COL­PO DI SCE­NA

Vanity Fair (Italy) - - Week -

a do­po aver vi­sto la sto­ria di uno non può fa­re a me­no di chie­der­si: è dav­ve­ro im­pos­si­bi­le pen­sa­re che que­sta si­gno­ra dall’aria mi­su­ra­ta ab­bia uc­ci­so co­sì tre­di­ci per­so­ne? E sa­pe­te qual è l’er­ro­re? Che uno non de­ve chie­der­se­lo, se non per qual­che spon­ta­neo mo­men­to tra sé e sé, un pen­sie­ro poi da al­lon­ta­na­re. Chi so­no io in­fat­ti per in­tro­dur­mi nel­la vi­ta di una sco­no­sciu­ta fi­no a far­mi – ed even­tual­men­te dif­fon­de­re, con­di­vi­de­re – un’opi­nio­ne su una co­sa co­sì atro­ce che la ri­guar­di? Con il so­lo ali­bi di po­ter di­re for­se – chis­sà – un gior­no che ave­vo ragione (o ta­ce­re che ave­vo avu­to tor­to), quan­do si sap­pia la ve­ri­tà? Non bi­so­gne­reb­be la­sciar­si ten­ta­re dal giu­di­ca­re sen­za sa­pe­re nien­te, e nien­te pos­sia­mo sa­pe­re: bi­so­gne­reb­be im­ma­gi­nar­si di es­se­re de­gli in­no­cen­ti di cui tut­ti in­tor­no stia­no di­scu­ten­do se han­no am­maz­za­to un sacco di per­so­ne. E far­si spa­ven­ta­re da que­sta even­tua­li­tà. L’uni­ca co­sa che è giu­sto spe­ra­re è che i ma­gi­stra­ti fac­cia­no un la­vo­ro cor­ret­to e pru­den­te, che il di­rit­to che ri­chie­de cer­tez­ze e non pro­ba­bi­li­tà pre­val­ga. La scel­ta del­la scar­ce­ra­zio­ne sem­bra an­da­re in que­sto sen­so, e que­sto con­ta.

M

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.