SUL PE­TRO­LIO

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Fe­de­ri­ca Gui­di si è di­mes­sa da mi­ni­stro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co do­po la pub­bli­ca­zio­ne di una te­le­fo­na­ta, in­ter­cet­ta­ta, nel­la qua­le ras­si­cu­ra­va il fi­dan­za­to Gian­lu­ca Ge­mel­li sull’ap­pro­va­zio­ne di un emen­da­men­to che avreb­be fa­vo­ri­to i suoi in­te­res­si eco­no­mi­ci re­la­ti­vi a un cen­tro di estra­zio­ne pe­tro­li­fe­ra in Ba­si­li­ca­ta. La mi­ni­stra non è in­da­ga­ta (al­me­no fi­no a og­gi, lu­ne­dì 4 apri­le), men­tre il com­pa­gno sì. Le di­mis­sio­ni so­no dun­que ar­ri­va­te per ra­gio­ni di op­por­tu­ni­tà politica, un cri­te­rio che ai tem­pi di Mat­teo Ren­zi ri­schia di va­le­re più del­le in­da­gi­ni e de­gli av­vi­si di ga­ran­zia. Vor­reb­be es­se­re un me­to­do ga­ran­ti­sta, ma la sua di­scre­zio­na­li­tà ri­schia di far­lo di­ven­ta­re più giu­sti­zia­li­sta del­le di­mis­sio­ni do­po l’av­vio di un’in­da­gi­ne. Se­con­do il pre­si­den­te del Con­si­glio, la mi­ni­stra ha fat­to be­ne a di­met­ter­si per­ché la te­le­fo­na­ta era «inop­por­tu­na». Ma il pro­ble­ma dell’op­por­tu­ni­tà politica è che i suoi con­fi­ni so­no in­de­fi­ni­ti. Chi è che sta­bi­li­sce che co­sa sia op­por­tu­no e che co­sa non lo sia? Se que­sto è il cri­te­rio, al­lo­ra ci si po­treb­be chie­de­re quan­to fosse op­por­tu­no, fin dal prin­ci­pio, no­mi­na­re un mi­ni­stro che è fi­glia di un ex vi­ce­pre­si­den­te di Con­fin­du­stria, Gui­dal­ber­to Gui­di, e a ca­po di Du­ca­ti Ener­gia, so­cie­tà che fat­tu­ra 100 mi­lio­ni di eu­ro e in Ita­lia for­ni­sce Enel, Ter­na e Fer­ro­vie del­lo Sta­to. L’inop­por­tu­ni­tà dun­que, di­ce il go­ver­no, sta in quel­la pre­ci­sa te­le­fo­na­ta. Esi­ste pe­rò un pro­ble­ma di con­flit­to d’in­te­res­si – e po­co ce ne fre­ga se l’An­ti­tru­st di­ce che for­mal­men­te non ne esi­ste al­cu­no so­lo per­ché, pri­ma del­la no­mi­na, la Gui­di si è di­mes­sa da tut­te le ca­ri­che azien­da­li e da­gli in­ca­ri­chi ri­co­per­ti. C’è bi­so­gno di una leg­ge per ca­pi­re che esi­ste una zo­na gri­gia, fat­ta di fi­dan­za­ti mi­ni­ste­ria­li al­la Ge­mel­li, di mi­ni­stri (Ma­ria Ele­na Bo­schi) con il bab­bo vi­ce­pre­si­den­te di una ban­ca sal­va­ta dal go­ver­no, o di con­su­len­ti scel­ti da Pa­laz­zo Chi­gi per ve­glia­re sul­la cy­ber se­cu­ri­ty (Mar­co Car­rai) che so­no im­pren­di­to­ri pri­va­ti ope­ran­ti pro­prio nel set­to­re del­la si­cu­rez­za ci­ber­ne­ti­ca (pos­si­bi­le con­flit­to di in­te­res­se, an­che in ca­so di di­mis­sio­ni dal­le ca­ri­che pre­ce­den­ti) e che so­no an­che vec­chi ami­ci e so­ste­ni­to­ri del pre­mier? Ora, io non pen­so che que­sto go­ver­no sia ostag­gio del Club Bil­der­berg, co­me qual­che scien­zia­to del M5S fa­vo­leg­gia; pen­so piut­to­sto che ci sia una cer­ta di­sin­vol­tu­ra, e che la zo­na gri­gia con­sen­ta so­lo a chi go­ver­na la li­ber­tà di sta­bi­li­re ciò che è giu­sto e ciò che è sba­glia­to, in ra­gio­ne del­le ri­for­me e del pro­gres­so. For­se so­no cri­te­ri un po’ trop­po soggettivi, o no? P.s.: c’è una que­stio­ne an­tro­po­lo­gi­ca, pre­po­li­ti­ca, e ri­guar­da il Ge­mel­li e il cor­to­cir­cui­to che c’è fra l’Ita­lia «del me­ri­to», quel­la te­le­fo­na­ta con la fi­dan­za­ta mi­ni­stra e i tweet con­tro la ca­sta che scris­se qual­che an­no fa. «A tut­ti i po­li­ti­ci… Il go­ver­no ha car­ta bian­ca per tar­tas­sa­re i cit­ta­di­ni ma non può ab­bas­sa­re gli sti­pen­di dei par­la­men­ta­ri… BUF­FO­NI!!!!». «Ai po­li­ti­ci… Se non ade­gua­te i vs sti­pen­di a quel­li eu­ro­pei non po­te­te per­met­ter­vi di chie­de­re sa­cri­fi­ci. La gen­te è stan­ca di voi!!!!». Un ita­lia­no ve­ro, can­te­reb­be To­to Cu­tu­gno. P.p.s.: ne­gli ul­ti­mi gior­ni, gior­na­li e po­li­ti­ci stan­no fa­cen­do un sac­co di con­fu­sio­ne, fra re­tro­sce­na e di­chia­ra­zio­ni, met­ten­do in­sie­me l’in­da­gi­ne di Po­ten­za con il re­fe­ren­dum del 17 apri­le di cui, qui, ab­bia­mo già par­la­to. Se­con­do al­cu­ne te­si com­plot­ti­ste, l’in­chie­sta sa­reb­be un’ope­ra­zio­ne di pm an­ti- tri­vel­le (co­sì di­co­no i fi­lo- go­ver­na­ti­vi) op­pu­re di­mo­stre­reb­be la bon­tà del sì al re­fe­ren­dum, con­tro «que­sto go­ver­no schia­vo dei po­te­ri for­ti!!!!» (co­sì di­co­no i teo­ri­ci del Bil­der­berg). Ep­pu­re l’og­get­to del re­fe­ren­dum è chia­ro e ri­guar­da le tri­vel­le in ma­re, non le estra­zio­ni in Ba­si­li­ca­ta. Sa­reb­be be­ne che i gior­na­li spie­gas­se­ro per che co­sa si vo­ta il 17 apri­le, per­ché non so­no co­sì con­vin­to che gli ita­lia­ni sap­pia­no che tri­vel­le pi­glia­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.