MA AL­LO­RA È TUT­TO VE­RO»

Vanity Fair (Italy) - - Ridi, Vanity -

La sua in­fan­zia in­ve­ce co­me è sta­ta? «Ho ri­cor­di fe­li­ci, an­che se i miei ge­ni­to­ri han­no vis­su­to mo­men­ti dif­fi­ci­li: en­tram­bi so­no scap­pa­ti da Ber­li­no Est po­co do­po la co­stru­zio­ne del Mu­ro. La fa­mi­glia di mia ma­dre fin­se di an­da­re a tro­va­re dei pa­ren­ti a Ove­st ma si do­vet­te di­vi­de­re in tre grup­pet­ti per non da­re nell’oc­chio al­la fron­tie­ra. Mio pa­dre, che all’ini­zio ave­va cre­du­to nel si­ste­ma so­cia­li­sta, fug­gì ap­pe­na pri­ma del­la chiu­su­ra to­ta­le, la­scian­do i suoi ge­ni­to­ri, aiu­ta­to da un ami­co che lo ave­va in­vi­ta­to dall’al­tra par­te co­me te­sti­mo­ne del suo fin­to ma­tri­mo­nio. Ar­ri­va­ro­no qui a Mo­na­co sen­za nien­te. Mio non­no ma­ter­no, che era sta­to un no­to com­mer­cia­li­sta, pre­se in ge­stio­ne una la­van­de­ria do­ve mi­se a la­vo­ra­re tut­ta la fa­mi­glia». Lei quin­di è cre­sciu­to nel­le ri­stret­tez­ze? «In real­tà no, per­ché mio pa­dre ha tro­va­to la­vo­ro nel­le as­si­cu­ra­zio­ni e mia ma­dre co­me mae­stra d’asi­lo. Pe­rò abi­ta­va­mo qui vi­ci­no nel quar­tie­re dei ri­fu­gia­ti, una di­ste­sa di pa­laz­zi­ne da ot­to pia­ni, tut­te ugua­li. Pen­so sem­pre a que­sto quan­do si par­la dei pro­fu­ghi si­ria­ni. So­no tan­ti, è ve­ro, e ri­chie­do­no ri­sor­se all’Eu­ro­pa. Ma se ne­gli an­ni Ses­san­ta i te­de­schi dell’Ove­st aves­se­ro ra­gio­na­to co­sì, io og­gi non sa­rei qui. Tut­ti a cri­ti­ca­re la Sviz­ze­ra per­che all’epo­ca del na­zi­smo ha chiu­so le fron­tie­re a mi­glia­ia di per­so­ne che cer­ca­va­no sal­vez­za, pec­ca­to che og­gi mol­ti Pae­si eu­ro­pei si com­por­ti­no al­lo stes­so mo­do». Da bam­bi­no ve­ni­va con la sua fa­mi­glia a fa­re le va­can­ze in Ita­lia. Che ri­cor­di ha? «Gio­ca­vo a cal­cio sul­la spiag­gia e gli al­tri bam­bi­ni era­no con­vin­ti che fos­si ita­lia­no. Quan­do mi han­no sen­ti­to par­la­re in te­de­sco con mia so­rel­la, non po­te­va­no cre­der­ci: per lo­ro i te­de­schi era­no so­lo bion­di con gli oc­chi az­zur­ri. An­ch’io ogni tan­to ho il so­spet­to di ave­re san­gue ita­lia­no, ma per il ca­rat­te­re: da voi mi sen­to a ca­sa». So che è ap­pas­sio­na­to del­la no­stra cu­ci­na. «Ho una li­sta dei ri­sto­ran­ti mi­glio­ri, cit­tà Il nuo­vo dvd con­tie­ne le esi­bi­zio­ni di Jo­nas Kau­f­mann nei Pa­gliac­ci e in Ca­val­le­ria ru­sti­ca­na, ope­re che nel 1926 al­la Sca­la an­da­ro­no per la pri­ma vol­ta in sce­na

ab­bi­na­te. per cit­tà. Pos­so far­mi un’ora di mac­chi­na per man­gia­re la piz­za con il lie­vi­to giu­sto». E co­me fa a man­te­ner­si co­sì in for­ma? «So­no for­tu­na­to, non ho mai do­vu­to fa­re una die­ta. Mi ba­sta can­ta­re: an­che quel­la è ae­ro­bi­ca». Non si di­reb­be: le can­tan­ti li­ri­che so­no piut­to­sto in car­ne. «Non tut­te. E se lo so­no, non di­pen­de cer­to dal me­stie­re: i chi­li non ser­vo­no al­la vo­ce». In ef­fet­ti, an­che nel­la li­ri­ca og­gi è ri­chie­sto il phy­si­que du rô­le. E lei, che ce l’ha, è con­si­de­ra­to un sex sym­bol. «È una co­sa che mi fa mol­to ri­de­re, ma an­che mol­to pia­ce­re. La ve­ri­tà è che la con­cor­ren­za nel cam­po dell’in­trat­te­ni­men­to, con il ci­ne­ma per esem­pio, è gran­de: de­vi es­se­re cre­di­bi­le se vuoi con­vin­ce­re gli spet­ta­to­ri, i gio­va­ni so­prat­tut­to, che l’ope­ra è uno spec­chio del­la lo­ro vi­ta». Sul pal­co met­te sem­pre mol­ta pas­sio­ne. È so­lo un bra­vo at­to­re, o a vol­te il tra­spor­to ver­so la part­ner è sin­ce­ro? «So­no un pas­sio­na­le e sul pal­co met­to tut­to me stes­so, in­fat­ti è ca­pi­ta­to che al­cu­ne part­ner ab­bia­no frain­te­so, che ci ab­bia­no let­to qual­co­sa di più, un’in­te­sa an­che fuo­ri dal pal­co. Una si­tua­zio­ne pa­rec­chio im­ba­raz­zan­te da ge­sti­re». Può sem­pre di­re che è spo­sa­to. «Ma ora non lo so­no più...». È co­mun­que im­pe­gna­to: la sua nuo­va com­pa­gna è la re­gi­sta Ch­ri­stia­ne Lu­tz. «Fa un cer­to ef­fet­to rin­na­mo­rar­si a 45 an­ni: non pen­sa­vo, do­po tan­to tem­po pas­sa­to con la stes­sa don­na, che le emo­zio­ni po­tes­se­ro tor­na­re a es­se­re le stes­se di quan­do sei gio­va­ne. È qual­co­sa che all’ini­zio mi ha an­che spa­ven­ta­to, do­ver ri­bal­ta­re com­ple­ta­men­te la mia vi­ta. Que­sto sen­ti­men­to nuo­vo mi ha pre­so all’im­prov­vi­so, non ri­cor­da­vo nep­pu­re che esi­stes­se il col­po di ful­mi­ne. L’amo­re è fat­to di cli­ché, ne can­to sem­pre, e poi quan­do suc­ce­de dav­ve­ro di­ci: ma al­lo­ra è ve­ro, e ogni pa­ro­la è quel­la giu­sta, è paz­ze­sco».

La sua com­pa­gna ha 36 an­ni e nes­sun fi­glio. Si sen­ti­reb­be di di­ven­ta­re di nuo­vo pa­dre? «È pre­ma­tu­ro pen­sar­ci, non stia­mo in­sie­me da tan­to tem­po. Ve­dre­mo do­ve ci por­te­rà la vi­ta». L’ha cam­bia­ta, co­me ar­ti­sta, es­se­re in­na­mo­ra­to? «Più che al­tro cre­do mi ab­bia mi­glio­ra­to co­me uo­mo. Ho ri­flet­tu­to mol­to su quel­lo che ho sba­glia­to in pas­sa­to e ho ca­pi­to che l’amo­re è co­me una pian­ta, si de­ve an­naf­fia­re. Se ti di­men­ti­chi di far­lo, muo­re. E non ri­na­sce più».

Comments

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.