DI CO­ME SO­NO FAT­TA»

«IL MIO FI­SI­CO È IN­GOM­BRAN­TE. MA QUAN­DO INI­ZIO A PAR­LA­RE, LE PER­SO­NE SI DI­MEN­TI­CA­NO

Vanity Fair (Italy) - - Senza Tabù -

alentina Tomirotti è la ri­spo­sta vi­ven­te – e sor­ri­den­te – agli sguardi pie­to­si, cu­rio­si o inor­ri­di­ti, a quel­li che si ab­bas­sa­no e di­ven­ta­no un po­ve­ri­na det­to a mez­za vo­ce. Gli sguardi e le pa­ro­le che qua­si tut­ti han­no, che qua­si tut­ti ab­bia­mo, di fron­te al­la di­sa­bi­li­tà. Da 33 an­ni con­vi­ve con la di­spla­sia dia­stro­fi­ca, una pa­to­lo­gia ge­ne­ti­ca che, per un di­fet­to dell’ac­cre­sci­men­to del­le car­ti­la­gi­ni, fa sì che, tra le al­tre co­se, i suoi ar­ti sia­no mol­to cor­ti e che lei non pos­sa cam­mi­na­re. «Il con­te­ni­to­re mi dà un po’ di pro­ble­mi, ma il con­te­nu­to fun­zio­na», di­ce di sé. Lau­rea­ta in scien­ze del­la co­mu­ni­ca­zio­ne e in gior­na­li­smo, la mat­ti­na la­vo­ra ai ser­vi­zi so­cia­li del Co­mu­ne di Man­to­va e il po­me­rig­gio fa la gior­na­li­sta per te­sta­te on­li­ne e cu­ra il suo blog, Pe­pi­to­sa, «in cui rac­con­to la vi­ta di una che non ri­nun­cia al­la vi­ta». Pe­pi­to­sa è il so­pran­no­me che si è da­ta da so­la per­ché fa ve­ni­re in men­te qual­co­sa di pre­zio­so e pie­no di lu­ce, «una don­na co­sì». Una don­na, già. «La gen­te ti guar­da e ve­de la tua ma­lat­tia, ma io pri­ma di es­se­re una di­sa­bi­le so­no que­sto: una don­na. Fem­mi­ni­li­tà e sen­sua­li­tà non so­no pre­ro­ga­ti­ve esclu­si­ve dei cor­pi per­fet­ti o stan­dard, ma an­che del mio, mol­to im­per­fet­to». Il de­si­de­rio di Va­len­ti­na di ve­der­si di­ver­sa – «all’ini­zio vo­le­vo del­le fo­to so­lo per me» – ha in­con­tra­to il pro­get­to Por­trait de Fem­me del­la fo­to­gra­fa Mi­cae­la Zu­lia­ni, e quel­lo che è na­to lo ve­de­te in que­ste im­ma­gi­ni: «un pu­gno», lo de­fi­ni­sce Va­len­ti­na, dal no­me Bou­doir Di­sa­bi­li­ty. Il suo cor­po fuo­ri dai ca­no­ni, con le ci­ca­tri­ci, sve­sti­to e sen­sua­le. Pen­sa­va­te da su­bi­to di fa­re fo­to co­sì for­ti? «No, è suc­ces­so. Mi­cae­la ha pro­po­sto di ri­trar­mi in lin­ge­rie, co­me ha fat­to con al­tre don­ne del suo pro­get­to, e io ho ac­cet­ta­to. Ma non avrei mai im­ma­gi­na­to di sen­tir­mi co­sì a mio agio: mi piac­cio, in ge­ne­ra­le, ma non cre­de­vo che sa­rei sta­ta tan­to co­rag­gio­sa. Mi­cae­la mi ha fo­to­gra­fa­ta den­tro, e mi ha fat­ta met­te­re in mu­tan­de. Ma le mu­tan­de, a que­sto pun­to, so­no un det­ta­glio. La mia di­sa­bi­li­tà non è sta­re se­du­ta su una car­roz­zi­na: se lei do­ma­ni non ha nien­te da fa­re può pro­va­re a sta­re se­du­ta tut­to il gior­no su una se­dia. No, non è que­sto: io ho al­tre ca­rat­te­ri­sti­che che vo­le­vo fos­se­ro mes­se in mo­stra: le mi­su­re, le ci­ca­tri­ci». Che co­sa so­no quel­le ci­ca­tri­ci? «Da bam­bi­na ho su­bì­to di­ver­si in­ter­ven­ti che ave­va­no lo sco­po di ren­de­re la vi­ta più fa­ci­le da un pun­to di vi­sta non este­ti­co, ma fun­zio­na­le. Ave­vo i pie­di tor­ti, non riu­sci­vo a met­ter­mi le scar­pe, tan­to per dir­ne una. Do­po gli in­ter­ven­ti sta­vo ogni vol­ta ot­to me­si in tra­zio­ne: mi met­te­va­no dei cer­chi di me­tal­lo fis­sa­ti a dei chio­di pian­ta­ti nel­le os­sa che ve­ni­va­no gi­ra­ti, co­me si fa con l’ap­pa­rec­chio dei den­ti. Non mi fa­ce­va­no ma­le, an­zi, quan­do me li to­glie­va­no mi sem­bra­va che mi man­cas­se un pez­zo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.