GI­RA­VO CON TAC­CHI AL­TIS­SI­MI:

«I COM­PA­GNI MI PREN­DE­VA­NO IN GI­RO PER­CHÉ AVE­VO LA PEL­LE SCU­RA E LE LAB­BRA GRAN­DI. ERA­NO LA MIA OS­SES­SIO­NE, MI FA­CE­VA­NO SEN­TI­RE BE­NE»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Copertina -

eri se­ra ha sfi­la­to per la pri­ma di Zoo­lan­der 2 e si è fat­ta un sel­fie in po­sa Blue Steel, ma og­gi pas­sa qua­si inos­ser­va­ta quan­do ar­ri­va sul set in jeans, sti­va­let­ti e cap­pot­to di mon­to­ne. Tut­ti ab­brac­cia­no Iri­na Shayk co­me se fos­se ap­pe­na tor­na­ta a ca­sa: i set dei ser­vi­zi di moda ben riu­sci­ti so­no sem­pre fa­mi­glie pro­tet­ti­ve e fe­li­ci, for­se per­ché vi­vo­no lo spa­zio di una gior­na­ta, e an­che que­sto che guar­da il fiu­me Hud­son a New York non fa ec­ce­zio­ne. C’è la ma­na­ger che si as­si­cu­ra che tut­ti sap­pia­no dov’è il caf­fè, l’as­si­sten­te fo­to­gra­fo che mi in­di­ca la cu­ci­na e l’uni­co pro­ble­ma di tut­ti è te­ne­re chiu­sa la por­ta del­la sa­la do­ve si tro­va Pla­ya, l’esu­be­ran­te Jack Rus­sell di Shlo­mit Mal­ka, l’ex sol­da­tes­sa israe­lia­na che è l’al­tra mo­del­la di lin­ge­rie a es­se­re fo­to­gra­fa­ta og­gi da San­te D’Orazio. Sem­bra pro­prio una gran­de fa­mi­glia al­lar­ga­ta, e Iri­na Shayk mi spie­ghe­rà poi che per lei lo è ve­ra­men­te, per­ché fu­ro­no pro­prio le scout di In­ti­mis­si­mi che nel 2007 la sco­pri­ro­no su un set di moda a Mo­sca e le of­fri­ro­no il suo pri­mo con­trat­to im­por­tan­te. Iri­na Va­ler’ev­na Ša­j­chli­sla­mo­va ve­ni­va da una fa­mi­glia po­ve­ris­si­ma: suo pa­dre mi­na­to­re è mor­to quan­do lei ave­va 14 an­ni, la­scian­do­la con la so­rel­la mag­gio­re e la ma­dre mae­stra di mu­si­ca. Cre­sciu­ta a Eman­že­lin­sk, a tre ore dal­la ca­pi­ta­le, mai si sa­reb­be im­ma­gi­na­ta che un gior­no si sa­reb­be ac­cor­cia­ta il co­gno­me in Shayk e che sa­reb­be di­ven­ta­ta una del­le su­per­mo­del del­la sua epo­ca. Né che avreb­be an­che fat­to l’at­tri­ce, in Hercules: il guer­rie­ro. E si­cu­ra­men­te non po­te­va sa­pe­re che poi sa­reb­be di­ven­ta­ta la fi­dan­za­ta dell’at­to­re più de­si­de­ra­to di Hol­ly­wood (Brad­ley Coo­per) ed ex fi­dan­za­ta del cal­cia­to­re col cor­po più scol­pi­to del­la Cham­pions Lea­gue (Cri­stia­no Ro­nal­do, ac­cet­ta­to do­po che ave­va fat­to un fi­glio con un’al­tra, sca­ri­ca­to do­po che ave­va fat­to lo sce­mo con trop­pe al­tre). O for­se sa­pe­va già tut­to, che è quel­lo che so­spet­to men­tre la ascol­to, su­pe­ra­to il bre­ve sen­so di ver­ti­gi­ne che ti dà il suo ac­cen­to rus­so as­so­cia­to agli oc­chi ver­di e al­la car­na­gio­ne scu­ra da ra­gaz­za bra­si­lia­na. Per­ché an­che più del­le al­tre, po­chis­si­me su­per­mo­del che ho co­no­sciu­to, Iri­na è ani­ma­ta da una de­ter­mi­na­zio­ne as­so­lu­ta, che cre­do fac­cia par­te del­la sua for­tu­na al­me­no quan­to la sua bel­lez­za. Ha le idee chia­re su tut­to, an­che sul­la pri­va­cy: pri­ma dell’in­ter­vi­sta chie­de che non si fac­cia cen­no al­la vi­ta sen­ti­men­ta­le. E quin­di non par­lia­mo del­la pas­seg­gia­ta mol­to pa­pa­raz­za­ta che ha fat­to tre gior­ni pri­ma con Brad­ley, ma bre­ve­men­te ac­cen­nia­mo al ri­sto­ran­te ita­lia­no do­ve so­no fi­ni­ti. Al­la fi­ne va an­che be­ne, per­ché fa­cen­do un po’ lo sla­lom tra gli ar­go­men­ti ta­bù fi­nia­mo a par­la­re del­le co­se im­por­tan­ti del­la vi­ta. Tra cui cer­ti af­fet­ta­ti che a New York si ven­do­no so­lo nel quar­tie­re rus­so di Brighton Bea­ch. Ho let­to che ci va ap­po­sta per com­prar­li. «Una vol­ta: ora lo fa la mia do­me­sti­ca, una don­na fan­ta­sti­ca. Ado­ro la cu­ci­na rus­sa: le pa­ta­te, i ra­vio­li ri­pie­ni di car­ne, le zup­pe iper­ca­lo­ri­che». E poi si met­te a die­ta? «Ma fi­gu­rar­si, io al­le die­te non cre­do. Se de­vo es­se­re ma­gra per un ser­vi­zio, qual­che gior­no pri­ma evi­to i car­boi­dra­ti e man­gio pol­lo e pe­sce. Cer­co an­che di muo­ver­mi un po’, per­ché la leg­ge di gra­vi­tà è ine­so­ra­bi­le: pri­ma o poi tut­to ca­de. Ma odio il car­dio e quin­di fac­cio Jiu ji­tsu, un’ar­te mar­zia­le giap­po­ne­se. Su­do tan­to, e mi aiu­ta a but­ta­re fuo­ri tut­te le ener­gia ne­ga­ti­ve: è ag­gres­si­vo, mi pia­ce mol­to». Le don­ne rus­se nel Set­te­cen­to gui­da­va­no il Pae­se: an­che lei sem­bra mol­to for­te. «Ma non so­no so­lo le rus­se a es­se­re più po­ten­ti dei ma­schi. Mi spia­ce per voi uo­mi­ni, le don­ne han­no la re­spon­sa­bi­li­tà di tut­to: man­ten­go­no la fa­mi­glia uni­ta, cre­sco­no i fi­gli, fan­no an­da­re avan­ti il mon­do. A vol­te fin­go­no di es­se­re più de­bo­li de­gli uo­mi­ni ma non è mai ve­ro. Lo so be­ne io che so­no cre­sciu­ta con mam­ma, so­rel­la e due non­ne, di cui una che in­ve­ce di di­ven­ta­re mae­stra co­me vo­le­va è par­ti­ta per la guer­ra. Ha fat­to la scuo­la da pi­lo­ta, vo­le­va pro­teg­ge­re il suo Pae­se. Era una don­na for­tis­si­ma e pas­sa­vo il tem­po a chie­der­le co­me ha fat­to a so­prav­vi­ve­re: i suoi racconti mi fa­ce­va­no gran­de pau­ra». Com’era da ra­gaz­za? «I miei com­pa­gni di scuo­la mi pren­de­va­no in gi­ro per­ché ave­vo la pel­le scu­ra, le lab­bra gran­di, ero ma­gris­si­ma e gi­ra­vo con le scar­pe dai tac­chi al­tis­si­mi: era­no la mia os­ses­sio­ne. Una vol­ta di­pin­si l’ospe­da­le del Pae­se e mi die­de­ro l’equi­va­len­te di 20 dol­la­ri: una par­te la pas­sai a mia ma­dre, il re­sto an­dò in scar­pe. Non era amo­re per la moda, non vo­le­vo im­pres­sio­na­re i ra­gaz­zi: mi fa­ce­va sen­ti­re be­ne, e già al­lo­ra non mi im­por­ta­va nien­te di quel­lo che pen­sa la gen­te». Che co­sa ri­cor­da del­la mor­te di suo pa­dre? «Tut­to. Ave­vo 14 an­ni e all’im­prov­vi­so so­no ri­ma­sta so­la con mia ma­dre, che gua­da­gna­va cir­ca die­ci dol­la­ri al me­se, e mia so­rel­la che do­ve­va an­da­re all’uni­ver­si­tà. Ma mi ri­cor­do so­prat­tut­to l’as­sen­za di mio pa­dre, un uo­mo straor­di­na­rio che fa­ce­va un la­vo­ro ter­ri­bi­le. Gli so­mi­glia­vo tan­tis­si­mo di ca­rat­te­re e fi­si­ca­men­te, per­ché ho pre­so la car­na­gio­ne scu­ra da lui che era tar­ta­ro, na­to in un po­sto vi­ci­no al­la Mon­go­lia. Ho sem­pre pen­sa­to di es­se­re la sua fa­vo­ri­ta, per­ché il ca­rat­te­re di mia so­rel­la è fem­mi­ni­le e il mio ma­schi­le: so­no cer­ta di es­se­re sta­ta un ma­schio, in una vi­ta pre­ce­den­te. Cre­do fer­ma­men­te nel­la rein­car­na­zio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.