RII­NA JR

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Ci so­no co­se che nes­su­no co­no­sce e sa spie­ga­re co­me Ro­ber­to Sa­via­no: una di que­ste è il lin­guag­gio del­le mafie. E chi la set­ti­ma­na scor­sa si è sen­ti­to a di­sa­gio ascol­tan­do l’in­ter­vi­sta te­le­vi­si­va al fi­glio di To­tò Rii­na sen­za ben ca­pir­ne il mo­ti­vo (co­me han­no det­to in mol­ti, com­pre­so Bru­no Vespa, En­zo Bia­gi in­ter­vi­stò Lig­gio e Sin­do­na e nes­su­no tro­vò nul­la da ri­di­re) for­se avrà tro­va­to una spie­ga­zio­ne al pro­prio in­ti­mo di­sa­gio ascol­tan­do Sa­via­no, do­me­ni­ca 10 apri­le, ospi­te di Fa­bio Fa­zio.

La que­stio­ne non è se in­ter­vi­sta­re o me­no un boss, il fi­glio di un boss, un ter­ro­ri­sta: è giu­sto mi­su­rar­si con il ma­le, per­ché il gior­na­li­smo rac­con­ta la real­tà», ha spiegato. «Il pun­to è con qua­li com­pe­ten­ze in­ter­vi­star­lo. Bi­so­gna co­no­sce­re la gram­ma­ti­ca: quan­do un ma­fio­so va in Tv è per­ché vuo­le lan­cia­re un mes­sag­gio, al­tri­men­ti non ci va, per­ché il cla­mo­re me­dia­ti­co è con­tro­pro­du­cen­te, si­gni­fi­ca ave­re ad­dos­so gli oc­chi dell’opi­nio­ne pub­bli­ca, e quin­di del­le for­ze dell’or­di­ne». Per­ché dun­que Sal­vo Rii­na avreb­be cor­so il ri­schio? Che mes­sag­gio ave­va da por­ge­re, e a chi?

Se­con­do Sa­via­no, e lo ha spiegato ana­liz­zan­do pa­ro­la per pa­ro­la il lin­guag­gio del fi­glio del vec­chio boss, pa­ra­go­nan­do­lo an­che a quel­lo del fi­glio di Pro­ven­za­no in­ter­vi­sta­to quat­tro an­ni fa da Ser­vi­zio pub­bli­co, il mes­sag­gio te­le­vi­si­vo era per due en­ti­tà: la ma­gi­stra­tu­ra e la nuo­va Co­sa No­stra. Al­la ma­gi­stra­tu­ra Sal­vo Rii­na sta­reb­be sug­ge­ren­do: «To­glie­te il 41 bis a mio pa­dre e in cam­bio mio pa­dre vi da­rà una co­sa: pren­de­rà re­spon­sa­bi­li­tà in­di­vi­dua­li, si dis­so­ce­rà». Sta­reb­be di­cen­do: «I vec­chi va­lo­ri di Co­sa No­stra so­no fi­ni­ti, vo­glia­mo la tre­gua, la fi­ne del re­gi­me di car­ce­re du­ro. La vec­chia Co­sa No­stra non c’è più, noi chie­dia­mo al­lo Sta­to di ri­co­no­scer­lo e di non far ca­de­re sul­le spal­le di mio pa­dre un’or­ga­niz­za­zio­ne che non esi­ste più. Non ci pen­tia­mo, odia­mo i pen­ti­ti, ma po­trem­mo dis­so­ciar­ci, co­me fe­ce­ro i bri­ga­ti­sti». Ed è a Mat­teo Mes­si­na De­na­ro – al­la nuo­va Co­sa No­stra – che si ri­vol­ge­reb­be so­prat­tut­to, di­cen­do: «Noi non par­lia­mo, noi ab­bia­mo al­tri va­lo­ri, fa­mi­glia, par­si­mo­nia, ter­ri­to­rio – non lus­so e sre­go­la­tez­za, non ba­da­re so­lo ai pro­pri af­fa­ri in­ve­ce che a quel­li dell’or­ga­niz­za­zio­ne. Noi non sia­mo pen­ti­ti, noi re­stia­mo i cor­leo­ne­si, i cu­sto­di dei va­lo­ri».

Per con­tra­sta­re le mafie non ba­sta­no gli ar­re­sti e i pro­cla­mi, ha la­scia­to in­ten­de­re Sa­via­no. Ser­ve in­nan­zi­tut­to com­pe­ten­za, una com­pe­ten­za che sta spa­ren­do. «Non pen­sia­te che la bat­ta­glia al­le mafie sia una bat­ta­glia mo­ra­le, è una bat­ta­glia di co­no­scen­za, di studio dei mec­ca­ni­smi». Di com­pe­ten­za. Co­me per tut­te le bat­ta­glie.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.