Mi man­da Ti­na Fey

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - MAR­GHE­RI­TA COR­SI

Un ca­meo nel­la se­rie 30 Rock è ba­sta­to a Ti­tuss Bur­gess, 37 an­ni, per con­qui­sta­re Ti­na Fey (e ba­cia­re Alec Bald­win). Ora nel­la se­con­da sta­gio­ne del­la se­rie Un­brea­ka­ble Kim­my Sch­midt (su Net­flix dal 15 apri­le), il suo Ti­tus An­dro­me­don è il di­vo in­di­scus­so. Aspi­ran­te star di Broad­way e coin­qui­li­no del­la pro­ta­go­ni­sta Kim­my (El­lie Kem­per), nel­la pri­ma sta­gio­ne è di­ven­ta­to un fe­no­me­no in Re­te con il vi­deo di Pee­no Noir, in cui si stru­scia su tap­pe­ti di ze­bra, sbuc­cia pan­noc­chie con fa­re am­mic­can­te e can­ta in mi­nia­bi­ti sbril­luc­ci­can­ti. Chi ha avu­to l’idea di «Gli au­to­ri Ti­na Fey e Ro­bert Car­lock. Ma la me­lo­dia l’ho in­ven­ta­ta io». Quan­to c’è di lei in Ti­tus? «An­ch’io so be­ne co­sa vuol di­re es­se­re sen­za la­vo­ro e so­gna­re di fa­re l’at­to­re di tea­tro. E ho sen­so dell’umo­ri­smo». Ha fat­to pro­vi­ni as­sur­di co­me Ti­tus? «Cer­to! So­no an­da­to in gi­ro vestito da gran­chio. Ero Se­ba­stian nel mu­si­cal del­la Sirenetta». An­che nel­la se­rie non scher­za quan­to a ca­pi ec­cen­tri­ci. «Si pre­pa­ri: que­sta sta­gio­ne ri­cor­de­rò la mia vi­ta pas­sa­ta da gei­sha». Co­me ha co­no­sciu­to Ti­na Fey? «Al pro­vi­no per 30 Rock. Ho det­to la mia bat­tu­ta e ho sen­ti­to: “Ta­glia!”. Mi è pre­so un col­po. Poi il re­gi­sta mi ha det­to: “Scu­sa, ri­fac­cia­mo, Ti­na non riu­sci­va a smet­te­re di ri­de­re”». È ve­ro che Ti­na Fey ha scrit­to il ruo­lo di Ti­tus per lei? «Sì, è in­cre­di­bi­le che la più gran­de scrit­tri­ce co­mi­ca del­la Tv ab­bia pen­sa­to a me. Posso so­lo rin­gra­ziar­la». Com’è ba­cia­re Alec Bald­win? «È un gran ba­cia­to­re. Ma per la cro­na­ca: quel­la sce­na in 30 Rock è sta­ta una sua idea».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.