VIAL­LI, QUAND’ERA GE­MEL­LO DI MAN­CI­NI

Bam­bi­no in una fa­mi­glia «po­co bra­va a di­mo­stra­re af­fet­to». Ra­gaz­zo con­vin­to che l’amo­re fos­se «una di­stra­zio­ne dal cal­cio». So­lo da pa­dre (di due fi­glie) GIAN­LU­CA VIAL­LI ha im­pa­ra­to «a re­la­zio­nar­mi fi­nal­men­te con il ge­ne­re fem­mi­ni­le». Ma non toc­ca­te­gli

Vanity Fair (Italy) - - Social - di SA­RA FAIL­LA­CI

Se Gian­lu­ca Vial­li in que­sta in­ter­vi­sta par­la tan­to di Ro­ber­to Man­ci­ni, og­gi al­le­na­to­re dell’In­ter, sap­pia­te che è col­pa mia. Mi au­to­de­nun­cio su­bi­to: so­no ge­no­ve­se, cre­sciu­ta con un pa­dre samp­do­ria­no sfe­ga­ta­to. Du­ran­te tut­ta la mia ado­le­scen­za que­sti due no­mi le­ga­ti in­dis­so­lu­bil­men­te in­sie­me – Vial­li e Man­ci­ni – han­no rie­cheg­gia­to nel­le mie orec­chie all’in­fi­ni­to, ido­li in­con­tra­sta­ti di una ti­fo­se­ria blu­cer­chia­ta de­sti­na­ta a sco­pri­re, per la pri­ma vol­ta nel­la vi­ta, co­me ci si sen­te in ci­ma all’Olim­po. Per­ché la Samp in que­gli an­ni, gra­zie ai gemelli del gol (co­sì era sta­ta bat­tez­za­ta la cop­pia), vin­se tut­to: tre Cop­pe Ita­lia, nel 1990 la Cop­pa del­le Cop­pe, nel ’91 il pri­mo (e uni­co) scu­det­to e la Su­per­cop­pa Ita­lia­na, ar­ri­van­do a sfio­ra­re nel ’92 la Cop­pa dei Cam­pio­ni, per­sa in fi­na­le con il Bar­cel­lo­na. Vial­li ave­va 28 an­ni quan­do la­sciò la Samp per la Ju­ven­tus. Nel­la sua car­rie­ra di at­tac­can­te, pro­se­gui­ta poi in In­ghil­ter­ra con il Chel­sea, do­ve ha fat­to an­che l’al­le­na­to­re, ha se­gna­to 286 gol ed è tra i no­ve gio­ca­to­ri ita­lia­ni che han­no vin­to tut­te e tre le prin­ci­pa­li com­pe­ti­zio­ni Ue­fa per club. Nel 2002 ha la­scia­to il cal­cio per di­ven­ta­re com­men­ta­to­re spor­ti­vo per Sky. La sua pros­si­ma sfi­da è sem­pre te­le­vi­si­va e si chia­ma Squa­dre da in­cu­bo: gi­ra l’Ita­lia, nei pan­ni di di­ret­to­re spor­ti­vo, as­sie­me all’ex cal­cia­to­re Lo­ren­zo Amo­ru­so, che fa da al­le­na­to­re, an­dan­do in soc­cor­so di squa­dre di­let­tan­ti di pe­ri­fe­ria sull’or­lo del ba­ra­tro. Con ap­pe­na set­te gior­ni per sal­var­le. Ul­ti­mo di cin­que fi­gli, quat­tro ma­schi e una fem­mi­na: era il più coc­co­la­to? «Se mai, il fi­glio non pre­vi­sto. Mia ma­dre ci ha avu­ti tut­ti dai suoi ven­ti ai trent’an­ni, con me cre­do aves­se fi­ni­to le ener­gie. Que­sto pe­rò mi ha for­gia­to: la ne­ces­si­tà di far­mi no­ta­re in fa­mi­glia mi ha da­to sti­mo­li più for­ti, che for­se gli al­tri miei fratelli non han­no avu­to». Co­me han­no vis­su­to a ca­sa il suo suc­ces­so? «Be­ne, an­che se non era­no cer­to i ge­ni­to­ri che so­gna­va­no un fi­glio cal­cia­to­re, lo­ro ci te­ne­va­no so­prat­tut­to che stu­dias­si. Mi per­mi­se­ro di in­ter­rom­pe­re le su­pe­rio­ri so­lo quan­do mi fe­ce­ro il con­trat­to da pro­fes­sio­ni­sta al­la Cre­mo­ne­se. A 28 an­ni, all’api­ce del­la car­rie­ra, pre­si il di­plo­ma da geo­me­tra». Suo pa­dre non ama­va il cal­cio? «Ze­ro, pen­sa­va so­lo al la­vo­ro, era un co­strut­to­re. Og­gi ho il rim­pian­to di non aver­li coin­vol­ti ab­ba­stan­za: lo­ro non chie­de­va­no di ve­ni­re a ve­de­re le par­ti­te, io ero con­cen­tra­to su­gli al­le­na­men­ti e non ho mai in­si­sti­to, for­se avrei do­vu­to: nel­la mia fa­mi­glia non sia­mo sta­ti bra­vi a di­mo­strar­ci l’af­fet­to». Se non aves­se fat­to il cal­cia­to­re... «Sa­rei an­da­to qua­si si­cu­ra­men­te a la­vo­ra­re con mio pa­dre. Ma pen­sa­vo so­lo al cal­cio: do­po la scuo­la, a Cremona, an­da­vo all’ora­to­rio e gio­ca­vo tut­to il gior­no. Il ta­len­to è im­por­tan­te, ma se non gio­chi tan­to non ce la fai. Og­gi i bam­bi­ni han­no trop­pe di­stra­zio­ni, per que­sto ci so­no me­no cal­cia­to­ri». Il suo back­ground fa­mi­lia­re la ren­de­va di­ver­so dal cal­cia­to­re me­dio. Se ne ac­cor­ge­va? «La ve­ri­tà è che, ap­pe­na en­tria­mo in uno spo­glia­to­io, di­ven­tia­mo pa­rec­chio si­mi­li. Al­la Samp, poi, ave­va­mo tut­ti più o me­no la stes­sa età, la stes­sa fi­lo­so­fia di vi­ta, ed era­va­mo le­ga­ti da un sen­so di ap­par­te­nen­za che ave­va sa­pu­to crea­re il no­stro pre­si­den­te, Pao­lo Man­to­va­ni. Ba­sta­va par­lar­gli mezz’ora e usci­vi dal suo uf­fi­cio pen­san­do di po­ter cam­mi­na­re sull’ac­qua». Sta par­lan­do di ca­ri­sma? «Per noi era un pa­dre che ci ave­va da­to una mis­sio­ne: sfi­da­re lo sta­tus quo e di­mo­stra­re che an­che una squa­dra pic­co­la può com­pe­te­re e bat­te­re le gran­di. Per que­sto, per an­ni, ab­bia­mo tut­ti ri­fiu­ta­to le of­fer­te del­le al­tre squa­dre: do­ve­va­mo pri­ma vin­ce­re lo scu­det­to». Man­to­va­ni si com­por­ta­va di­ver­sa­men­te con lei e con Man­ci­ni? «Sì, per­ché ave­va­mo ca­rat­te­ri dif­fe­ren­ti. Con me, che so­no sem­pre sta­to con­cre­to, pre­fe­ri­va es­se­re prag­ma­ti­co. Con Ro­by, che ave­va la­scia­to ca­sa quan­do ave­va 14 an­ni, era si­cu­ra­men­te più af­fet­tuo­so e pre­sen­te. Cre­do che Ro­ber­to lo di­ver­tis­se di più, ma si fi­das­se più di me, per­ché ero più co­stan­te». In che sen­so lo di­ver­ti­va? «In­tan­to in cam­po: Man­ci­ni na­sce co­me un gran­dis­si­mo cen­tra­van­ti e un gior­no, for­se per un’il­lu­mi­na­zio­ne di­vi­na, de­ci­de che fa­rà il nu­me­ro die­ci. Lui era l’ar­ti­sta, io il mu­ra­to­re. An­che quan­do non gio­ca­va, Ro­by ave­va sem­pre del­le idee, era fan­ta­sio­so e sor­pren­den­te: io ero si­cu­ra­men­te pa­rec­chio più pre­ve­di­bi­le». Vi chia­ma­va­no i gemelli del gol. Sie­te sem­pre an­da­ti d’ac­cor­do? «Sì, per­ché ci com­ple­tia­mo a vi­cen­da. Non c’è mai sta­ta ge­lo­sia: quan­do gio­ca­va­mo in at­tac­co in­sie­me era più im­por­tan­te per noi vin­ce­re che se­gna­re.

Ci sti­ma­va­mo, e poi ab­bia­mo vis­su­to tan­te co­se in­sie­me: Na­zio­na­le, cop­pe, scon­fit­te, cri­si. Que­sto ha raf­for­za­to il no­stro rap­por­to. Tan­to che, quan­do ci sia­mo se­pa­ra­ti, ab­bia­mo con­ti­nua­to a re­sta­re ami­ci». Dav­ve­ro non ave­te mai li­ti­ga­to? «Una so­la vol­ta, uno scaz­zo in al­le­na­men­to. Per me fi­ni­va lì, ma Ro­by se la pre­se e non mi par­lò per tre gior­ni. Me la ri­cor­do per­ché è sta­ta l’uni­ca». Che Man­ci­ni sia fu­man­ti­no si sa, e si è vi­sto an­che di re­cen­te, con le sue rea­zio­ni po­co ele­gan­ti al der­by mi­la­ne­se. «Ro­by è ge­nui­no, spon­ta­neo, va do­ve lo por­ta il cuo­re, non è un cal­co­la­to­re. Una vol­ta De Ros­si ha det­to: “Vo­le­te che sia un esem­pio per gli al­tri, o che vin­ca le par­ti­te?”. Ab­bia­mo il san­gue nel­le ve­ne, ci sta ave­re rea­zio­ni emo­ti­ve per l’adre­na­li­na. Poi è giu­sto che sia­no cri­ti­ca­te e san­zio­na­te, co­me è bel­lo che uno sap­pia chie­de­re scu­sa». Chi ave­va più suc­ces­so con le ra­gaz­ze? «Ro­ber­to è più at­traen­te, io do­ve­vo fa­re le­va sul­la sim­pa­tia. Ma lui non ha mai fat­to vi­ta mon­da­na, ero più io quel­lo che an­da­va in di­sco­te­ca. Poi si è spo­sa­to pre­sto, nel ’90, cer­ca­va cer­tez­ze af­fet­ti­ve. So­no sta­to suo te­sti­mo­ne di noz­ze e an­che pa­dri­no del suo pri­mo­ge­ni­to, Fi­lip­po». Quel ma­tri­mo­nio è da po­co fi­ni­to. Le è di­spia­ciu­to? «Non sa­prei co­sa di­re. Non ci sia­mo mai fre­quen­ta­ti in cop­pia, con le fa­mi­glie. Io mi so­no spo­sa­to tar­di». Ai tem­pi del­la Samp era fi­dan­za­to con una ra­gaz­za di Cremona, Gio­van­na, con cui è sta­to 13 an­ni ma che al­la fi­ne non ha spo­sa­to. «Ero in­na­mo­ra­to, ma la mia prio­ri­tà in que­gli an­ni è sem­pre sta­ta il cal­cio, e qua­si sen­za ac­cor­ger­me­ne ho evi­ta­to tut­to quel­lo che avreb­be po­tu­to es­se­re una di­stra­zio­ne: ma­tri­mo­nio, fi­gli. Ho ini­zia­to a pen­sar­ci so­lo quan­do ho smes­so, ma a quel pun­to il sen­ti­men­to con Gio­van­na si era spen­to». Ha co­no­sciu­to sua mo­glie Ca­th­ryn, su­da­fri­ca­na, a Lon­dra. «Si stu­pì che non l’aves­si ba­cia­ta la pri­ma se­ra, da buon ita­lia­no. Ma io non so­no mai sta­to ag­gres­si­vo con le ra­gaz­ze, e poi sen­ti­vo mol­to la re­spon­sa­bi­li­tà di es­se­re gio­ca­to­re e al­le­na­to­re del Chel­sea, non mi sen­ti­vo pron­to. Al­la fi­ne pe­rò è suc­ces­so». Non cre­de nel det­to «mo­glie e buoi dei pae­si tuoi»? «Le dif­fe­ren­ze cul­tu­ra­li ci so­no, tut­to sta nel non con­si­de­rar­le un pro­ble­ma ma un’op­por­tu­ni­tà per mi­glio­rar­si. Mia mo­glie è mol­to bri­tan­ni­ca: è una don­na so­li­da, sal­da­men­te le­ga­ta al­la fa­mi­glia, piut­to­sto ti­mi­da e riservata. Vuo­le sta­re a Lon­dra e an­ch’io mi tro­vo be­ne a vi­ve­re in un Pae­se do­ve il sen­so ci­vi­co è più al­to che da noi. E poi le scuo­le in­gle­si dan­no op­por­tu­ni­tà ec­ce­zio­na­li per le mie due fi­glie». Ha cer­ca­to il ter­zo, un ma­schio ma­ga­ri? «So­no fe­li­cis­si­mo e rin­gra­zio il Si­gno­re per aver­mi da­to due fi­glie: con lo­ro ho im­pa­ra­to a re­la­zio­nar­mi me­glio con il ge­ne­re fem­mi­ni­le, pri­ma il mio rap­por­to con le don­ne era ab­ba­stan­za su­per­fi­cia­le». In che mo­do lo ha im­pa­ra­to? «Gra­zie a que­sto amo­re in­con­di­zio­na­to che ho nei lo­ro con­fron­ti. Ec­ce­do nel­le ma­ni­fe­sta­zio­ni d’af­fet­to, an­che fi­si­che, for­se per com­pen­sa­re il fat­to di aver­ne ri­ce­vu­to po­co nel­la mia fa­mi­glia d’ori­gi­ne. Mi di­spia­ce un po’ che non par­li­no be­ne l’ita­lia­no, ma lo im­pa­re­ran­no quan­do vor­ran­no un fi­dan­za­ti­no ita­lia­no». Sua mo­glie sa di es­se­re mol­to invidiata? «Guar­di che tra i due il for­tu­na­to so­no io. Non so­no poi co­sì spe­cia­le: so­no spes­so sot­to stress, ho for­ti oscil­la­zio­ni, up and do­wn. Il cal­cio, gio­car­lo, con­su­ma: è una cen­tri­fu­ga di cui di­ven­ti di­pen­den­te. Io, per una se­rie di cir­co­stan­ze, ne so­no usci­to, mi so­no di­sin­tos­si­ca­to. Ho scel­to la Tv e ho ca­pi­to che pos­so es­se­re fe­li­ce an­che fuo­ri, ma è sta­ta la stra­da più fa­ci­le». Che co­sa in­ten­de? «Ri­ma­ne­re “in trin­cea”, ad al­le­na­re per esem­pio, è più fa­ti­co­so. Gi­ra­re cit­tà di­ver­se, af­fron­ta­re scon­fit­te, es­se­re cac­cia­ti, ve­de­re la tua fa­mi­glia sof­fri­re: la mia scel­ta l’ho fat­ta so­prat­tut­to per pro­teg­ge­re i miei ca­ri. E poi il cal­cio ita­lia­no non è cri­stal­li­no, non sai mai se vin­ci o per­di per me­ri­to, co­me di­mo­stra­no an­che le in­chie­ste de­gli ul­ti­mi tem­pi. Det­to que­sto, cer­to mi man­ca il rap­por­to con la squa­dra, i 90 mi­nu­ti del­la par­ti­ta, es­se­re lea­der di un grup­po». Esclu­de di tor­na­re nell’are­na? «Spe­ro un gior­no di far­lo da di­ri­gen­te spor­ti­vo, ma­ga­ri con Man­ci­ni al­le­na­to­re. Ci ve­dre­mo il 22 feb­bra­io per un’oc­ca­sio­ne emo­zio­nan­te, che lo sa­rà an­co­ra di più per­ché la vi­vre­mo in­sie­me: en­tre­re­mo nel­la Hall of Fa­me del cal­cio, lui co­me al­le­na­to­re, io co­me cal­cia­to­re». Non con­ta di più il ri­co­no­sci­men­to da cal­cia­to­re? «Ba­sta es­se­re lì, tra quel­li che han­no fat­to qual­co­sa per lo sport: con la cri­si di mez­za età, ti vie­ne la pau­ra che la gen­te si ri­cor­di di te so­lo per­ché hai ti­ra­to dei cal­ci al pal­lo­ne». Le vie­ne il dub­bio di non aver fat­to qual­co­sa di im­por­tan­te? Re­ga­la­re emo­zio­ni al­la gen­te ha il suo va­lo­re. «Cer­to, quel­la è una gran­de co­sa, e spe­ro di ave­re in­ci­so nel­la vi­ta di tan­ti gio­va­ni. Cer­co di pen­sar­lo an­che io, di con­vin­cer­mi. Ma al­la fi­ne noi cal­cia­to­ri sia­mo co­me gli at­to­ri, uo­mi­ni di spet­ta­co­lo. So­no al­tri quel­li che fan­no co­se im­por­tan­ti».

FO­TO GIA­CO­MO BIA­GI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.