Da­te­mi un tri­den­te

In BREN­TON TH­WAI­TES salva il mon­do da­gli dei ca­pric­cio­si. Ma il suo so­gno sa­reb­be co­man­da­re un al­tro, im­men­so re­gno (de­gno di un sur­fi­sta)

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Dienn - Gods of Egypt di MAR­CO DE MAR­TI­NO

a se­ra pri­ma ha par­la­to via sky­pe con la fi­dan­za­ta che gli ha fat­to scri­ve­re a pen­na sull’avam­brac­cio: «Don’t wor­ry, be hap­py». Giu­sto per ri­cor­dar­se­lo sem­pre, di­ce lui, che pe­rò ag­giun­ge: «Ero so­lo un po’ tri­ste: in real­tà non ne ho bi­so­gno». Mo­ti­vi di pre­oc­cu­par­si in ef­fet­ti Bren­ton Th­wai­tes, ven­ti­seien­ne au­stra­lia­no, sex sym­bol na­scen­te del ci­ne­ma hol­ly­woo­dia­no, ne ha po­chi. In Gods of Egypt, il ko­los­sal fan­ta­sy in usci­ta il 25 feb­bra­io, salva l’Egit­to da­gli dei ca­pric­cio­si Ho­rus e Set, sem­pre in lot­ta tra di lo­ro. I lun­ghi ca­pel­li da cor­sa­ro le­ga­ti die­tro la te­sta so­no an­co­ra quel­li che do­ve­va ave­re nel nuo­vo Pi­ra­ti dei Ca­rai­bi - Uo­mi­ni mor­ti non par­la­no, in cui ap­pa­ri­rà al fian­co di John­ny Depp e Ja­vier Bar­dem. E tra po­che set­ti­ma­ne Th­wai­tes di­ven­te­rà pa­dre di una bam­bi­na: «So­no ner­vo­so, im­pau­ri­to, ec­ci­ta­to, tut­to al­lo stes­so tem­po. Cre­do che da que­sta espe­rien­za im­pa­re­rò an­co­ra di più a ca­pi­re co­sa è dav­ve­ro im­por­tan­te nel­la vi­ta». Che ti­po di pa­dre pen­sa sa­rà? «Un pa­pà per­mis­si­vo, e sic­co­me la mia fi­dan­za­ta è co­me me, non ab­bia­mo an­co­ra ben chia­ro chi im­por­rà la di­sci­pli­na. Mi pia­ce­reb­be

Les­se­re co­me mio pa­dre, che mi ha aiu­ta­to in tut­to. Quan­do mi so­no mes­so in te­sta di fa­re l’at­to­re ho fat­to un pro­vi­no su vi­deo per en­tra­re in un pro­gram­ma Tv ma non l’ho man­da­to, tan­to brut­to pen­sa­vo che fos­se. A mia in­sa­pu­ta, lui lo ha spe­di­to, e so­no sta­to pre­so». Do­ve è cre­sciu­to? «In una cit­ta­di­na, Cairns, fa­mo­sa per la bar­rie­ra co­ral­li­na. Ma so­no an­da­to a una scuo­la mul­ti­cul­tu­ra­le, con una gran­de co­mu­ni­tà abo­ri­ge­na: è sta­to im­por­tan­te». La pri­ma im­pres­sio­ne di Los An­ge­les? «La com­pe­ti­zio­ne. Mi so­no re­so con­to che ci so­no mi­glia­ia di aspi­ran­ti at­to­ri che ven­go­no qui per pro­var­ci, e mol­ti de­vo­no aspet­ta­re an­ni sen­za ri­sul­ta­ti. Ci vuo­le mol­ta fi­du­cia in sé per far­ce­la. All’ini­zio per man­te­ner­mi fa­ce­vo la­vo­ret­ti, co­me mon­ta­re i mo­bi­li Ikea a ca­sa del­la gen­te». È bra­vo? «Per nien­te. So­no cer­to che un me­se

Bren­ton Th­wai­tes, 26, con Court­ney Ea­ton, 20,

in Gods of Egypt, nel­le sa­le dal 25 feb­bra­io. Lui in­ter­pre­ta Bek, eroe che sal­ve­rà il mon­do, lei Za­ya, il suo gran­de amo­re. do­po i mo­bi­li si so­no di­sfat­ti da so­li...». Di re­cen­te lei ha fat­to mol­ti film: qua­le è sta­to quel­lo più im­por­tan­te? « The Gi­ver - Il mon­do di Jo­nas, per­ché è sta­to il pri­mo da pro­ta­go­ni­sta in una gros­sa pro­du­zio­ne, e ba­sa­to su un li­bro che ha mol­tis­si­mo se­gui­to. Cer­co di im­pa­ra­re dai gran­di at­to­ri con cui la­vo­ro, ma re­ci­ta­re ac­can­to a Jeff Brid­ges è sta­to fon­da­men­ta­le. Mi ha in­se­gna­to a ri­las­sar­mi pri­ma di una sce­na, a pren­de­re tut­to il tem­po di cui ho bi­so­gno per espri­me­re un’emo­zio­ne, co­me fa lui. Sia­mo di­ven­ta­ti buo­ni ami­ci pas­san­do il tem­po a suo­na­re in­sie­me la chi­tar­ra». Quan­do ha co­min­cia­to a suo­na­re? «Pre­stis­si­mo, gra­zie a mio pa­dre che mi ha spie­ga­to quan­to sia im­por­tan­te per but­ta­re fuo­ri le fru­stra­zio­ni, per ispi­rar­si. Da al­lo­ra non c’è sta­to un gior­no in cui non ho mes­so ma­no al­la chi­tar­ra. Per an­ni ho fat­to blues, ora suo­no di più bos­sa no­va e jazz, pri­ma di tut­to Mi­les Da­vis». Di co­sa vor­reb­be es­se­re una di­vi­ni­tà co­me quel­le di Gods of Egypt? «Vor­rei es­se­re il dio dei sur­fer co­me me. O me­glio an­co­ra, il dio del ma­re, Net­tu­no. Ec­co, vor­rei es­se­re lui, con un bel tri­den­te in ma­no».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.