LA VIT­TI­MA

GUAR­DA­TE QUE­STO RA­GAZ­ZO: È LUI

Vanity Fair (Italy) - - Week - Se­gui Al­le­gran­ti Su Twit­ter @ da­vi­dal­le­gran­ti

A i carnefici e al­le lo­ro fa­mi­glie si con­ce­do­no pie­di­stal­li, are­ne te­le­vi­si­ve, vi­si­bi­li­tà. Le vit­ti­me, sgoz­za­te peg­gio del­le be­stie, non han­no nean­che il di­rit­to al pu­do­re, quel sen­ti­men­to di ver­go­gna che pa­re sra­di­ca­to in tem­pi in cui tut­to è pal­co­sce­ni­co, l’im­por­tan­te è che sia una «sto­ria che fun­zio­ni» e fac­cia fa­re ascol­ti. Il de­lit­to di Ro­ma ha un’uni­ca vit­ti­ma, ed è Lu­ca Va­ra­ni, il 23en­ne uc­ci­so a col­tel­la­te e mar­tel­la­te al quar­tie­re Col­la­ti­no. Am­maz­za­to due vol­te: la pri­ma in quel­la ca­sa a Ro­ma Est da Ma­nuel Fo o e Marc Pra­to, la se­con­da il gior­no do­po, fra pa­dri di fa­mi­glia che van­no in Tv a rac­con­ta­re quan­to i pro­pri fi­gli as­sas­si­ni so­no « ra­gaz­zi mo­del­lo» e al­tri che scri­vo­no per­ga­me­ne di au­to­di­fe­sa sen­za spen­de­re una pa­ro­la sul­le vit­ti­me.

Nel rac­con­to di que­sto ef­fe­ra­to de­lit­to non è sta­to ri­spar­mia­to nien­te, e an­zi si è mol­to in­du­gia­to, con det­ta­gli mor­bo­si – e chis­sà quan­to fon­da­ti – che qui di pro­po­si­to non tro­ve­re­te, sul­la sto­ria del gio­va­ne Lu­ca Va­ra­ni, na­to nel­la Bo­snia in guer­ra, adot­ta­to da bam­bi­no e por­ta­to in Ita­lia. L’ado­zio­ne di un ra­gaz­zi­no strap­pa­to al­la di­sgra­zia non do­vreb­be es­se­re un par­ti­co­la­re pic­can­te da ag­giun­ge­re al car­na­io gior­na­lie­ro di chi lo vuo­le uti­liz­za­re per far ve­de­re che, in­som­ma, pu­re ’sto Lu­ca ave­va i suoi pro­ble­mi, ma una sto­ria – al­me­no quel­la – a lie­to ne. Per gior­ni sia­mo sta­ti inon­da­ti dal flus­so di in­co­scien­za dei kil­ler e dei lo­ro pa­dri. Val­ter Fo o, pa­dre di Ma­nuel, è an­da­to a Por­ta a por­ta a spie­ga­re che suo glio era «un ra­gaz­zo mo­del­lo, con un quo­zien­te in­tel­let­ti­vo su­pe­rio­re al­la me­dia. Non uno sban­da­to». Non aven­do gli, non so nean­che im­ma­gi­na­re co­sa suc­ce­da a un pa­dre quan­do sco­pre che suo glio è un as­sas­si­no. E an­che se ne aves­si, non riu­sci­rei a di­re «a me non po­treb­be ca­pi­ta­re». Pe­rò per­ché, ca­ro Ve­spa, por­ta­re in Tv a ca­da­ve­re an­co­ra cal­do il pa­dre di uno de­gli as­sas­si­ni che pon­ti­fi­ca su quan­to fos­se bra­vo e buo­no il glio? L’al­tro pa­dre, Le­do Pra­to, ha pre­fe­ri­to scri­ve­re sul suo blog un po­st ego­ti­co in cui non ha spe­so una pa­ro­la che sia una per la vit­ti­ma, non un cen­no di ver­go­gna o di com­pas­sio­ne per quel ra­gaz­zo mor­to. Ed è ve­ro che le col­pe so­no di chi com­met­te i rea­ti, che la re­spon­sa­bi­li­tà è in­di­vi­dua­le, ma per­ché scri­ve­re un pa­pel­lo per par­la­re di sé? Un pas­sag­gio, ter­ri­bi­le, mi ha col­pi­to: «In que­sti gior­ni in cui la stam­pa ha fat­to a bran­del­li la vi­ta di tre fa­mi­glie col­pi­te, cia­scu­na in mo­do dram­ma­ti­ca­men­te di­ver­so, si so­no let­ti giu­di­zi som­ma­ri, ve­ri­tà parziali o di co­mo­do, usa­te espres­sio­ni dei tem­pi più bui del­la vi­ta ci­vi­le». Quel «dram­ma­ti­ca­men­te» mi sem­bra po­co per sot­to­li­nea­re la dif­fe­ren­za tra la fa­mi­glia che ha un glio in ga­le­ra e quel­la che ce l’ha al ci­mi­te­ro. Spes­so si sen­te di­re che il tal as­sas­si­no era «una co­sì bra­va per­so­na». E ma­ga­ri que­sti, pri­ma di di­ven­ta­re as­sas­si­ni, lo era­no o lo sem­bra­va­no, ma ciò non ri­di­men­sio­na il fat­to che han­no uc­ci­so, con un’ef­fe­ra­tez­za che sgo­men­ta. E han­no tron­ca­to la vi­ta di un ra­gaz­zo me­no for­tu­na­to, più vul­ne­ra­bi­le, con un di­sprez­zo che dà da pen­sa­re, e do­vreb­be dar da pen­sa­re an­che a quei due pa­dri.

Ehai vo­glia a cer­ca­re la mol­la che fa scat­ta­re, l’au­to­giu­sti­fi­ca­zio­ne di Ma­nuel Fof­fo che si sen­te «in­com­pre­so» dal pa­dre che gli ven­de l’ado­ra­to mo­to­ri­no, non gli com­pra l’au­to de­si­de­ra­ta e gli pre­fe­ri­sce il fra­tel­lo nel­la ge­stio­ne del ri­sto­ran­te e quin­di con l’ami­co va lun­ga­men­te a cac­cia di un ra­gaz­zo da uc­ci­de­re e poi lo uc­ci­de, ma in real­tà vo­le­va uc­ci­de­re il pa­dre. O la let­te­ra scrit­ta da Marc Pra­to pri­ma di «ten­ta­re» il sui­ci­dio (per­do­na­te lo scet­ti­ci­smo), in cui rac­con­ta del de­si­de­rio di di­ven­ta­re don­na, fru­stra­to dall’op­po­si­zio­ne del­la fa­mi­glia. Hai vo­glia pu­re a da­re la col­pa al­le dro­ghe che «tra­sfor­ma­no» le per­so­ne e le ren­do­no vio­len­te. Ne­ga­re la ma­lat­tia nel­la psi­che di al­cu­ne per­so­ne sa­reb­be un er­ro­re (e an­che la mal­va­gi­tà lo è), ma quel­lo che è in­sop­por­ta­bi­le è quel pun­ta­re all’ «in­ca­pa­ce di in­ten­de­re e di vo­le­re», quel­la con­ti­nua de­re­spon­sa­bi­liz­za­zio­ne di chi non rie­sce a far­si ca­ri­co del­le pro­prie col­pe e le sca­ri­ca al­tro­ve.

NON

Mor­to que­sto

Pa­pa non se ne

fa­rà un al­tro.

CAI­NO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.