SET­TAN­TEN­NE

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino -

E se in­ve­ce tua mo­glie aves­se una par­te at­ti­va nel­la vi­cen­da? In fondo ti ha già men­ti­to una vol­ta, as­si­cu­ran­do­ti che la lo­ro av­ven­tu­ra era fi­ni­ta men­tre a quan­to pa­re non lo è af­fat­to. Non sem­bre­reb­be il com­por­ta­men­to di una don­na an­co­ra in­na­mo­ra­ta del ma­ri­to che ha avu­to una sban­da­ta oc­ca­sio­na­le per l’ex ca­puf­fi­cio du­ran­te una rim­pa­tria­ta tra col­le­ghi. Al­lo­ra vie­ne ine­vi­ta­bi­le do­man­dar­si se quell’amo­re, per espan­der­si, ab­bia per ca­so tro­va­to dei vuo­ti nel vo­stro ma­tri­mo­nio. Se l’in­te­sa ses­sua­le tra te e tua mo­glie sia an­co­ra vi­va­ce, o se la tren­ten­na­le con­vi­ven­za l’ab­bia de­fi­ni­ti­va­men­te spen­ta. Se la vo­stra re­la­zio­ne sen­ti­men­ta­le, an­che a li­vel­lo di at­ten­zio­ni re­ci­pro­che, sia ri­ma­sta so­li­da ne­gli an­ni o non si sia in­ve­ce ina­bis­sa­ta in una rou­ti­ne che un po’ al­la vol­ta ha fat­to di voi quel­lo che fa di tan­ti al­tri co­niu­gi: due ca­ris­si­mi estra­nei che non han­no più nien­te da dir­si e da dar­si, e che a par­te l’amo­re per i fi­gli or­mai cre­sciu­ti non rie­sco­no a con­di­vi­de­re che in­te­res­si ma­te­ria­li e lon­ta­ni ri­cor­di a cui pe­ral­tro non pen­sa­no nean­che più. Se tua mo­glie si è in­na­mo­ra­ta, o co­mun­que in­fa­tua­ta, del suo ex ca­puf­fi­cio è per­ché in ca­sa le man­ca­va qual­co­sa di de­ci­si­vo. Può ave­re ri­mos­so a lun­go il pro­ble­ma per quie­to vi­ve­re e ti­mo­re di scon­vol­ge­re le ba­si del­la vo­stra vi­ta. Ma ap­pe­na den­tro e fuo­ri di lei si so­no crea­te le con­di­zio­ni giu­ste, il bub­bo­ne è esplo­so. Con un set­tan­ten­ne? Sì. An­zi, il fat­to che ab­bia per­so la te­sta per una per­so­na più an­zia­na di te con­fer­ma che non si trat­ta di un ca­pric­cio este­ti­co ma di una scel­ta af­fet­ti­va. Mi sem­bra un po’ trop­po co­mo­do li­qui­da­re lo scon­quas­so del vo­stro ma­tri­mo­nio co­me un me­ro ef­fet­to col­la­te­ra­le del ca­pric­cio di un al­tro uo­mo. La­scia fuo­ri quel si­gno­re da una vi­cen­da, la vo­stra, che lo ri­guar­da so­lo in­di­ret­ta­men­te. È con tua mo­glie che de­vi par­la­re, sen­za per­der­ti in trop­pe di­scus­sio­ni che fa­reb­be­ro scat­ta­re i re­ci­pro­ci mec­ca­ni­smi di au­to­di­fe­sa. Le do­vre­sti chie­de­re: «Mi ami an­co­ra?». È l’uni­ca do­man­da che con­ta, cre­di­mi, an­che se la ri­spo­sta ci ter­ro­riz­za sem­pre.

AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.