­ma­re un di­se­gno (in ospe­da­le ne fa­ce­va tan­ti, mol­to bel­li, ndr) in real­tà». Un so­gno che di­ven­ta qual­co­sa di con­cre­to, co­me quan­do – ma­la­to – il suo più gran­de de­si­de­rio era tor­na­re a ca­sa «e man­gia­re tut­ti in­sie­me noi quat­tro la do­me­ni­ca: non mi ero mai ac­cor­to di quan­to fos­se im­por­tan­te, pri­ma di am­ma­lar­mi». L’in­con­tro con Ma­ke-a-Wi­sh ha co­mun­que cam­bia­to un po’ tut­ti: og­gi il fra­tel­lo Raf­fae­le fa il vo­lon­ta­rio per l’as­so­cia­zio­ne, gio­ca con i bam­bi­ni ma­la­ti e cer­ca di esau­di­re i lo­ro de­si­de­ri, di qua­lun­que ti­po es­si sia­no, dal­la gi­ta a Di­sney­land (la più so­gna­ta) al­la vi­si­ta a Stri­scia la no­ti­zia. Per met­ter­si in con­tat­to con Ma­ke-a-Wi­sh: 010.8681336, www.ma­kea­wi­sh.it.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.