AL PO­STO LO­RO

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Se fos­si io, quel­lo in fu­ga? Se il fi­glio an­ne­ga­to fos­se il mio, la don­na de­ca­pi­ta­ta dal­la ci­ma del pe­sche­rec­cio mia ma­dre, il ra­gaz­zo con le os­sa spez­za­te mio fra­tel­lo? Che co­sa fa­rei, se fos­si io a es­se­re na­to nel­la par­te del mon­do sen­za pa­ce e di­rit­ti? Se fos­si io a do­ver la­scia­re ca­sa mia, i miei pa­ren­ti, le mie co­se, i pae­sag­gi tra i qua­li so­no cre­sciu­to, i cie­li e gli odo­ri e i ci­bi ai qua­li so­no abi­tua­to? Se non aves­si al­tra scel­ta che fug­gi­re, per scap­pa­re dal­la guer­ra e da­gli stu­pri? Se fos­si io il so­prav­vis­su­to, tra le cen­ti­na­ia di bam­bi­ni e don­ne e ra­gaz­zi an­ne­ga­ti o bru­cia­ti? Io ad ar­ri­va­re tra gen­te che par­la un’al­tra lin­gua e non sa nien­te di me? Che co­sa pen­se­rei io? Che co­sa pro­ve­rei? Che co­sa pro­ve­rem­mo?

Le mi­glia­ia di uo­mi­ni don­ne e bam­bi­ni che muo­io­no sul pia­ne­rot­to­lo di ca­sa no­stra e del­la no­stra as­sue­fa­zio­ne han­no no­mi e co­gno­mi, sor­ri­si, de­si­de­ri, ca­rat­te­ri, ami­ci, di­fet­ti, gu­sti, sen­ti­men­ti, ed è so­lo un ca­so che stia toc­can­do a lo­ro in­ve­ce che a noi di ri­schia­re la vi­ta o di mo­ri­re in ma­re. E se fos­si­mo noi – per cen­to che scap­pa­no ci so­no an­che i mil­le, i die­ci­mi­la che ri­man­go­no e sof­fro­no, nel­la par­te del mon­do sfor­tu­na­ta, quel­la che non è toc­ca­ta a noi – a do­ver re­si­ste­re a una vi­ta sen­za di­rit­ti e sen­za nien­te tra le bom­be, le tor­tu­re e i ta­glia­go­le?

Do­di­ci­mi­la sbar­chi in una set­ti­ma­na, set­te­cen­to mor­ti, for­se più: in quei due pe­sche­rec­ci con qua­si mil­le per­so­ne a bor­do si so­no sal­va­ti in po­chi. Un pe­sche­rec­cio trai­na­va l’al­tro sen­za car­bu­ran­te: quan­do ha co­min­cia­to ad af­fon­da­re uno sca­fi­sta ha ta­glia­to la ci­ma e una don­na che si spor­ge­va per vo­mi­ta­re è mor­ta per il col­po di fru­sta sul col­lo. Cri­mi­ni di guer­ra: è que­sta la ter­za guer­ra mon­dia­le, e il fat­to che non stia­no uc­ci­den­do noi non ren­de il con­flit­to me­no rea­le. Li chia­mia­mo­mi­gran­ti,ma­so­no­fug­gi­ti­vi,«fug­go­no­da­guer­re,ca­re­stie, op­pres­sio­ne, cer­can­do una vi­ta mi­glio­re, co­me fa­reb­be chiun­que di noi nel­le stes­se con­di­zio­ni», ha det­to il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca Ser­gio Mat­ta­rel­la. Ma l’Unio­ne Eu­ro­pea non era na­ta, do­po le due guer­re mon­dia­li, per pre­ve­ni­re la ter­za e di­fen­de­re i di­rit­ti di de­mo­cra­zia e li­ber­tà? Che cos’è quel­la che ab­bia­mo at­tor­no, a po­che mi­glia­ia di chi­lo­me­tri, se non una guer­ra?

Che co­sa do­vrem­mo fa­re? Fre­na­re l’ar­ri­vo di si­ria­ni, eri­trei, su­da­ne­si, so­ma­li, cur­di, ira­che­ni in fu­ga dal­la guer­ra è im­pos­si­bi­le e i go­ver­nan­ti del­la Ue, di tut­to il mon­do oc­ci­den­ta­le, do­vreb­be­ro unir­si e af­fron­ta­re il pro­ble­ma a mon­te. E noi? Pro­via­mo al­me­no a im­ma­gi­na­re co­me ci si sen­te, a es­se­re quel­li che non han­no nien­te, quel­li che stan­no scap­pan­do.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.