IO COR­RO SEM­PRE IN AU­TO,

MA AN­CHE SU­GLI SCI E IN MO­TO. MIA MO­GLIE ESCE FUO­RI DI TE­STA

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Copertima -

En tra a pas­si pic­co­li e si­len­zio­si, all’orec­chio un te­le­fo­no a con­chi­glia di quel­li usci­ti di pro­du­zio­ne cir­ca quin­di­ci an­ni fa, con un pez­zo di na­stro ade­si­vo sul ri­ce­vi­to­re. In­dos­sa una T- shirt ne­ra, jeans e scar­pe Ox­ford mar­ro­ni, e sta cer­can­do pa­ta­ti­ne da sgra­noc­chia­re men­tre fa una te­le­fo­na­ta. Nel­la stan­za do­ve sto aspet­tan­do l’ini­zio dell’in­ter­vi­sta ci sia­mo so­lo io che fac­cio nta di nien­te e Ro­bert Re­d­ford che par­la di una sce­neg­gia­tu­ra. Quan­do se ne va, con il piat­to di pa­ta­ti­ne in ma­no, sor­ri­de com­pia­ciu­to co­me se fos­se riu­sci­to a non far­si no­ta­re. Po­chi mi­nu­ti do­po rien­tra per l’in­ter­vi­sta, gli strin­go la ma­no e lui mi sa­lu­ta co­sì: «Ah, ma noi ci co­no­scia­mo già! Pia­ce­re, so­no Bob. Di co­sa vuo­le par­la­re?». Già, Bob, da do­ve co­min­cia­re? Ma­ga­ri dal fat­to che Tut­ti gli uo­mi­ni del pre­si­den­te è una del­le ra­gio­ni per cui ho ini­zia­to a fa­re il gior­na­li­sta? O dal dia­lo­go con Paul New­man sul­lo stra­piom­bo so­pra le ca­sca­te in But­ch Cas­si­dy, quel­lo in cui con­fes­si di non sa­per nuo­ta­re pri­ma di tuf­far­ti co­mun­que, per­ché è co­sì che fun­zio­na nel­la vi­ta? O dal tuo in­gres­so al Pla­za ab­brac­cia­to a Ja­ne Fon­da in A pie­di nu­di nel par­co, lo stes­so mo­do di cam­mi­na­re dell’in­cur­sio­ne di pri­ma in cer­ca del­le pa­ta­ti­ne? O an­co­ra da quel cap­pel­lo da esplo­ra­to­re e dal­le bre­tel­le che in­dos­sa­vi nel­la Mia Afri­ca, con quel ciuf­fo bion­do e im­pos­si­bi­le che – no­to ora – a 79 an­ni è ri­ma­sto lo stes­so? In­ve­ce, ini­zia­mo da que­sto lm con cui lui tor­na al­la sua vec­chia pas­sio­ne, il gior­na­li­smo. Si in­ti­to­la Tru­th - Il prez­zo del­la ve­ri­tà ed è ba­sa­to su una sto­ria ve­ra ac­ca­du­ta nel 2004, quel­la dell’in­da­gi­ne del team in­ve­sti­ga­ti­vo del­la trasmissione 60 Mi­nu­tes del­la Cbs sul­le pre­sun­te age­vo­la­zio­ni a Geor­ge W. Bu­sh nel pe­rio­do in cui in­ve­ce di an­da­re in Viet­nam si ar­ruo­lò nel­la Na­tio­nal Guard del Te­xas. Que­sta pe­rò non è la sto­ria di un suc­ces­so gior­na­li­sti­co. Non è l’in­da­gi­ne sul­lo scan­da­lo Wa­ter­ga­te del Wa­shing­ton Po­st che por­tò al­le di­mis­sio­ni di Ri­chard Nixon, e che Re­d­ford ha por­ta­to sul­lo scher­mo, ap­pun­to, in Tut­ti gli uo­mi­ni del pre­si­den­te. Al­la ne di Tru­th, co­me nel­la real­tà, l’an­chor­man Dan Ra­ther (in­ter­pre­ta­to da Ro­bert) e la pro­du­cer Ma­ry Ma­pes (Ca­te Blan­chett) ven­go­no li­cen­zia­ti. E an­che se nes­su­no ha an­co­ra di­mo­stra­to che i do­cu­men­ti su cui si ba­sa­va la lo­ro in­chie­sta era­no fal­si, nel lm si am­met­te che non ven­ne­ro fat­te tut­te le ve­ri­fi­che ne­ces­sa­rie pri­ma di at­tac­ca­re Geor­ge W. Bu­sh.

Per­ché ha de­ci­so di fa­re que­sto lm? «È una sto­ria che por­ta a far­si del­le do­man­de. La mia opi­nio­ne è che lo scan­da­lo su quei do­cu­men­ti ven­ne mon­ta­to ad ar­te per oscu­ra­re la ve­ra fac­cen­da. E cioè, che Dan Ra­ther e Ma­ry Ma­pes ave­va­no iden­ti­fi­ca­to una que­stio­ne rea­le». Cer­to, se in­ve­ce di Tut­ti gli uo­mi­ni del pre­si­den­te da ra­gaz­zo aves­si vi­sto Tru­th, non so se mi sa­rei but­ta­to nel gior­na­li­smo. «Ep­pu­re i due lm si oc­cu­pa­no del­la stes­sa co­sa: la ri­cer­ca del­la ve­ri­tà. La dif­fe­ren­za è che Bob Wood­ward e Carl Bern­stein, i due reporter al­le pri­me ar­mi che sco­pri­ro­no lo scan­da­lo Wa­ter­ga­te, ave­va­no l’ap­pog­gio del lo­ro gior­na­le: sia il di­ret­to­re Ben Brad­lee che la pro­prie­ta­ria del Wa­shing­ton Po­st Ka­tha­ri­ne Gra­ham so­sten­ne­ro no all’ul­ti­mo la lo­ro in­chie­sta con­tro la potentissima am­mi­ni­stra­zio­ne di Ri­chard Nixon. Dan Ra­ther e Ma­ry Ma­pes in­ve­ce a un cer­to pun­to per­se­ro l’ap­pog­gio dei lo­ro boss del­la Cbs». Se­con­do lei, ades­so è più dif­fi­ci­le per i gior­na­li­sti ar­ri­va­re al­la ve­ri­tà? «Sì, per­ché su­bi­sco­no l’at­tac­co sia dei po­li­ti­ci che del­le gran­di mul­ti­na­zio­na­li. Ed è que­sta la ve­ra mi­nac­cia og­gi, per­ché io so­no con­vin­to che il gior­na­li­smo sia il mec­ca­ni­smo fon­da­men­ta­le su cui si ba­sa la ri­cer­ca del­la ve­ri­tà. Per me è una que­stio­ne per­so­na­le, for­se per­ché da bam­bi­no an­da­vo in bi­ci­clet­ta a di­stri­bui­re il quo­ti­dia­no lo­ca­le, il San­ta Mo­ni­ca In­de­pen­dent. O per­ché col mio la­vo­ro a me in­te­res­sa in­da­ga­re le zo­ne gri­gie del­la so­cie­tà ame­ri­ca­na». Per­ché è tor­na­to al­la re­ci­ta­zio­ne? «Mi man­ca­va. Per mol­ti an­ni ho pro­dot­to e di­ret­to, ma quan­do nel 2014, con All Is Lo­st - Tut­to è per­du­to, è ar­ri­va­ta l’oc­ca­sio­ne di re­ci­ta­re sol­tan­to, sen­za pre­oc­cu­par­mi del re­sto, l’ho pre­sa al vo­lo. Mi ha at­trat­to che fos­se un lm sen­za dia­lo­go, e sen­za ef­fet­ti spe­cia­li». In quel lm lei è un nau­fra­go che cer­ca di so­prav­vi­ve­re nell’ocea­no. So che nel cor­so del­le ri­pre­se ha per­so un po’ di udi­to: co­me va? «Non mi è mai tor­na­to del tut­to. Ma, an­che se l’aves­si sa­pu­to pri­ma, non avreb­be avu­to im­por­tan­za. L’avrei fat­to co­mun­que». Guar­dan­do al­la sua car­rie­ra, c’è un lm che con­si­de­ra un mo­men­to di svol­ta? «Un po’ A pie­di nu­di nel par­co, che ave­vo fat­to pri­ma a Broad­way, ma so­prat­tut­to But­ch Cas­si­dy. De­vo mol­to a Paul New­man: era già una su­per­star e io nes­su­no, e c’era­no 14 an­ni di di eren­za tra noi. Sen­za di lui non avrei mai avu­to la par­te. Gli stu­dios non mi vo­le­va­no: sic­co­me ave­vo fat­to quel­la com­me­dia romantica, mi con­si­de­ra­va­no un at­to­re co­mi­co. E Geor­ge Roy Hill, il re­gi­sta, mi vo­le­va nel­la par­te di But­ch Cas­si­dy men­tre io mi sen­ti­vo più a ne a Sun­dan­ce Kid. Al­la ne la de­ci­sio­ne spet­tò a Paul che, do­po una se­ra­ta pas­sa­ta as­sie­me, die­de il via li­be­ra di­cen­do che vo­le­va al suo an­co un at­to­re, non una celebrity».

Sie­te ri­ma­sti mol­to vi­ci­ni, an­che fuo­ri dal set. «È sta­ta un’ami­ci­zia in­cre­di­bi­le. C’è sta­to un pe­rio­do in cui vi­ve­va­mo vi­ci­ni in Con­nec­ti­cut e ci fa­ce­va­mo scher­zi in con­ti­nua­zio­ne. Lui era pa­ti­to di au­to, e una vol­ta per il suo com­plean­no gli fe­ci met­te­re in giar­di­no una Por­sche sfa­scia­ta che ave­vo tro­va­to da un de­mo­li­to­re, im­pac­chet­ta­ta con un na­stro ros­so, e so­lo un bi­gliet­to con su scrit­to “Buon com­plean­no”. Lui non mi dis­se nien­te ma un pa­io di set­ti­ma­ne do­po aprii la por­ta di ca­sa e tro­vai all’en­tra­ta un bloc­co di me­tal­lo: era la Por­sche, che Paul ave­va fat­to com­pri­me­re. An­ch’io non dis­si nien­te ma chia­mai di nuo­vo il de­mo­li­to­re e gli chie­si di tra­sfor­ma­re il bloc­co in una sta­tua, che gli fe­ci piaz­za­re in giar­di­no». Im­ma­gi­no le ri­sa­te. «Mai un commento: non ne ab­bia­mo par­la­to nean­che una vol­ta». Poi ave­te fat­to in­sie­me an­che La stan­ga­ta: che ef­fet­to le fa ri­ve­der­si in quei lm? «Non mi pia­ce. In real­tà, mol­ti dei miei lm non li ho nem­me­no vi­sti». Sta scher­zan­do, ve­ro? «No. Per esem­pio, Co­me era­va­mo non l’ho mai vi­sto, ma an­che mol­ti al­tri: una vol­ta - ni­to un pro­get­to, pre­fe­ri­sco guar­da­re avan­ti. An­che La stan­ga­ta non l’ho guar­da­to - no a qual­che tem­po fa quan­do, cer­can­do in un ne­go­zio un dvd da ve­de­re con mio ni­po­te, l’ho tro­va­to in uno sca­to­lo­ne mar­ca­to “Vec­chi lm”. Mi so­no det­to: “Ca­vo­lo, ma è già con­si­de­ra­to vec­chio?”. Ho chie­sto a mio ni­po­te se lo ave­va vi­sto, gli ho det­to che non lo ave­vo vi­sto nean­ch’io e lo ab­bia­mo pre­so. Mi è par­so un buon lm». Quel­la era l’epo­ca in cui lei era un sex sym­bol as­so­lu­to: le pia­ce­va? «All’ini­zio tan­tis­si­mo, an­che per­ché era un aspet­to dell’es­se­re fa­mo­si che non mi aspet­ta­vo: ero lu­sin­ga­to, mi fa­ce­va sen­ti­re be­ne cam­mi­na­re per stra­da ed es­se­re os­ser­va­to. Ma poi tut­ta que­sta at­ten­zio­ne co­min­ciò a in­ner­vo­sir­mi: ini­ziai a pre­oc­cu­par­mi dell’im­pat­to che avreb­be avu­to sul­la mia vi­ta. Per­ché la gen­te non sa­pe­va nul­la di me, e quin­di evi­den­te­men­te pro­iet­ta­va su di me qual­co­sa dei per­so­nag­gi dei miei lm». Che co­sa fe­ce, al­lo­ra? «Poi­ché co­min­cia­vo a sen­tir­mi trat­ta­to co­me un og­get­to, ho mes­so sul­la mia scri­va­nia un car­tel­lo con la pa­ro­la “Og­get­to”. E sot­to ho scrit­to: “Pri­mo, stai at­ten­to a non es­se­re trat­ta­to co­me un og­get­to. Se­con­do, stai at­ten­to per­ché, se non lo fai, co­min­ce­rai a com­por­tar­ti co­me un og­get­to. Ter­zo: in quel ca­so, pri­ma o poi di­ven­te­rai un og­get­to”. E ogni vol­ta che ce­de­vo al­le lu­sin­ghe dell’im­ma­gi­ne guar­da­vo quel car­tel­lo». Fun­zio­nò? «Sì, ma poi ca­pii che per evi­ta­re ogni ri­schio il mo­do mi­glio­re era an­dar­me­ne da Los An­ge­les. E com­prai i pri­mi ap­pez­za­men­ti di ter­ra a Sun­dan­ce, in Utah, per ave­re un po­sto do­ve ri­fu­giar­mi con la mia fa­mi­glia tra un lm e l’al­tro». Da gio­va­ne ave­va scel­to l’uni­ver­si­tà del Co­lo­ra­do per sta­re più vi­ci­no al­la na­tu­ra. «Ar­te e na­tu­ra so­no le due co­se più im­por­tan­ti nel­la mia vi­ta. Ne­gli an­ni del col­le­ge ho an­che fre­quen­ta­to l’Ac­ca­de­mia di bel­le ar­ti a Fi­ren­ze: ri­cor­do che non ave­vo nean­che i sol­di per an­dar­me­ne, al­la ne, ma fu un pia­ce­re re­sta­re in­ca­stra­to in quel­la cit­tà. Quan­to al ri­chia­mo del­la na­tu­ra, è sem­pre sta­to for­tis­si­mo, e mi fa sof­fri­re ve­de­re quel­lo che sta suc­ce­den­do al no­stro pia­ne­ta. È una guer­ra con­tro il ce­men­to e i bull­do­zer, che io com­bat­to com­pran­do ap­pez­za­men­ti di ter­ra per pre­ser­var­li: at­tor­no a Sun­dan­ce so­no già riu­sci­to a sal­va­re 6 mi­la et­ta­ri». Lei ha fon­da­to il fe­sti­val di Sun­dan­ce, Paul New­man un’azien­da ali­men­ta­re a sco­po be­nef­fi­co, Ja­ne Fon­da si è im­pe­gna­ta in po­li­ti­ca: per­ché se­con­do lei la sua ge­ne­ra­zio­ne di at­to­ri è co­sì di­ver­sa dall’at­tua­le? «Per me tut­to è na­to da un prin­ci­pio dei na­ti­vi ame­ri­ca­ni, che di­ce­va­no: se pren­di qual­co­sa dal­la ter­ra, de­vi pian­ta­re qual­cos’al­tro. A un cer­to pun­to del­la mia car­rie­ra ave­vo rag­giun­to un suc­ces­so ta­le che mi si è po­sto il pro­ble­ma di co­sa far­ne: po­te­vo con­ti­nua­re sul­la stes­sa stra­da e di­ven­ta­re an­co­ra più fa­mo­so, op­pu­re crea­re qual­co­sa per gli al­tri. Cre­do che per Paul e Ja­ne la mo­ti­va­zio­ne sia sta­ta la stes­sa: sta­va­mo tut­ti re­sti­tuen­do qual­co­sa». È ve­ro che la ri­ve­dre­mo con Ja­ne Fon­da? «Sì, ed è in­cre­di­bi­le, per­ché ogni vol­ta che ci di­cia­mo che sem­bra non ci sia più nien­te da fa­re spun­ta una nuo­va idea: Ja­ne non è mai sta­ta im­pe­gna­ta co­me ora. In­sie­me stia­mo la­vo­ran­do a un adat­ta­men­to del li­bro Our Souls at Night di Kent Ha­ruf. È la sto­ria di due vi­ci­ni di ca­sa an­zia­ni i cui part­ner so­no mor­ti, e che per con­for­tar­si si met­to­no as­sie­me. È una sto­ria di amo­re al tra­mon­to del­la vi­ta». Lei co­me si man­tie­ne gio­va­ne? «Scio, va­do a ca­val­lo, nuoto: so­no sem­pre sta­to at­ti­vo si­ca­men­te. Mi di­ver­to e, so­prat­tut­to, cer­co di non pen­sa­re all’età che avan­za: l’er­ro­re più gran­de è fer­mar­si a pen­sa­re quan­to sei vec­chio». Da gio­va­ne era un pi­lo­ta di au­to da cor­sa: gui­da an­co­ra? «Sì, e va­do ve­lo­cis­si­mo. Mia mo­glie esce fuo­ri di te­sta quan­do so­no io al­la gui­da, im­paz­zi­sce, ma la ve­lo­ci­tà è una co­sa che ti en­tra nel san­gue, non te ne li­be­ri più, e non va­do ve­lo­ce so­lo in mac­chi­na ma an­che in mo­to e su­gli sci. Mi pia­ce quel­lo che la ve­lo­ci­tà fa al­la con­cen­tra­zio­ne e ai ri­fles­si, mi pia­ce che ci vo­glia tan­ta pra­ti­ca, e mi pia­ce an­che l’adre­na­li­na. La mac­chi­na più pre­zio­sa che ho è una Por­sche Su­per Spee­der del 1955, quel­la che gui­da­va an­che Ja­mes Dean». Per che co­sa vor­reb­be es­se­re ri­cor­da­to? «So­lo per il la­vo­ro che ho fat­to. Non per co­me so­no sta­to bra­vo a pro­muo­ver­mi, non per la mia vi­ta pri­va­ta: vor­rei che la gen­te di­men­ti­cas­se tut­to il re­sto e guar­das­se so­lo quel­lo che ho fat­to, per­ché se con­si­de­ra tut­ta la mia car­rie­ra c’è un lo ros­so che con­giun­ge tut­ti i miei lm». E qual è? «Sta so­lo a chi guar­da de­ci­der­lo».

TEM­PO DI LET­TU­RA PRE­VI­STO: 12 MI­NU­TI

IL PRI­MO OSCAR Il pri­mo film che Re­d­ford di­ri­ge, Gen­te co­mu­ne, nel 1981 vin­ce 4 Oscar, com­pre­so quel­lo al­la re­gia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.