Fac­cio il pop con una rana

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Dienn -

Pal­le da ten­nis e da basket, ra­ne, gril­li. In­naf­fia­toi, ca­te­ne di bi­ci­clet­ta, for­bi­ci. So­no gli stru­men­ti mu­si­ca­li che il dj e com­po­si­to­re

Mat­teo Cec­ca­ri­ni, 43 an­ni, com­pa­gno di Eva Ric­co­bo­no, ha re­gi­stra­to, aiu­ta­to dal mu­si­ci­sta fran­ce­se Matt Gor­don, e usa­to per crea­re il suo nuo­vo al­bum, Ball­che­stra, in usci­ta il 28 feb­bra­io: un di­sco di can­zo­ni com­po­ste con i suo­ni che ascol­tia­mo (e igno­ria­mo, o evi­tia­mo) ogni gior­no.

Mat­teo, per­ché? «Ero stufo. Fa­cen­do il dj, so­no vent’an­ni che ascol­to ot­to ore di mu­si­ca al gior­no. E la mu­si­ca or­mai è sem­pre tut­ta ugua­le.

Ogni di­sco che esce è iden­ti­co al pre­ce­den­te e sa­rà iden­ti­co al suc­ces­si­vo. Cer­ca­vo nuo­vi suo­ni». Co­me li ha tro­va­ti? «Sta­vo fa­cen­do un mas­sag­gio in un giar­di­no a Mar­ra­ke­ch, quan­do ho sen­ti­to due uc­cel­li can­ta­re. Li ascol­ta­vo e mi so­no

re­so con­to che sta­va­no par­lan­do, che c’era un dia­lo­go mu­si­ca­le. Ho in­ter­rot­to il mas­sag­gio, ho pre­so lo smart­pho­ne e li ho re­gi­stra­ti. Da lì è par­ti­to tut­to, ho la­vo­ra­to co­me un ru­mo­ri­sta, ru­ban­do i suo­ni di ca­sa, nei par­chi di Lon­dra, i gril­li che mi fan­no da char­le­ston nei bo­schi in To­sca­na».

E una vol­ta in stu­dio, co­me ha tra­sfor­ma­to tut­to que­sto in mu­si­ca? «Con i suo­ni con­cre­ti, la co­sa più fa­ci­le

che tu pos­sa fa­re è la ca­co­fo­nia del­la mu­si­ca spe­ri­men­ta­le, ma per quel­lo so­no dav­ve­ro buo­ni tut­ti. Io vo­le­vo fa­re pop me­lo­di­co, ra­dio­fo­ni­co, qua­si ras­si­cu­ran­te,

quel­lo che può ascol­ta­re an­che un bam­bi­no o mia mam­ma, ma con i suo­ni del mon­do, che so­no co­sì bel­li che ba­sta un ar­peg­gio per far­ne mu­si­ca».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.