CON LE AMI­CHE FIGHE»

«DI ES­SE­RE BEL­LA NON L’HO MAI PEN­SA­TO. AVE­VO AMI­CHE MOL­TO PIÙ BEL­LE DI ME. ERO SI­MO­NA, QUEL­LA SIM­PA­TI­CA

Vanity Fair (Italy) - - Playa Vanity -

ose la­scia­te da Si­mo­na Ven­tu­ra sull’Isola dei fa­mo­si: die­ci cen­ti­me­tri di gi­ro­vi­ta, ot­to chi­li di – tie­ne a pre­ci­sa­re – mas­sa ma­gra, qual­che ami­co, qual­che ne­mi­co, mol­tis­si­me la­cri­me, un pet­ti­ne di pla­sti­ca tro­va­to sul­la spiag­gia, la fa­me, la pau­ra, lo scon­for­to, la di­pen­den­za dal suo cel­lu­la­re, la ten­ta­zio­ne dei ri­toc­chi­ni, la vo­glia di truc­car­si. E una pel­le di co­bra: la sua. Co­bra si era de­fi­ni­ta lei in una no­stra in­ter­vi­sta di qual­che an­no fa, di­ce­va di aver­ne la pa­zien­za, e poi, al mo­men­to giu­sto, la fe­ro­cia. Si ca­pi­sce che le pia­ce­va que­sto gio­co del­la don­na cat­ti­va, la ra­gaz­za di pro­vin­cia che si è fat­ta da so­la, sen­za pa­dri­ni né pa­dro­ni, che a un cer­to pun­to, fat­ti i fi­gli, ha ten­ta­to l’equi­li­bri­smo di mol­te: te­ne­re in­sie­me tut­to. «Ma non ci so­no riu­sci­ta, ci ho ri­mes­so un ma­tri­mo­nio», am­met­te. La sua sto­ria pro­fes­sio­na­le e per­so­na­le è un ot­to­vo­lan­te: per ogni di­sce­sa, una ri­sa­li­ta. Il suo man­tra «cre­der­ci sem­pre, ar­ren­der­si mai» è di­ven­ta­to un ac­ces­so­rio del suo per­so­nag­gio in­sie­me ai tac­chi al­ti e al brac­cio te­so in avan­ti con il di­to pun­ta­to ver­so la te­le­ca­me­ra, ver­so quel «pub­bli­co so­vra­no» che è un al­tro dei suoi cre­do. All’Isola dei fa­mo­si – che ha con­dot­to per ot­to edi­zio­ni – è an­da­ta «per chiu­de­re un cer­chio. Le co­se che ri­man­go­no aper­te non mi van­no né su né giù, e de­vo con­ti­nuar­ci a fa­re i con­ti. L’Isola era un abi­to ta­glia­to su di me, che poi è sta­to in­dos­sa­to da al­tri. Chiu­de­re è fon­da­men­ta­le, in tut­to, per­ché so­lo se chiu­di, vai avan­ti. Nau­fra­ga­re è sta­to il mio mo­do di chiu­de­re». L’epi­lo­go è no­to e si sin­te­tiz­za in una clip: la Ven­tu­ra che pian­ge disperata a Pla­ya So­le­dad e di­ce: «la gen­te mi odia». Ma se vi aspet­ta­te una don­na ab­bat­tu­ta, non ave­te ca­pi­to nien­te di lei. Al no­stro in­con­tro si pre­sen­ta con un com­ple­to pan­ta­lo­ne ne­ro, il vi­so struc­ca­to, i ca­pel­li pe­ren­ne­men­te tor­men­ta­ti dal­le ma­ni. Chie­de di se­der­si non su una se­dia ma su una pol­tron­ci­na im­bot­ti­ta: «Ho bi­so­gno di co­se un po’ co­mo­de». Com­pli­men­ti, la tro­vo in gran­de for­ma. «Tut­ti mi di­co­no: sei di­ma­gri­ta, sei fi­ga. Co­me se la ma­grez­za fos­se si­no­ni­mo di bel­lez­za. Co­mun­que sì, pe­so quan­to pe­sa­vo pri­ma di ave­re i fi­gli, e an­che nel mio an­nus hor­ri­bi­lis, il 2004. Ho pa­ti­to una fa­me ne­ra, una fa­me che non im­ma­gi­na­vo si po­tes­se sen­ti­re». È sta­ta un’espe­rien­za uti­le? E non in­ten­do per la li­nea. «Sì: ho ca­pi­to che ne ave­vo bi­so­gno. La mia vi­ta era di­ven­ta­ta non di­co bor­ghe­se, ma li­nea­re. E io non so­no una per­so­na li­nea­re, nel­la nor­ma­li­tà non ci sto be­ne, ho sem­pre bi­so­gno di emo­zio­ni for­ti. La vi­ta mi de­ve fru­sta­re. Ades­so la fru­sta­ta l’ho avu­ta, e gros­sa: for­se mi pos­so tran­quil­liz­za­re per un po’». Chi ha te­nu­to in ma­no la fru­sta? «Un tem­po il te­le­vo­to co­sta­va un eu­ro, non esi­ste­va­no i so­cial, la gen­te vo­ta­va per so­ste­ne­re, non per fa­re a pez­zi. Ades­so – e io non lo sa­pe­vo – esi­sto­no grup­pi or­ga­niz­za­ti sui so­cial che vo­ta­no con­tro, per eli­mi­na­re. La dif­fe­ren­za è so­stan­zia­le: puoi dan­neg­gia­re il tuo ber­sa­glio gra­tis e di­re qua­lun­que co­sa na­scon­den­do­ti die­tro una ta­stie­ra e un nic­k­na­me. Co­no­sco col­le­ghi bra­vis­si­mi che se tra 200 mi­la com­men­ti ne leg­go­no 5 ma­le­vo­li van­no in cri­si. L’Isola mi ha aiu­ta­ta an­che in que­sto: mi so­no re­sa con­to del­la mia di­pen­den­za da smart­pho­ne e so­cial». Si è di­sin­tos­si­ca­ta? «All’ini­zio è sta­ta du­ris­si­ma: quan­do guar­da­vo un tra­mon­to con­ti­nua­vo a pen­sa­re che fos­se un pec­ca­to non po­ter­lo fo­to­gra­fa­re e met­te­re su In­sta­gram. Io e Mar­co Car­ta ci di­ce­va­mo: caz­zo, ci vor­reb­be il te­le­fo­no. E fin­ge­va­mo di aver­lo in ma­no e di scat­ta­re. Poi ho ini­zia­to a pen­sa­re che, con quel­le im­ma­gi­ni e quei co­lo­ri, do­ve­vo fa­re co­me ave­vo sem­pre fat­to fi­no a qual­che an­no fa: sem­pli­ce­men­te im­pri­mer­le nel­la men­te e ri­cor­dar­le. E so­no gua­ri­ta. Da quan­do so­no tor­na­ta non ho an­co­ra guar­da­to nien­te, non ho aper­to nem­me­no un so­cial e ho de­ci­so che to­glie­rò Fa­ce­book e Twit­ter dal cel­lu­la­re. Non so­lo: mi so­no da­ta e ho da­to nuo­ve re­go­le in fa­mi­glia sull’uso del te­le­fo­ni­no». Con due fi­gli ado­le­scen­ti, non sa­rà fa­ci­le. «In real­tà so­no con­ten­ti an­che lo­ro. Pri­ma, quan­do pas­sa­va­mo il tem­po in­sie­me, io sta­vo sem­pre con il te­le­fo­no in ma­no. C’ero ma non c’ero. Ades­so lo spen­go, lo la­scio in un’al­tra stan­za. Quan­do sia­mo a ta­vo­la nes­su­no por­ta il cel­lu­la­re. Di not­te i te­le­fo­ni stan­no spen­ti. So­no cre­sciu­ta con un so­lo te­le­fo­no in ca­sa, a cui mia ma­dre ave­va mes­so pu­re il luc­chet­to. Che pe­ral­tro io ero riu­sci­ta a scas­si­na­re con una for­ci­na. Pe­rò era bel­lo. Vo­glia­mo con­vin­cer­ci che es­se­re sem­pre con­nes­si sia una ne­ces­si­tà, ma non è ve­ro. Mol­ti miei ami­ci han­no ab­ban­do­na­to gli smart­pho­ne per i vec­chi te­le­fo­ni che non fan­no nien­te». L’ab­bia­mo vi­sta pian­ge­re in mo­do di­spe­ra­to nel­la set­ti­ma­na che ha tra­scor­so da so­la su Pla­ya So­le­dad. Qua­le è sta­ta la co­sa che più l’ha fat­ta sof­fri­re? «Non sen­tir­mi ac­cet­ta­ta da­gli al­tri. E non me l’aspet­ta­vo. Mol­ti ra­gaz­zi dell’Isola so­no ar­ri­va­ti già osti­li nei miei con­fron­ti e, ov­via­men­te, non so­no riu­sci­ta a in­stau­ra­re con lo­ro nes­sun rap­por­to. Quan­do gio­va­ne lo ero io, mi av­vi­ci­na­vo al­le per­so­ne più gran­di con ri­spet­to, de­si­de­ro­sa di im­pa­ra­re. Ades­so mol­ti gio­va­ni pen­sa­no che die­tro la vi­ci­nan­za ci sia un se­con­do fi­ne. E mi di­spia­ce, per­ché io di ra­gaz­zi ne ho lan­cia­ti tan­ti, ov­via­men­te quel­li che me­ri­ta­va­no. Sull’Isola un gg­gio­va­ne – di cui non fa­rò mai il no­me – mi ha chie­sto co­sa fos­se la me­ri­to­cra­zia: non ne ave­va mai sen­ti­to par­la­re». Ha det­to di aver­la già pro­va­ta quel­la sen­sa­zio­ne di­spe­ran­te: quan­do era una ra­gaz­zi­na che non vo­le­va usci­re dal­la sua stan­za. «So­no sta­ta una bam­bi­na e una ra­gaz­za iper­sen­si­bi­le: le pa­ro­le de­gli al­tri mi fe­ri­va­no nel pro­fon­do. Per pro­teg­ger­mi dal do­lo­re sta­vo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.