I mo­bi­li del­le me­ra­vi­glie

Vanity Fair (Italy) - - Design - Il re­gi­sta Mat­teo Gar­ro­ne abi­ta dav­ve­ro nei suoi film. E ora, in un cor­to, ri­ve­la la pas­sio­ne per gli ar­re­di di An­na­ma­ria Sbi­sà

i pre­sen­ta al Sa­lo­ne del Mo­bi­le con Be­fo­re De­si­gn: Clas­sic, cor­to­me­trag­gio che sostiene l’at­tua­li­tà del clas­si­co, quel­lo im­mer­so ne­gli spa­zi «po­st ato­mi­ci», de­va­sta­ti co­me da una guer­ra ma d’ele­gan­za ba­roc­ca e vi­sio­na­ria. Co­sì il re­gi­sta Mat­teo Gar­ro­ne rac­con­ta una sto­ria di ar­re­di che at­tra­ver­sa­no il tem­po. In un mon­do fa­sci­no­sa­men­te di­strut­to so­no i bam­bi­ni, leg­gi lo sguar­do pu­ro che vede il bel­lo, a sal­va­re dal­le ma­ce­rie i te­so­ri da ri­pu­li­re e tra­man­da­re nel fu­tu­ro, ol­tre le epo­che. I mo­bi­li, dun­que, co­me sog­get­to di una fia­ba che ha per pro­ta­go­ni­sta la me­ra­vi­glia, un’emo­zio­ne so­spe­sa nel tem­po e nel­lo spa­zio, si­mi­le a quel­la dei suoi film, e del­la sua vi­ta. Se il bel­lo at­tra­ver­sa il tem­po, co­me sostiene l’in­can­to del cor­to­me­trag­gio, Gar­ro­ne at­tra­ver­sa i suoi film. Il re­gi­sta le sue sce­no­gra­fie ad­di­rit­tu­ra le abi­ta: gli in­ter­ni di Esta­te ro­ma­na – con le pa­re­ti ocra, ros­so e ne­ro, con le lu­ci dell’ar­ti­sta Sal­va­to­re San­so­ne, il map­pa­mon­do gi­gan­te ope­ra di sua ma­dre e gli os­si di sep­pia –, fi­ni­te le ri­pre­se, so­no di­ven­ta­ti ca­sa sua. Do­ve vi­ve og­gi, in­ve­ce, il di­va­no è quel­lo che fu di Peppino Pro­fe­ta nell’Im­bal­sa­ma­to­re, men­tre le lam­pa­de han­no già il­lu­mi­na­to la sce­na di Rea­li­ty: «Mi pia­ce con­vi­ve­re con gli og­get­ti che han­no avu­to un sen­so». Gli pia­ce vi­ve­re tra pa­re­ti scu­re e lu­ci mol­to mor­bi­de che ar­ri­va­no dal bas­so, cam­mi­na­re su tap­pe­ti e par­quet a li­ste enor­mi, gli pia­ce ac­co­sta­re un ta­vo­lo Ot­to­cen­to a un pez­zo mo­der­nis­si­mo, gli pia­ce ri­ve­de­re – ap­pe­si al mu­ro – gli sto­ry­board che di­se­gna­va all’età di sei an­ni. Per­ché quan­do si trat­ta di crea­ti­vi­tà tut­to è chia­ro dall’ini­zio, ne­gli an­ni del­la for­ma­zio­ne. Quel­la di Mat­teo Gar­ro­ne è le­ga­ta al­la pit­tu­ra: ar­ti­sta di ge­ne­re fi­gu­ra­ti­vo con tec­ni­ca a olio lo è sta­to an­che in pas­sa­to, e ora da re­gi­sta lo è an­co­ra, con il suo mo­do di rac­con­ta­re so­spe­so tra il rea­le e il tea­tra­le, in­sa­po­ri­to del not­tur­no Sei­cen­to e di cer­to Ca­ra­vag­gio, co­sì suo: «Il rea­li­smo m’in­te­res­sa co­me ba­se da por­ta­re in un’al­tra di­men­sio­ne, più astrat­ta e oni­ri­ca». Co­me quel­la di Be­fo­re De­si­gn: Clas­sic, real­tà d’au­to­re con cui fir­ma il Sa­lo­ne del Mo­bi­le 2016.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.