«MIO FI­GLIO È NA­TO IN CA­SA. E L’HO SU­BI­TO AV­VOL­TO NEL­LA BAN­DIE­RA DEL NA­PO­LI »

AN­TO­NI­NO CAN­NA­VAC­CIUO­LO, MA­STER­CHEF

Vanity Fair (Italy) - - Social - di ISA­BEL­LA MAZ­ZI­TEL­LI

Il nuo­vo, gran­de giu­di­ce di Ma­ster­Chef al pub­bli­co (so­prat­tut­to fem­mi­ni­le) pia­ce mol­to. Il mo­ti­vo? Un vuo­to da riem­pi­re e un «re­ga­lo buo­no» da fa­re. Ma il ve­ro piat­to for­te di AN­TO­NI­NO CAN­NA­VAC­CIUO­LO è la fa­mi­glia. An­che se uno dei suoi due bam­bi­ni, una not­te, gli ha det­to una co­sa «ter­ri­bi­le»

Il quar­to giu­di­ce è sta­to la ri­ve­la­zio­ne di que­st’an­no, a Ma­ster­Chef: una mon­ta­gna di chef, An­to­ni­no Can­na­vac­ciuo­lo – 40 an­ni, cam­pa­no di Vi­co Equen­se – ex­tra da qua­lun­que pun­to di vi­sta, en­tra­to sì nel ta­lent di Sky con la si­cu­rez­za del­le due stel­le Mi­che­lin e dei suoi suc­ces­si di im­pren­di­to­re, ma an­che con sa­pien­za e pas­so fel­pa­to, po­che pa­ro­le ma scan­di­te. Lo spa­zio no­te­vo­le che oc­cu­pa nel mon­do in al­tez­za, lar­ghez­za e pro­fon­di­tà par­la per lui, e co­sì le ma­ni dav­ve­ro im­pres­sio­nan­ti, la bar­ba e i ca­pel­li ne­ri co­me il ca­tra­me. Si di­ver­te co­me un bam­bi­no a rac­con­ta­re co­sa rie­sce a fa­re di la­vo­ro in una so­la gior­na­ta, in una so­la set­ti­ma­na, per mol­te set­ti­ma­ne di fi­la, e gli ri­do­no gli oc­chi al pen­sie­ro di fa­re un su­per­show per tre­mi­la per­so­ne al­lo sta­dio Olim­pi­co di Ro­ma il 19 apri­le, la sua ul­ti­ma sfi­da, ci tie­ne pro­prio a far­lo sa­pe­re. In­tan­to, il 1° mar­zo, esce an­che un suo li­bro: Il piat­to for­te è l’emo­zio­ne, pub­bli­ca­to da Ei­nau­di Sti­le li­be­ro Ex­tra. Ho sen­ti­to com­men­ti en­tu­sia­sti, so­prat­tut­to di si­gno­re. «È sta­to un pia­ce­re ( e fa per al­zar­si). No, dai. Piac­cio? Non lo so per­ché. Ma­ga­ri cu­ci­nan­do crei emo­zio­ni». In che sen­so? «For­se noi chef riem­pia­mo un vuo­to: un tem­po c’era­no le mam­me e le non­ne, a tra­smet­te­re la sa­pien­za del­la cu­ci­na, a co­mu­ni­ca­re at­tra­ver­so il ci­bo. Og­gi ci sia­mo noi. La gen­te ci si met­te ac­can­to, si at­tac­ca. Sia­mo una spe­cie di re­ga­lo buo­no, in un’epo­ca in cui i re­ga­li ma­te­ria­li so­no trop­pi e qua­si non ci fai ca­so: in­ve­ce man­gia­re be­ne, a una bel­la ta­vo­la, è un re­ga­lo spe­cia­le, ed è una gra­ti­fi­ca­zio­ne che ti può ar­ri­va­re do­po gior­ni che hai man­gia­to so­lo pa­ni­ni in pau­sa pran­zo». Può dar­si che tut­to que­sto sia ve­ro: ma non pen­sa di pia­ce­re pro­prio lei, e ba­sta? «Eh… il fa­sci­no del­la di­vi­sa è for­te, la giac­ca bian­ca ha sem­pre at­ti­ra­to. Vab­bè, mi ar­ri­va­no mes­sag­gi quo­ti­dia­ni. L’al­tro gior­no 50 ro­se bian­che e un bi­gliet­to: “Gra­zie di esi­ste­re”». Chi glie­le ha man­da­te? «E chi lo sa. Co­mun­que se una don­na fa avan­ce di­co che so­no omo­ses­sua­le, e se le fa un uo­mo di­co che mi piac­cio­no le don­ne». Sua mo­glie Cin­zia è ge­lo­sa? «Il giu­sto. Tut­ti noi sia­mo ge­lo­si del­le per­so­ne al­le qua­li te­nia­mo, è una ma­ni­fe­sta­zio­ne di in­tel­li­gen­za. An­che io so­no ge­lo­so quan­to ba­sta, ma mi fi­do cie­ca­men­te: è la mia mi­glio­re ami­ca, la mia part­ner – la per­so­na as­sie­me al­la qua­le ho pian­ta­to un se­me che è di­ven­ta­to una pian­ta – la mam­ma dei miei fi­gli, una don­na stu­pen­da. Det­to tut­to que­sto, se la­scio mia mo­glie va­do a fa­re il pe­sca­to­re». Dav­ve­ro? «Scher­zo. Ciò che amo di più in lei so­no il ri­spet­to e la fi­du­cia. Per me, per il mio la­vo­ro sen­za ora­rio e so­prat­tut­to per il mio ca­rat­te­re». Che è? «Du­ro, sen­za dub­bio. Pos­so es­se­re mol­to dol­ce, ma sul la­vo­ro so­no an­che ag­gres­si­vo, per­ché ci vuo­le: in una bri­ga­ta di cu­ci­na de­vi al­za­re la vo­ce, far ca­pi­re chi co­man­da, stri­glia­re. Ma non è cat­ti­ve­ria, lo fac­cio per il lo­ro be­ne: tut­ti par­la­no del­le fa­mo­se pac­che che do. Oc­chio, non le do a tut­ti, so­no un se­gno di at­ten­zio­ne, di sim­pa­tia». La­vo­ra­re in un ri­sto­ran­te con due stel­le co­me il suo Vil­la Cre­spi a Or­ta San Giu­lio è stres­san­te? «Quan­do di là ci so­no 50 clien­ti che si aspet­ta­no mol­to, la ten­sio­ne sa­le. Ma io so­no po­si­ti­vo, è l’uni­co mo­do per af­fron­ta­re il ser­vi­zio. Se lei fa cu­ci­na­re una sem­pli­ce pa­sta al po­mo­do­ro a due per­so­ne, una ar­rab­bia­ta e una fe­li­ce, il ri­sul­ta­to è mol­to di­ver­so». Ha due fi­gli, Eli­sa di 8 an­ni e An­drea di 3. Che pa­dre è? «Non lo so. Ho so­lo ca­pi­to che è il me­stie­re più fa­ti­co­so del mon­do: co­me fai, sba­gli. Stai sot­to al cie­lo e Dio ti aiu­ta. Pri­ma di ave­re Eli­sa ero un ra­gaz­zo che scher­za­va col la­vo­ro, io e Cin­zia ci but­ta­va­mo an­che con in­co­scien­za. Da quan­do ci so­no i fi­gli ab­bia­mo cam­bia­to pas­so, sia­mo im­pren­di­to­ri at­ten­tis­si­mi, e cre­do mi­glio­ri. D’al­tra par­te, tor­ni a ca­sa, ti ven­go­no in­con­tro cor­ren­do, pie­ni di amo­re e di fi­du­cia, e ca­pi­sci la re­spon­sa­bi­li­tà che hai». Che pro­get­ti ha per lo­ro? «Mio pa­dre, cuo­co, vo­le­va che fa­ces­si l’odon­to­tec­ni­co, io a 13 an­ni ero in un ri­sto­ran­te. Non fac­cio pro­gram­mi, non mi aspet­to nien­te, non vo­glio im­por­gli nien­te, tan­to poi fa­reb­be­ro il con­tra­rio. Vuoi fa­re il can­tan­te? Fai il can­tan­te. La mia pau­ra è An­drea: era a let­to fra me e mia mo­glie, si è sve­glia­to, si è al­za­to di scat­to, ha det­to: “Vo­glio cu­ci­na­re”. Non ha an­co­ra 3 an­ni. As­sag­gia il ci­bo, di­ce co­sa man­ca». E non è bel­lis­si­mo? «Io già mi fi­gu­ro, tra qual­che an­no: pa­pà apria­mo que­sto, fac­cia­mo que­st’al­tro. E pa­pà non può smet­te­re di la­vo­ra­re a 50 an­ni, co­me fer­ma­men­te vor­reb­be. Gli chef so­no co­me i cal­cia­to­ri, dan­no tut­to da gio­va­ni». Ti­fo­so del Na­po­li, ov­via­men­te. «Mio fi­glio è na­to in ca­sa, nel­la va­sca da bagno. Mia mo­glie ha fat­to una co­sa bel­lis­si­ma. Ho tol­to io il bimbo dall’ac­qua. E l’ho av­vol­to nel­la ban­die­ra del Na­po­li».

TEM­PO DI LET­TU­RA PRE­VI­STO: 6 MI­NU­TI

Sty­ling Fac­to­ry4. Pagg. 128-129, per lei: ca­mi­cia, La­co­ste. Pan­ta­lo­ni, Mis­so­ni; per lui: ca­mi­cia e pull, Har­mont & Blai­ne. Ma­ke-up e hair Cri­sti­ne Du Puys@Fa­ce to Fa­ce.

DÉ­JEU­NER SUR L’HER­BE

An­to­ni­no Can­na­vac­ciuo­lo, 40 an­ni, con la mo­glie Cin­zia Pri­ma­te­sta e i fi­gli Eli­sa e An­drea, 8 e 3: ospi­te al Fe­sti­val di San­re­mo, è giu­di­ce di Ma­ster­Chef, al gio­ve­dì su Sky Uno, se­gui­to nel­la pun­ta­ta più vi­sta da 1 mi­lio­ne e 400 mi­la fan di cu­ci­na. Que­sta fo­to

è sta­ta scat­ta­ta nel par­co del suo ri­sto­ran­te Vil­la Cre­spi

a Or­ta San Giu­lio (No).

FO­TO RO­BER­TO D’ESTE

AI FORNELI! Can­na­vac­ciuo­lo a Ma­ster­Chef con il con­cor­ren­te Gio­van­ni

«il fi­lo­so­fo», 26 an­ni, di Gae­ta (Lt), eli­mi­na­to

il 4 feb­bra­io.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.