PA­PÀ, AN­DIA­MO A CAM­MI­NA­RE

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Ho un gran­de pa­pà. Lo so, mes­sa co­sì può es­se­re let­ta co­me una fra­se pa­ra­cu­la, ma il tem­po che pas­sa ti re­ga­la quel­la lu­ci­di­tà e quel­la ca­pa­ci­tà di sca­val­la­re e non sen­ti­re più im­ba­raz­zo e di­re ad al­ta vo­ce quel­lo che pen­si. An­che lui è cam­bia­to mol­to. An­ni fa non pro­va­va nes­sun ti­po di de­si­de­rio nell’es­se­re fe­steg­gia­to, og­gi vi­ve per quel­lo. Chie­de re­ga­li, so­ste­nen­do che lui nel tem­po me ne ha fat­ti an­che trop­pi, e che ora toc­ca a me. Mi pia­ce que­sto sche­ma, lo tro­vo te­ne­ro, ad­di­rit­tu­ra giu­sto, se non fos­se che non si dà al­cun li­mi­te di bud­get. Ma è una fa­se do­ve il mon­do si il­lu­mi­na di «pa­dri». Il mio ami­co Tho­mas ha fat­to due gli nel gi­ro di un an­no e mez­zo, al­tri ami­ci or­mai so­no al quar­to o giù di lì. Fran­ce­sco Fac­chi­net­ti ne fa uno l’an­no (an­zi ne ap­pro tto per far­gli gli au­gu­ri) e one­sta­men­te mi ri­tro­vo nel ruo­lo di quel­li che, quan­do si sie­do­no in­tor­no a un ta­vo­lo, in­co­min­cia­no a sen­tir­si ta­glia­ti fuo­ri dal­le chiac­chie­re. Un po’ co­me quan­do sei l’uni­co dan­za­to e tut­ti gli al­tri, sin­gle, fan­no in mo­do di far­ti sen­ti­re « un estra­neo» , op­pu­re il con­tra­rio. In­som­ma, so­no en­tra­to nel­la ca­te­go­ria de­gli «emar­gi­na­ti a ta­vo­la». Ma tor­nia­mo a mio pa­dre. Da qual­che an­no, ab­bia­mo pre­so l’abi­tu­di­ne, nel sen­so che è sta­to un suo «or­di­ne» che poi si è tra­sfor­ma­to in ri­tua­le, di pren­de­re e cam­mi­na­re per fa­re «il pun­to del­la vi­ta». Lo fac­cia­mo al­la fe­sta del pa­pà e a Na­ta­le. Sem­pre, non si scap­pa! Pas­seg­gia­te, in­ter­mi­na­bi­li cam­mi­na­te, ver­so me­te a me sco­no­sciu­te, sen­za so­sta, sen­za cel­lu­la­ri, sen­za oro­lo­gio, sen­za tem­po. Il pro­ble­ma è sem­pre il ri­tor­no. Una vol­ta che ti sei ag­gior­na­to su tut­to, hai svi­sce­ra­to ogni sin­go­lo ar­go­men­to le­ga­to al­la tua vi­ta, ti sen­ti svuo­ta­to. Ma lì, una vol­ta in cui lui di­ce «ba­sta», ognu­no tor­na a ca­sa co­me vuo­le. Im­ma­gi­na­te la sce­na. «Ok, al­lo­ra io va­do», di­ce lui. «Ok pa­pà, va­do an­che io», di­co io. «Ci ve­dia­mo», di­ce lui. «Ci ve­dia­mo», di­co io. Un po’ sur­rea­le, per­ché a quel pun­to ri­tor­na quel clas­si­co im­ba­raz­zo tra ma­schi che non pas­sa mai. Gli ab­brac­ci so­no quan­do nes­su­no dei due se lo aspet­ta. Sem­pre. Tut­to que­sto per di­re che pri­ma o poi toc­che­rà an­che a me e one­sta­men­te, ne so­no si­cu­ro, cam­mi­ne­rò, e poi lo ri­fa­rò an­che io, chie­den­do do­ni, at­ten­zio­ni e quant’al­tro, per­ché fa­rò in mo­do di me­ri­tar­me­lo. Buo­na fe­sta del pa­pà a tut­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.