SU SAVIANO

CHI STRAPARLA (E CHI TACE)

Vanity Fair (Italy) - - Week -

vie­ne in­fa­sti­di­ta dal­la po­li­zia, dai ma­gi­stra­ti, dai ca­ra­bi­nie­ri, non da lui che si è ar­ric­chi­to con un li­bro». Cioè Go­mor­ra. Non con­ten­to, ha in­si­sti­to: «Ho spez­za­to una lan­cia a fa­vo­re di ma­gi­stra­ti e for­ze dell’or­di­ne. Chi com­pra un ap­par­ta­men­to pa­no­ra­mi­co a Ma­n­hat­tan e ri­vol­ge pen­so­si pen­sie­ri sul­le sor­ti del be­ne in Ita­lia è far­loc­co». I san­ti­ni lai­ci non mi piac­cio­no, le mi­to­lo­gie nep­pu­re. Va­le per tut­ti, an­che per Saviano, che si do­vreb­be po­ter cri­ti­ca­re co­me tut­ti gli ido­li, per­ché que­sta è li­ber­tà. Il che non si­gni­fi­ca in­vo­ca­re la li­ber­tà di stra­par­la­re. In mez­zo al­le tan­te spa­ra­te del se­na­to­re, c’è una fra­se che col­pi­sce: «Si è ar­ric­chi­to con un li­bro», co­me se fa­re sol­di ven­den­do il pro­dot­to del pro­prio in­tel­let­to fos­se di­sdi­ce­vo­le. Co­me se D’An­na, di cui vor­rem­mo co­no­sce­re i me­ri­ti che gli con­sen­to­no di sta­re in Se­na­to, fos­se au­to­riz­za­to a sta­bi­li­re chi può ar­ric­chir­si e chi no, chi può ave­re la scor­ta e chi no. La scor­ta non è né un’au­to blu né un pri­vi­le­gio, con­di­zio­na la tua li­ber­tà; ogni spo­sta­men­to, ogni mo­vi­men­to, è sor­ve­glia­to. Qual­cu­no ri­nun­ce­reb­be al­la pro­pria li­ber­tà per ri­ce­ve­re in cam­bio gli in­sul­ti del se­na­to­re D’An­na? No, nean­che Saviano, che non se l’è cer­ca­ta, la scor­ta. Ren­zi vie­ne spes­so cri­ti­ca­to per l’ap­pog­gio che Ala dà al suo go­ver­no. La si­ni­stra che pre­ten­de di­ver­si­tà an­tro­po­lo­gi­ca di­ce che con Ver­di­ni non si pos­so­no fa­re ac­cor­di di nes­sun ti­po, nean­che sul­la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le. Ren­zi, fi­no­ra, ha ri­spo­sto di non pro­va­re al­cun «im­ba­raz­zo», an­zi, ben ven­ga chi par­te­ci­pa al cam­mi­no del­le ri­for­me. Pe­rò su D’An­na il premier rot­ta­ma­to­re, quel­lo che vo­le­va cam­bia­re la gram­ma­ti­ca del­la po­li­ti­ca ita­lia­na, rin­no­van­do lin­guag­gio e me­to­do, quel­lo che di­ce di vo­ler fa­re co­se im­po­po­la­ri, qual­co­sa do­vreb­be dir­la. L’Ita­lia sen­za dub­bio ha mol­ti pro­ble­mi, an­che di spre­co di de­na­ro dei con­tri­buen­ti. Tra que­sti pu­re l’in­den­ni­tà che per­ce­pi­sco­no cer­ti se­na­to­ri. Sal­va­to­re Gi­ro­ne, uno dei due ma­rò ac­cu­sa­ti di omi­ci­dio per la mor­te dei pe­sca­to­ri in­dia­ni Va­len­ti­ne Je­le­sti­ne e Aje­sh Bin­ki, è tor­na­to in Ita­lia e ci re­ste­rà fi­no a quan­do il col­le­gio ar­bi­tra­le al tribunale dell’Aia avrà de­ci­so do­ve si ter­rà il pro­ces­so a ca­ri­co suo e di Mas­si­mi­lia­no La­tor­re, già rien­tra­to per pro­ble­mi car­dia­ci. Ne­gli ul­ti­mi tre an­ni i due mi­li­ta­ri so­no sta­ti pro­ta­go­ni­sti, lo­ro mal­gra­do, di una vi­cen­da po­li­ti­ca suf­fi­cien­te­men­te de­pri­men­te, stru­men­ta­liz­za­ti da de­stra (che li ha tra­sfor­ma­ti in eroi di guer­ra), a si­ni­stra (c’è chi si è di­ver­ti­to a far bat­tu­te). Su In­ter­net, do­ve lo scioc­chez­za­io cer­te vol­te è in­so­ste­ni­bi­le, la fra­se «sì ma i ma­rò?» era di­ven­ta­ta fin da su­bi­to un tor­men­to­ne in­di­ge­sto. Il sin­da­co Pd di Ce­sa­no Bo­sco­ne, Si­mo­ne Ne­gri, al rien­tro di Gi­ro­ne: «La Fip, Fe­de­ra­zio­ne Ita­lia­na Pe­sca, ha di­ra­ma­to un bollettino in cui in­vi­ta gli as­so­cia­ti al­la pru­den­za al­la lu­ce del ri­tor­no dei due ma­rò». Vo­to: 3 per l’inu­ti­le ester­na­zio­ne e po­dio per le Vet­te Al­tis­si­me. Ne­gri di­vi­de il po­sto in clas­si­fi­ca con Gior­gia Me­lo­ni, che ha in­vo­ca­to la pre­sen­za dei ma­rò al­la pa­ra­ta del 2 giu­gno, per la Fe­sta del­la Re­pub­bli­ca. Il go­ver­no ha det­to no ed è giu­sto co­sì: i due ma­rò non si sen­to­no eroi e non van­no stru­men­ta­liz­za­ti. Pos­sia­mo la­sciar­li al­le lo­ro vi­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.