NOI SA­RE­MO CHAR­LIE, SEM­PRE

So­prav­vis­su­te al­la stra­ge nel set­ti­ma­na­le pa­ri­gi­no, CO­CO e MA­RI­KA ar­ri­va­no in Ita­lia per rac­con­ta­re il lo­ro or­go­glio. E di­fen­de­re la li­ber­tà «di pen­sa­re, di ri­de­re, di vi­ve­re»

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di F R ANC E S C A BUS SI

Co­me sta­te?». La do­man­da può suo­na­re ba­na­le, ma è la pri­ma da fa­re a Ma­ri­ka Bret e Co­co, ri­spet­ti­va­men­te re­dat­tri­ce e di­se­gna­tri­ce del set­ti­ma­na­le sa­ti­ri­co Char­lie Heb­do, so­prav­vis­su­te all’at­ten­ta­to com­piu­to da un com­man­do jihadista il 7 gen­na­io 2015 nel­la se­de pa­ri­gi­na del lo­ro gior­na­le: do­di­ci col­le­ghi mor­ti, un AK- 47 pun­ta­to al­la te­sta di Co­co per co­strin­ger­la ad apri­re la por­ta del­la re­da­zio­ne. È pas­sa­to un an­no, e le co­se, len­ta­men­te, so­no migliorate: «Fac­cia­mo usci­re Char­lie ogni set­ti­ma­na, e ne sia­mo fe­li­ci. Non è spa­ri­to in un at­tac­co ter­ro­ri­sti­co, ma va avan­ti con la più gran­de li­ber­tà». Che è quel­la di fa­re sa­ti­ra an­che a co­sto di scioc­ca­re, co­me nel ca­so del­la pri­ma pa­gi­na dell’ul­ti­mo nu­me­ro: l’han­no de­di­ca­ta agli at­ten­ta­ti di Bru­xel­les del 22 mar­zo scor­so, e raf­fi­gu­ra il can­tan­te bel­ga Stro­mae che si chie­de do­ve sia suo pa­dre (dal ti­to­lo del­la sua hit, Pa­paou­tai), cir­con­da­to da bran­del­li di cadavere. Una sa­ti­ra ne­ra che in Bel­gio ha ge­ne­ra­to non po­che po­le­mi­che, co­me qua­si sem­pre suc­ce­de per Char­lie Heb­do. La li­nea del gior­na­le, pe­rò, non cam­bie­rà. «Mi di­spia­ce che la gen­te si fer­mi all’ap­pa­ren­za, che non ci sia una let­tu­ra più in­tel­li­gen­te del­le no­stre vi­gnet­te. La sa­ti­ra me­sco­la cri­ti­ca e hu­mour, e ap­par­tie­ne al­la no­stra cul­tu­ra», di­ce Co­co. Per rac­con­tar­la, lei e la col­le­ga apro­no il 9 apri­le al Mu­seo del Fu­met­to di Co­sen­za ( mu­seo­fu­met­to.it) una mo­stra de­di­ca­ta al­le più bel­le co­per­ti­ne di Char­lie. «Ve­nia­mo in Ita­lia per far co­no­sce­re un gior­na­le che di­fen­de la lai­ci­tà e il po­te­re di cri­ti­ca, che non ha pau­ra di da­re fa­sti­dio», spie­ga Ma­ri­ka. C’è una co­sa, mi di­co­no, che in que­sto ul­ti­mo an­no le ha di­stur­ba­te in par­ti­co­lar mo­do: «Le per­so­ne che ci di­co­no che ce la sia­mo cer­ca­ta, che non do­ve­va­mo pro­vo­ca­re. So­no fra­si ter­ri­bi­li, dif­fi­ci­li da sop­por­ta­re, per­ché met­to­no sul­lo stes­so pia­no vit­ti­me e as­sas­si­ni. Tut­to que­sto non è suc­ces­so per­ché ab­bia­mo di­se­gna­to Mao­met­to, è sta­to so­lo l’ini­zio di qual­cos’al­tro, di una guer­ra ideo­lo­gi­ca che coin­vol­ge tut­to il mon­do». Chie­do lo­ro se ab­bia­no mai pen­sa­to di la­scia­re la re­da­zio­ne. La ri­spo­sta è uni­so­na: «As­so­lu­ta­men­te no». Un po’ per­ché Char­lie Heb­do è ca­sa lo­ro, la re­da­zio­ne che han­no ri­crea­to co­me «una squa­dra in cui ci si pre­oc­cu­pa gli uni de­gli al­tri», e un po’ per­ché, di­ce Co­co, «di­se­gna­re mi ha aiu­ta­to, but­tar­mi nel la­vo­ro e non rivivere lo choc, il trau­ma, le im­ma­gi­ni di quel­lo che ho vi­sto». Ma c’è an­che un al­tro mo­ti­vo, del qua­le van­no mol­to fie­re, un con­cet­to che con­ti­nua a tor­na­re nel­le lo­ro pa­ro­le: è la vo­glia di di­fen­de­re la li­ber­tà. «Di pen­sa­re, di ve­stir­si co­me si vuo­le, di ri­de­re. Mol­to sem­pli­ce­men­te, di vi­ve­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.