LA FOR­MU­LA DI LEWIS HAMILTON

L’aqui­la la po­te­te am­mi­ra­re sul col­lo di LEWIS HAMILTON che si pre­pa­ra, nel ruo­lo di fa­vo­ri­to, al nuo­vo Mon­dia­le di For­mu­la Uno. La sua vi­sta in ef­fet­ti è ec­cel­len­te (sa ri­co­no­sce­re a di­stan­za di ot­to an­ni), il suo ca­rat­te­re dav­ve­ro ra­pa­ce («non è sgra­dev

Vanity Fair (Italy) - - Tempo Di Lettura - di SIL­VIA NUCINI

Nel­le ul­ti­me 24 ore sul pro lo In­sta­gram di Lewis Hamilton so­no sta­te pub­bli­ca­te sei fo­to: in una è con Iri­na Shayk, in un’al­tra con Eva Lon­go­ria, poi con Liya Ke­be­de, e an­co­ra con le mo­del­le Bar­ba­ra Pal­vin e An­ja Ru­bik. Il gior­no pri­ma lo si ve­de ab­brac­cia­to ai McCartney: Paul e Stel­la. Scor­ren­do le fo­to a ri­tro­so si tro­va­no tut­ti: dal­le so­cia­li­te ai rap­per, dai no­bi­li in­gle­si agli sti­li­sti. Il pro lo In­sta­gram di Hamilton do­vreb­be es­se­re ca­so di stu­dio per chi si oc­cu­pa di mar­ke­ting de­gli uma­ni, ma­te­ria per la qua­le il pi­lo­ta in­gle­se sem­bra ave­re un’au­ten­ti­ca pas­sio­ne. «So­cia­liz­za­re è una par­te fon­da­men­ta­le del mio suc­ces­so. L’ho ca­pi­to so­lo da po­co, e so­lo da po­co ho rea­liz­za­to che non ha sen­so la­vo­ra­re, la­vo­ra­re, la­vo­ra­re e non ave­re mai tem­po per usci­re la se­ra con gli ami­ci». Ma la pas­sio­ne va­le po­co se non si ac­com­pa­gna al ta­len­to, e ri­sul­ta evi­den­te che Hamilton ce l’ab­bia quan­do mi di­ce: «La guar­da­vo, pri­ma: noi ci sia­mo già co­no­sciu­ti, ve­ro?». La cir­co­stan­za che sì, sia suc­ces­so, ma ot­to an­ni fa, fa di lui un fuo­ri­clas­se del­le pu­blic re­la­tions o del­la me­mo­ria – fa­te voi – ol­tre che dei cir­cui­ti di For­mu­la Uno, di cui è cam­pio­ne mon­dia­le da due an­ni. Il Cam­pio­na­to sta per ri­co­min­cia­re e an­che que­st’an­no lei è il fa­vo­ri­to. Un ruo­lo che la stres­sa o la ca­ri­ca? «Cor­ro da quan­do ho 8 an­ni e so­no sem­pre sta­to in mez­zo a pres­sio­ni for­tis­si­me, le più gran­di del­le qua­li ven­go­no da me stes­so. Non ci so­no so­lo io: c’è la squa­dra, i fan, gli spon­sor. La pres­sio­ne che vie­ne da lo­ro è più di ci­le da ge­sti­re, de­vi riu­sci­re a in­ca­na­lar­la e tra­sfor­mar­la in ener­gia. Ma one­sta­men­te es­se­re il nu­me­ro uno non è una co­sa sgra­de­vo­le: tut­ti vor­reb­be­ro es­se­re al tuo po­sto. Io, pe­rò, cer­co di di­men­ti­car­me­lo: il mio la­vo­ro è ar­ri­va­re pri­mo, ogni vol­ta. Ri­par­to da ze­ro a ogni ga­ra, co­me se non ci fos­se pas­sa­to, co­me se fos­se la pri­ma e l’ul­ti­ma vol­ta che cor­ro. Ti­ro una ri­ga ogni vol­ta, e ri­co­min­cio. Ho sem­pre fat­to co­sì». Che cos’è per lei vin­ce­re e per­de­re? «La vi­ta. Vit­to­rie e scon tte non so­no qual­co­sa che spe­ri­men­to so­lo sul cir­cui­to, ma ogni gior­no. Può sem­bra­re re­to­ri­co, ma pen­so che ser­va­no en­tram­be. Quan­do vin­ci hai qual­co­sa in più, per­de­re, in­ve­ce, ti to­glie qual­co­sa ma re­ga­la sag­gez­za e ti fa cre­sce­re an­che se non lo sai. L’ho im­pa­ra­to da quan­do ero bam­bi­no. Mi pia­ce pen­sa­re che mi ri­cor­do più vit­to­rie che scon tte, ma so­no con­ten­to di ave­re an­che per­so al­cu­ne vol­te: non sa­rei for­te co­me so­no se non mi fos­se suc­ces­so».

Qual è il mo­men­to più bel­lo di una ga­ra? «For­se la par­ten­za, ma io amo tut­ta la ga­ra per­ché non sai mai co­sa suc­ce­de­rà: ogni sin­go­lo se­con­do del­la cor­sa è un viag­gio den­tro l’igno­to. Par­ti e pen­si che vuoi vin­ce­re, ma tra te e la vit­to­ria suc­ce­do­no tal­men­te tan­te co­se: puoi sba­glia­re, pos­so­no sal­ta­re i fre­ni, si può rom­pe­re il mo­to­re, op­pu­re puoi fa­re tut­to al­la per­fe­zio­ne». Che co­sa le pia­ce del­la ve­lo­ci­tà? «Quan­do ero bam­bi­no e an­da­vo in mac­chi­na con mio pa­pà pen­sa­vo che lui gui­das­se ve­lo­cis­si­mo e im­ma­gi­na­vo fos­si­mo dei pi­lo­ti: non ave­vo nes­su­na pau­ra. Poi ho ini­zia­to a gui­da­re io i kart, gi­ra­vo ve­lo­ce e quel­la ve­lo­ci­tà per me era sem­pli­ce­men­te vi­ve­re. Ed è an­co­ra co­sì: quan­do va­do a più di tre­cen­to all’ora io sto vi­ven­do». Quin­di odie­rà la len­tez­za. «Nien­te a at­to. L’au­to­mo­bi­le che gui­do più spes­so a Mon­te­car­lo, do­ve vi­vo, è una Smart. E, mo­to­ri a par­te, an­che nel­la vi­ta amo la len­tez­za: mi pia­ce sta­re sul di­va­no a guar­da­re la Tv, o leg­ge­re un li­bro. An­che se fac­cio fa­ti­ca a tro­va­re li­bri che mi piac­cia­no dav­ve­ro. Fi­no­ra nes­su­no ha bat­tu­to, nel­la mia per­so­na­le clas­si ca, l’Al­chi­mi­sta di Pau­lo Coe­lho». Lei ha a che fa­re con la pau­ra ogni gior­no. «No». Mi sta di­cen­do che non ha pau­ra? «No. Cioè so che co­sa sia, ma non la sen­to. Non ho mai pau­ra quan­do sal­go in mac­chi­na e cre­do che que­sto mi aiu­ti a fa­re le co­se che fac­cio. Pen­so che tut­ti noi pi­lo­ti ab­bia­mo que­sta spe­cie di in­sen­si­bi­li­tà al­la pau­ra, che non ri­guar­da so­lo cor­re­re, ma an­che al­tre co­se del­la vi­ta. La pau­ra ti bloc­ca, ti im­pri­gio­na. La pau­ra di di­re, quel­la di fa­re, an­che la pau­ra di pen­sa­re. Per me non è co­sì». E la pau­ra di quel­li che le stan­no ac­can­to e le vo­glio­no be­ne, co­me la ma­neg­gia? «So di al­cu­ni pi­lo­ti che han­no mam­me o mo­gli che si ter­ro­riz­za­no ogni vol­ta che cor­ro­no. La mam­ma di Ni­co Ro­sberg, per esem­pio, non vie­ne mai al­le ga­re, e cre­do non lo guar­di nem­me­no in Tv. La mo­glie di mio pa­dre, Lin­da, che per me è co­me una ma­dre, all’ini­zio ave­va pau­ra, ma ha sem­pre pre­fe­ri­to es­ser­ci piut­to­sto che ri­ma­ne­re a ca­sa. Mia ma­dre Car­men in­ve­ce è pro­prio co­me me: com­ple­ta­men­te ri­las­sa­ta». Ha un rap­por­to spe­cia­le con la sua au­to? «Ogni sta­gio­ne gui­do quat­tro o cin­que au­to di­ver­se, quin­di non ho un’au­to so­la che pos­so di­re sia mia. Con ognu­na di lo­ro ho svi­lup­pa­to una co­mu­ni­ca­zio­ne, un lin­guag­gio. Lo­ro mi re­ga­la­no emo­zio­ni e io de­vo ascol­tar­le, ma a vol­te gui­da­re è co­me es­se­re un gio­co­lie­re che fa sal­ta­re cin­que pal­li­ne, pe­rò ha so­lo due ma­ni. De­vi pren­de­re del­le de­ci­sio­ni: ciò che di­stin­gue chi ar­ri­va pri­mo da chi ar­ri­va se­con­do è che il pri­mo ha pre­so le de­ci­sio­ni mi­glio­ri». Quan­do l’ho in­ter­vi­sta­ta ot­to an­ni fa lei mi dis­se di ave­re un gran­de ri­spet­to per i sol­di. Nel frat­tem­po è di­ven­ta­to uno de­gli spor­ti­vi più ric­chi del mon­do. È an­co­ra quel ra­gaz­zo che, mi rac­con­tò, si fa­ce­va la spe­sa da so­lo al su­per­mar­ket? «Ot­to an­ni fa non ave­vo nes­sun con­trol­lo sul­le mie nan­ze e non mi go­de­vo nien­te di quel­lo che gua­da­gna­vo: mio pa­dre era il mio ma­na­ger, al­lo­ra, e io non mi com­pra­vo au­to, ca­se, non fa­ce­vo in­ve­sti­men­ti e nem­me­no er­ro­ri coi miei sol­di, che è an­che que­sta una le­zio­ne di vi­ta. In que­sti an­ni in­ve­ce ho fat­to mol­to, i miei ac­qui­sti mi­glio­ri so­no sta­ti nel cam­po dell’ar­te, e le ca­se per mia mam­ma e mia so­rel­la. Ma mi fac­cio sem­pre la spe­sa da me e ho lo stes­so ri­spet­to per il de­na­ro che ave­vo al­lo­ra: quan­do ti piom­ba­no ad­dos­so tut­ti quei sol­di è fa­ci­lis­si­mo per­de­re la te­sta, bi­so­gna

ri­ma­ne­re lu­ci­di. Ma an­che di­ver­tir­si. Non ha nes­sun sen­so ave­re un con­to in ban­ca che esplo­de e non go­der­si la vi­ta». Quan­do la vi­ta cam­bia co­sì tan­to, an­che i rap­por­ti pos­so­no cam­bia­re. I suoi ami­ci, per esem­pio, so­no sem­pre gli stes­si? «I miei ami­ci più ca­ri li co­no­sco da vent’an­ni. Il mio mi­glio­re ami­co, Jam, l’ho co­no­sciu­to al­le su­pe­rio­ri, un gior­no in cui non sa­pe­vo co­me tor­na­re da scuo­la. Io cam­mi­na­vo per stra­da e lui si è fer­ma­to con la bi­ci e mi ha fat­to se­de­re die­tro di lui sul sel­li­no. E da al­lo­ra non ci sia­mo più per­si: lui e al­tri so­no le mie ra­di­ci, in­sie­me al­la mia fa­mi­glia». Pe­rò ve­do sui so­cial, do­ve lei è mol­to at­ti­vo, che fre­quen­ta tan­te per­so­ne fa­mo­se. «È ve­ro: ne­gli ul­ti­mi an­ni ho co­no­sciu­to tan­tis­si­ma gen­te. Non è fa­ci­le fa­re ami­ci­zia in cer­ti am­bien­ti: le per­so­ne so­no tut­te mol­to im­pe­gna­te, co­me lo so­no io». Vi­sto che è di­ven­ta­to te­sti­mo­nial di L’Oréal Men Ex­pert, de­vo chie­der­le se si pia­ce. «Mi cu­ro pa­rec­chio, mi pia­ce cor­re­re e de­vo far­lo: un pi­lo­ta che pe­sa è un pi­lo­ta len­to. Ma lo fac­cio an­che per la mia im­ma­gi­ne: ovun­que va­da c’è qual­cu­no che mi fo­to­gra­fa, co­me ap­pa­io è mol­to im­por­tan­te. C’è sem­pre una gran­dis­si­ma pres­sio­ne sul­le don­ne ri­guar­do al lo­ro aspet­to si­co. Cre­do do­vre­ste pre­ten­de­re an­che voi che gli uo­mi­ni sia­no sem­pre in for­ma e al me­glio. An­che se so che ad al­cu­ne don­ne piac­cio­no quel­li che non si ra­do­no e non si la­va­no, ma cre­do sia­no una mi­no­ran­za». Lei dell’uo­mo ru­de ha i ta­tuag­gi. «Mi piac­cio­no tan­tis­si­mo i miei ta­tuag­gi e pen­so ogni gior­no, dav­ve­ro ogni gior­no, di far­me­ne uno nuo­vo. Mi so­no ap­pas­sio­na­to ai tat­too gra­zie a mia so­rel­la, che ha 10 an­ni più di me, e ha spo­sa­to un ta­tua­to­re. Pas­sa­vo ore a guar­dar­lo la­vo­ra­re e nal­men­te mi so­no fat­to il pri­mo an­che io. Ma quan­do ne hai fat­to uno ne vuoi su­bi­to un al­tro. So­no la co­sa che mi pia­ce di più di me». Qual è il suo pre­fe­ri­to? «Que­st’aqui­la che ho sul col­lo. Mi pia­ce per­ché il mio ami­co Jam mi ha sem­pre chia­ma­to oc­chi d’aqui­la: di­ce che io ve­do tut­to, no­to tut­to. E poi l’aqui­la vo­la do­ve nes­su­no rie­sce a vo­la­re». Ol­tre a es­se­re un pi­lo­ta, è an­che un mu­si­ci­sta. Ho let­to che ha scrit­to una can­zo­ne de­di­ca­ta al­la sua ex dan­za­ta, Ni­co­le Scher­zin­ger. «L’ho let­to an­ch’io, ma è una gi­gan­te­sca caz­za­ta. Ov­via­men­te le can­zo­ni si ba­sa­no sem­pre sul­le espe­rien­ze che fai, sui sen­ti­men­ti che ti su­sci­ta­no. Io com­pon­go can­zo­ni len­te, al­tre da bal­la­re: mi­schio i ge­ne­ri. Ogni gior­no nel mon­do esco­no can­zo­ni nuo­ve e di­ver­se. E que­sto è pos­si­bi­le so­lo per­ché la mu­si­ca è qual­co­sa di in ni­to». Vor­reb­be fa­re il mu­si­ci­sta quan­do avrà chiu­so con le co­rse? «Io so­no già un mu­si­ci­sta. O, me­glio, un ar­ti­sta. Non pen­sa­vo lo sa­rei di­ven­ta­to quan­do ho co­min­cia­to a com­por­re, ma ora pen­so di po­ter­mi de ni­re co­sì. Non pen­so mai al­la mu­si­ca in ter­mi­ni di car­rie­ra, per­ché ho la con­vin­zio­ne che, se pren­di le co­se se­ria­men­te, smet­ti di di­ver­tir­ti». La fo­to­gra­fa­no con tan­te ra­gaz­ze: ha una dan­za­ta? «Ogni tan­to mia so­rel­la mi chia­ma e mi chie­de: esci dav­ve­ro con quel­la ti­pa? E io la tran­quil­liz­zo: no, sia­mo so­lo ami­ci. E lei: dav­ve­ro? E io: ma sì, è dan­za­ta. E nel­la stra­gran­de mag­gio­ran­za dei ca­si è ve­ro: mi fo­to­gra­fa­no con ami­che. La gen­te ti ve­de a ce­na con una don­na e si fa stra­ne idee, co­sa che non mi im­por­ta, co­mun­que». Ma non ha ri­spo­sto al­la mia do­man­da. «So­no an­co­ra sin­gle. E de­vo di­re che è un’espe­rien­za in­te­res­san­te. So­no sta­to sin­gle pra­ti­ca­men­te per tut­ti gli an­ni del­la scuo­la no al col­le­ge: nei wee­kend, quan­do tut­ti usci­va­no, io ero da qual­che par­te a cor­re­re. Mi ero in­na­mo­ra­to di una bam­bi­na al­le ele­men­ta­ri, ma lei usci­va con il più po­po­la­re del­la scuo­la, e non mi guar­da­va. L’ho in­se­gui­ta per an­ni e nal­men­te, quan­do era­va­mo più gran­di, sia­mo sta­ti in­sie­me, ma so­lo per due set­ti­ma­ne. An­che al­le su­pe­rio­ri mi è suc­ces­sa una co­sa si­mi­le: mi so­no in­na­mo­ra­to di una mia com­pa­gna di clas­se e le so­no sta­to die­tro per an­ni. La mia pri­ma sto­ria l’ho avu­ta a 17 an­ni, lei ne ave­va 21 ed era te­de­sca. E poi dai 18 ai 24 an­ni ho avu­to una re­la­zio­ne sta­bi­le ( con Ni­co­le Scher­zin­ger, ndr) e poi un po’ di on e o . Que­sto è il pri­mo lun­go pe­rio­do in cui so­no so­lo e de­vo di­re che in que­sto an­no ho im­pa­ra­to a co­no­scer­mi un po’ di più, a os­ser­va­re co­me il tem­po mi ha cam­bia­to e fat­to cre­sce­re. La­vo­ro tan­tis­si­mo, viag­gio tan­tis­si­mo, ma sto an­che con me stes­so co­me non ero mai riu­sci­to a fa­re pri­ma». Si sen­te mai so­lo? «Cre­do di non aver­ne il tem­po. So­lo qual­che vol­ta men­tre viag­gio, o quan­do di­sfo le va­li­gie in qual­che ho­tel, sen­to la man­can­za del­la mia fa­mi­glia, dei miei ami­ci e sì, an­che di una com­pa­gna con cui pas­sa­re il tem­po e con­di­vi­de­re le espe­rien­ze. Ma suc­ce­de mol­to, mol­to, ra­ra­men­te». Che co­sa cer­ca in una sto­ria d’amo­re? «Do­man­da di ci­le. Se mi sta chie­den­do se ho un mo­del­lo di don­na, la ri­spo­sta è no: la mia pri­ma ra­gaz­za era te­de­sca, la se­con­da olan­de­se, la ter­za di Hong Kong, la quar­ta mez­za ha­wa­ia­na e mez­za lip­pi­na. Scher­zi a par­te, le co­se che cer­co for­se so­no au­ten­ti­ci­tà, di­ver­ti­men­to, ri­de­re in­sie­me, du­cia, una co­mu­nio­ne di va­lo­ri e di pro­get­ti sul fu­tu­ro, co­me con­di­vi­de­re l’idea di ave­re una fa­mi­glia e dei gli. Ma so­prat­tut­to la pos­si­bi­li­tà di es­se­re me stes­so, ed es­se­re ac­cet­ta­to per quel­lo che so­no. Quan­do ti di­co­no che de­vi cam­bia­re, è ni­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.