Caf­fè À LA SHA­KE­SPEA­RE

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - FO­TO GIA­CO­MO BRE­TZEL

Si chia­ma te­na­cia: per 60 an­ni, Geor­ge Whit­man è an­da­to a bus­sa­re una vol­ta al me­se, pun­tua­le, al­la por­ta dei pro­prie­ta­ri del pa­laz­zo che ospi­ta­va il pic­co­lo lo­ca­le ac­can­to al­la sua li­bre­ria, al 37 di rue de la Bû­che­rie. E che li­bre­ria, vi­sto che si trat­ta­va del­lo Sha­ke­spea­re and Com­pa­ny Book­sto­re, il ri­fe­ri­men­to cul­tu­ra­le di lin­gua in­gle­se a Pa­ri­gi aper­to nel 1951 da­van­ti al­la cat­te­dra­le di No­tre-Da­me. Stan­ze pie­ne di li­bri, sca­le, sca­let­te, an­go­li ina­spet­ta­ti, un luo­go che ha a asci­na­to an­che Woo­dy Al­len che qui ha gi­ra­to al­cu­ne sce­ne di Mid­night in Pa­ris. A Whit­man man­ca­va so­lo il co ee bar, lui con quel co­gno­me pre­de­sti­na­to che sa­pe­va di let­te­ra­tu­ra, an­che se non ave­va al­cu­na pa­ren­te­la con il poe­ta Walt. Men­tre de­li­nea­va quel­la che era l’ope­ra del­la sua vi­ta, «Non ho scrit­to un li­bro per­ché ogni stan­za di que­sto luo­go è già un ca­pi­to­lo di un ro­man­zo», si cruc­cia­va di non po­ter o ri­re una buo­na le­mon pie a pas­san­ti, let­to­ri, scrit­to­ri re­si­den­ti che dor­mi­va­no nel­le stan­zet­te zep­pe del book­shop a con­di­zio­ne che aiu­tas­se­ro in ne­go­zio. Li chia­ma­va tum­bleweed, co­me i ro­to­la­cam­po nel de­ser­to, le pian­te che si stac­ca­no e ut­tua­no via. Tra di lo­ro c’era­no Al­len Gin­sberg, Hen­ry Mil­ler e buo­na par­te del­la beat ge­ne­ra­tion, che qui sog­gior­na­va­no e in­ven­ta­va­no ca­po­la­vo­ri tra i suoi sca ali. Tra­scor­ro­no gli an­ni, Geor­ge bus­sa sem­pre a quel­la por­ta chiu­sa (do­po aver ospi­ta­to una car­to­le­ria i lo­ca­li ri­ma­se­ro s tti per 30 an­ni). Vo­le­va quell’an­go­li­no co­sì vi­ci­no al par­co di Sain­tJu­lien-le-Pau­vre, con la bel­la lu­ce. Ci pro­vò - no a quan­do, a 98 an­ni, si spen­se, nel di­cem­bre del 2011. Ci pen­se­rà la glia Syl­via, chia­ma­ta co­sì in ono­re di Syl­via Bea­ch (fon­da­tri­ce del­la pri­ma ori­gi­na­le li­bre­ria Sha­ke­spea­re and Com­pa­ny fre­quen­ta­ta da He­ming­way e Joy­ce), che ora sta al­la cas­sa, a con­vin­ce­re i pro­prie­ta­ri a non ac­cet­ta­re la ci­fra astro­no­mi­ca pro­po­sta da una ca­te­na di fa­st food e ag­giu­di­car­si il lo­ca­le. Ed è que­sta 34en­ne bion­da e un po’ ete­rea che og­gi ha am­plia­to gli spa­zi, ha crea­to una se­zio­ne di li­bri ra­ri, un pre­mio let­te­ra­rio im­por­tan­te – il Fe­sti­va­lan­dCo, che ospi­ta scrit­to­ri co­me Paul Au­ster, Si­ri Hust­vedt e Ma­r­ja­ne Sar­tra­pi – e ha aper­to lo Sha­ke­spea­re and Com­pa­ny Ca­fé. Buo­nis­si­mo espres­so (i chic­chi ven­go­no da Lo­mi, ri­no­ma­ta tor­re­fa­zio­ne pa­ri­gi­na), ci­bo sa­no­ve­ge­ta­ria­no, ba­gel, dol­ci a spic­ca­ta vo­ca­zio­ne let­te­ra­ria co­me ma­de­lei­ne prou­stia­ne e cro­sta­te Lo­ve and Squa­lor Pie al­la Sa­lin­ger. Tut­to è pre­pa­ra­to da Marc Gross­man, new yor­ker fa­mo­so in cit­tà per il suo Bob’s Ba­ke Shop. E per gli scrit­to­ri la gue­sthou­se è aper­ta a pat­to che si im­pe­gni­no a leg­ge­re un li­bro al gior­no, aiu­ta­re in ne­go­zio e la­scia­re una fo­to con de­di­ca al­la par­ten­za ( sha­ke­spea­rean­d­com­pa­ny.com).

2

8

1

3

7

5

4

6

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.