PER AMA­RE MI­CÒL

Vanity Fair (Italy) - - Week -

u che sei fug­gi­to dal­la tua cit­tà di pro­vin­cia ma ne hai in­tro­iet­ta­to per sem­pre la bel­lez­za ma­lin­co­ni­ca, tu che in ogni luo­go ti sen­ti di­ver­so, tu che sei a di­sa­gio den­tro ogni ideo­lo­gia, tu in­na­mo­ra­to del­la let­te­ra­tu­ra, tu al­ler­gi­co ai grup­pi e al­le con­ven­ti­co­le, sì, tu, hai ri­vol­to un pen­sie­ro a Gior­gio Bas­sa­ni in que­sti gior­ni? Uno dei più im­por­tan­ti scrit­to­ri ita­lia­ni del se­con­do No­ve­cen­to, Gior­gio Bas­sa­ni nac­que cent’an­ni fa, un quat­tro mar­zo a Bo­lo­gna, co­me Lu­cio Dal­la. Ma, no­no­stan­te sia sta­to un gran­dis­si­mo, non tut­ti lo co­no­sco­no, e bea­ti lo­ro, per­ché li aspet­ta un ve­ro go­di­men­to. a sua ope­ra più im­por­tan­te è il ci­clo Il ro­man­zo di Fer­ra­ra, che con­tie­ne Il giar­di­no dei Finzi-Con­ti­ni, Gli oc­chia­li d’oro, L’airone, Cin­que sto­rie fer­ra­re­si, Die­tro la por­ta e L’odo­re del fie­no. Del Giar­di­no dei Finzi-Con­ti­ni qual­co­sa sai, per­ché Vit­to­rio De Si­ca ci fe­ce, con Do­mi­ni­que San­da, un film dif­fi­ci­le da di­men­ti­ca­re (film che a Bas­sa­ni non piac­que per­ché gli ave­va­no cam­bia­to il fi­na­le). Do­mi­ni­que San­da-Mi­còl col gon­nel­li­no da ten­nis e gli sguardi obli­qui è sta­ta la più af­fa­sci­nan­te e la più enig­ma­ti­ca del­le eroi­ne, e di­ven­tò un ar­che­ti­po: quel­lo del­la ra­gaz­za intelligente, col­ta e bel­lis­si­ma di cui in­na­mo­rar­si sen­za spe­ran­za, quel­la che ti di­ce «ri­ma­nia­mo ami­ci, sia­mo trop­po si­mi­li» e si fi­dan­za con uno più fes­so di te. Mi­còl Finzi-Con­ti­ni, la pro­ta­go­ni­sta del Giar­di­no, è un per­so­nag­gio ir­re­si­sti­bi­le. Tra­du­ce Emi­ly Dic­kin­son, leg­ge i clas­si­ci, par­la fran­ce­se, pren­de in gi­ro fa­sci­sti e co­mu­ni­sti, è ric­ca, sta nel suo ma­gni­fi­co giar­di­no e vi­ve nel pre­sen­te, so­ste­nen­do ma­li­zio­sa che, se po­tes­se, in­ve­ce che sep­pel­lir­si in bi­blio­te­ca, vor­reb­be so­lo «gio­ca­re a ten­nis, bal­la­re e flir­ta­re». Se non fos­se per la brut­ta fi­ne che fa (ok, no spoi­ler, ma era ebrea nel 1943) qual­che let­to­re ma­schio po­treb­be por­tar­le ran­co­re, per­ché mol­ti han­no una ra­gaz­za del ge­ne­re nel lo­ro pas­sa­to: la più ca­ri­na ma non la più cre­ti­na, una com­bi­na­zio­ne mi­ci­dia­le, im­pos­si­bi­le da di­men­ti­ca­re. a fa­mi­glia di Bas­sa­ni, di ori­gi­ne ebrai­ca, era fer­ra­re­se da mol­te ge­ne­ra­zio­ni. A Fer­ra­ra Gior­gio tra­scor­se in­fan­zia e ado­le­scen­za e am­bien­tò il suo ca­po­la­vo­ro. Ci fe­ce pu­re qual­che me­se di car­ce­re, da an­ti­fa­sci­sta, in via Pian­gi­pa­ne, do­ve og­gi c’è il Mu­seo Na­zio­na­le dell’Ebrai­smo Ita­lia­no e del­la Shoah e do­ve è ri­co­strui­to il suo stu­dio. Si lau­reò a Bo­lo­gna, vis­se a Fi­ren­ze e a Ro­ma, ma è Fer­ra­ra l’al­tro suo gran­de ar­che­ti­po: quel­lo del­la cit­tà pic­co­la, chiu­sa e di una bel­lez­za strug­gen­te che ti fa­rà sen­ti­re per tut­ta la vi­ta un sen­za pa­tria, avul­so da qua­lun­que cric­ca, che sia­no in­tel­let­tua­li, no­ta­bi­li o ar­ti­sti. Gior­gio Bas­sa­ni col­la­bo­rò a lun­go con Fel­tri­nel­li, sco­prì To­ma­si di Lam­pe­du­sa, aiu­tò Can­co­gni, For­ti­ni e Del­fi­ni e di­vul­gò Bor­ges, Bli­xen e Pa­ster­nak, ep­pu­re gli in­tel­let­tua­li non lo ama­ro­no. Trop­po ma­lin­co­ni­co, trop­po so­li­ta­rio, o di cat­ti­vo ca­rat­te­re, chi lo sa. A Fer­ra­ra è se­pol­to in uno dei po­sti più bel­li del mon­do: il ci­mi­te­ro ebrai­co di via del­le Vi­gne. È mor­to nel 2000, era ma­la­to da mol­to tem­po. Leg­ge­te­lo, se an­co­ra non l’ave­te fat­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.