Il trau­ma di Fran­ken­stein

In un nuo­vo film, tor­na lo scien­zia­to più di­scus­so e ri­vo­lu­zio­na­rio: JA­MES McAVOY ci spie­ga che die­tro all’os­ses­sio­ne di crea­re vi­ta c’è qual­co­sa di per­so­na­le

Vanity Fair (Italy) - - Carpediem - Di CHIA­RA MEATTELLI

ames McAvoy mi aspet­ta in una sui­te del Soho ho­tel di Lon­dra. La por­ta è chiu­sa, faccio per aprir­la ma dall’al­tro la­to del­la stan­za lui mi an­ti­ci­pa di scat­to e in un istan­te me lo tro­vo da­van­ti al na­so. « Guid mor­nin’! », di­ce rom­pen­do l’im­ba­raz­zo, che poi, nel vo­ca­bo­la­rio scoz­ze­se-ita­lia­no, si­gni­fi­ca buon­gior­no. Con la sua sta­tu­ra mo­de­sta e il vol­to da eter­no ra­gaz­zi­no, nell’Olim­po de­gli at­to­ri più ri­chie­sti del mo­men­to, Ja­mes McAvoy, 36 an­ni, è un sex sym­bol ati­pi­co. La ver­sa­ti­li­tà è la sua do­te prin­ci­pe: lo ha di­mo­stra­to dai ruo­li dram­ma­ti­ci in L’ul­ti­mo re di Sco­zia ed Espia­zio­ne a quel­lo del gio­va­ne pro­fes­sor Char­les Xa­vier nel­la sa­ga di X-Men, pas­san­do at­tra­ver­so l’ac­cla­ma­ta rap­pre­sen­ta­zio­ne tea­tra­le del Mac­be­th di Sha­ke­spea­re. Dal 7 apri­le è al ci­ne­ma co­me pro­ta­go­ni­sta di Vic­tor Fran­ken­stein, di­ret­to dal­lo scoz­ze­se Paul McGui­gan, con Da­niel Ra­d­clif­fe nei pan­ni del suo aiu­tan­te Igor. «Non par­la so­lo di mo­stri, è an­che una riflessione su­gli uo­mi­ni e sull’ami­ci­zia», ga­ran­ti­sce l’at­to­re. «E ri­spet­to ad al­tri Fran­ken­stein, ha an­che un co­pio­ne più di­ver­ten­te e rit­mi da film d’azio­ne: l’idea mi ha su­bi­to ec­ci­ta­to». Co­me ci si pre­pa­ra per un ruo­lo già co­sì vi­sto e co­no­sciu­to? «A dif­fe­ren­za di al­tre ver­sio­ni e del li­bro di Ma­ry Shel­ley, la sce­neg­gia­tu­ra for­ni­va una mo­ti­va­zio­ne die­tro la sua os­ses­sio­ne di crea­re vi­ta: il trau­ma di un gran­de lutto. Co­sì mi so­no con­cen­tra­to su ca­si ana­lo­ghi: spes­so è gen­te che ri­fiu­ta del tut­to l’idea del­la per­di­ta». Co­me si po­ne di fron­te al­la que­stio­ne mo­ra­le sca­tu­ri­ta dal film: è giu-

Jsto re­su­sci­ta­re i mor­ti? «Mi pia­ce che Fran­ken­stein stia sfi­dan­do Dio e vo­glia pren­de­re il suo po­sto: è uno scien­zia­to ri­vo­lu­zio­na­rio. An­che se esi­stes­se un Dio, cre­do lo stes­so nel­la no­stra abi­li­tà di cam­bia­re lo sta­tus quo e il si­ste­ma: die­ci an­ni fa la ri­cer­ca sul­le cel­lu­le sta­mi­na­li era con­si­de­ra­ta “Fran­ken­stein”, ma ora è del tut­to nor­ma­le». C’è mai sta­to un ruo­lo che l’ha spin­ta a fa­re co­se inim­ma­gi­na­bi­li? «Per Fil­th - Il Ler­cio ( in cui in­ter­pre­ta il cor­rot­to ser­gen­te di po­li­zia Bru­ce Ro­berts­on, ndr) ho be­vu­to ogni se­ra esa­ge­ra­ta­men­te, spin­gen­do il mio cor­po ol­tre ogni li­mi­te. La mat­ti­na mi sen­ti­vo co­me un “sac­chet­to di gran­chi spap­po­la­ti”, co­sì ave­vo una co­sa in me­no da fin­ge­re di fron­te al­le ci­ne­pre­se». Lei è spo­sa­to da die­ci an­ni con An­ne-Ma­rie Duff. È dif­fi­ci­le ge­sti­re un ma­tri­mo­nio tra due at­to­ri di suc­ces­so? «Sia­mo co­stret­ti a ri­nun­cia­re a ruo­li che ci piac­cio­no ma for­tu­na­ta­men­te ce ne of­fro­no ab­ba­stan­za e riu­scia­mo a coor­di­nar­ci in mo­do da ave­re buo­ne car­rie­re e fa­re be­ne i ge­ni­to­ri: non vo­glia­mo che no­stro fi­glio Bren­dan, che ha 6 an­ni, ven­ga cre­sciu­to da una ta­ta. Ora è il mio tur­no di re­sta­re a ca­sa per quat­tro me­si». Le pia­ce fa­re il pa­pà? «Lo ado­ro. Ma an­che quel­lo è un la­vo­ro: al­zar­si al­le sei e mez­zo, pu­li­re, la­va­re, cu­ci­na­re... e la se­ra so­no ma­le­det­ta­men­te stan­co». Lei è di­ven­ta­to at­to­re gra­zie a una bor­sa di studio stan­zia­ta dal go- ver­no. Per que­sto og­gi ne of­fre una ai bam­bi­ni me­no ab­bien­ti di Gla­sgow? «Sì, per­ché ora non esi­ste più que­sta pos­si­bi­li­tà, ma è pro­prio gra­zie a una scuo­la d’ar­te se ho im­pa­ra­to a cre­de­re nel mio va­lo­re. Og­gi i bam­bi­ni del­la wor­king- class so­no edu­ca­ti in mo­do che di­ven­ti­no umi­li e com­pia­cen­ti mem­bri del­la so­cie­tà men­tre a quel­li del­le scuo­le pri­va­te vie­ne det­to che pos­so­no di­ven­ta­re pri­mi mi­ni­stri. Mi fa una gran rab­bia: la mo­bi­li­tà so­cia­le do­vreb­be es­se­re quan­to­me­no un’op­zio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.