MA È LA MIA VI­TA PRI­VA­TA»

«CA­PI­SCO LA CU­RIO­SI­TÀ: IO E MI­LEY SIA­MO GIO­VA­NI E AL PUB­BLI­CO PIAC­CIO­NO LE STO­RIE D’AMO­RE.

Vanity Fair (Italy) - - Copertina Vanity -

a pri­ma vol­ta che in­con­tro Liam Hemsworth è nell’ascen­so­re che ci sta por­tan­do al­le ri­spet­ti­ve ca­me­re dell’al­ber­go di Los An­ge­les che ospi­ta en­tram­bi. Jeans e giub­bot­to di co­to­ne blu, bel­lo sen­za es­se­re trop­po ap­pa­ri­scen­te, an­zi più min­gher­li­no di co­me ap­pa­re sul­lo scher­mo, Liam ha l’aria mi­te e mo­di gen­ti­li. La se­con­da vol­ta che lo in­con­tro è il gior­no do­po, per que­sta in­ter­vi­sta, e non fa che con­fer­ma­re la pri­ma im­pres­sio­ne. «Ven­ga, se­dia­mo­ci fuo­ri, è una co­sì bel­la gior­na­ta», sug­ge­ri­sce in­di­can­do il ter­raz­zo. È so­lo la pri­ma di una se­rie di gen­ti­lez­ze, e mi di­co che nell’al­bum del­le fi­gu­ri­ne di Hol­ly­wood, al­la vo­ce «bra­vo ra­gaz­zo», do­vreb­be es­ser­ci la sua fac­cia. Un po’ fan­no i ruo­li in­ter­pre­ta­ti fi­no a oggi, so­prat­tut­to quel­lo del pa­zien­te e fe­de­le Ga­le Ha­w­thor­ne nel­la sa­ga di Hun­ger Ga­mes or­mai ar­ri­va­ta al ca­po­li­nea. «Fi­nir­la è sta­to un ri­to di pas­sag­gio, co­me di­ven­ta­re adul­ti: gran par­te del­la mia vi­ta pro­fes­sio­na­le è le­ga­ta a quell’espe­rien­za in­cre­di­bi­le fat­ta con col­le­ghi che nel frat­tem­po so­no di­ven­ta­ti ami­ci ve­ri». Mol­to fa an­che la sua sto­ria per­so­na­le: a un’età in cui John­ny Depp sfa­scia­va ca­me­re d’al­ber­go in­sie­me a Ka­te Moss, Liam è da po­co tor­na­to con la fi­dan­za­ta con cui è sta­to dal 2009 al 2013 e che era pron­to a spo­sa­re, tan­to da aver­le re­ga­la­to un bril­lan­te co­me è tra­di­zio­ne che sia. Cer­to, il fat­to che la ra­gaz­za in que­stio­ne sia Mi­ley Cy­rus com­pli­ca un po’ la fac­cen­da. Si so­no in­na­mo­ra­ti sul set di The La­st Song, pra­ti­ca­men­te il suo pri­mo film ame­ri­ca­no do­po la ga­vet­ta in Au­stra­lia, e la­scia­ti nel set­tem­bre del 2013, con Liam che nel­le in­ter­vi­ste di­ce­va fra­si co­me «sa­rà sem­pre la mia mi­glio­re ami­ca» men­tre lei com­po­ne­va can­zo­ni co­me Wrec­king Ball che, al net­to de­gli scan­da­li e dei po­chi ve­sti­ti in­dos­sa­ti sul pal­co, è una gran bel­la can­zo­ne su un amo­re fi­ni­to. Que­sto fi­no all’ini­zio del 2016, quan­do quel­lo che tut­ti i fan spe­ra­va­no si è fi­nal­men­te av­ve­ra­to: Liam e Mi­ley so­no tor­na­ti in­sie­me. Pri­ma in sor­di­na, non fa­cen­do­si qua­si mai fo­to­gra­fa­re, poi sen­za di­chia­ra­zio­ni uf­fi­cia­li, ma uscen­do al­lo sco­per­to e te­nen­do­si per ma­no al­la lu­ce del so­le. «Al­la mia vi­ta pri­va­ta ci ten­go», mi di­ce. «Pe­rò ca­pi­sco la cu­rio­si­tà del­la gen­te, ca­pi­sco an­che che die­tro ci sia­no buo­ne in­ten­zio­ni, per­ché sia­mo gio­va­ni e al pub­bli­co le sto­rie d’amo­re piac­cio­no». Che Mi­ley e Liam 2 sia una real­tà non è co­mun­que più in di­scus­sio­ne: a sen­ti­re il pa­pà di lei, la star del coun­try Bil­ly Ray Cy­rus, il ma­tri­mo­nio sa­reb­be so­lo que­stio­ne di me­si. E sic­co­me i ri­tor­ni di fiam­ma piac­cio­no a tut­ti, an­co­ra di più se i pro­ta­go­ni­sti so­no una ra­gaz­za che gio­ca a fa­re la cat­ti­va e un ra­gaz­zo di so­li­di prin­ci­pi che la do­ma, c’è da spe­ra­re nel lie­to fi­ne. Liam do­vreb­be gio­car­si il due al­la rou­let­te: è il suo nu­me­ro for­tu­na­to. Due co­me il ri­tor­no di Mi­ley, due co­me i fra­tel­li mag­gio­ri en­tram­bi at­to­ri, Lu­ke e so­prat­tut­to Ch­ris. E due co­me il nu­me­ro che sta die­tro al suo ul­ti­mo film, il se­quel di In­de­pen­den­ce Day, pel­li­co­la di cul­to usci­ta vent’an­ni fa, quan­do Liam vi­ve­va an­co­ra in Au­stra­lia con la fa­mi­glia ed era trop­po pic­co­lo per im­ma­gi­nar­si un fu­tu­ro a Hol­ly­wood. «Ave­vo sei an­ni. Lo guar­dai in vi­deo­cas­set­ta in­sie­me ai miei fra­tel­li». Gi­ra­to dal­lo stes­so re­gi­sta, Ro­land Em­me­ri­ch, In­de­pen­den­ce Day - Ri­ge­ne­ra­zio­ne ri­pren­de la sto­ria vent’an­ni do­po quel­la ori­gi­na­le con per­so­nag­gi già vi­sti e al­cu­ne nuo­ve en­tra­te, tra cui ap­pun­to la sua: l’eroe del­la sto­ria, un pi­lo­ta che ha per­so i ge­ni­to­ri nel pri­mo at­tac­co alie­no. So­pra, Liam Hemsworth af­fron­ta un nuo­vo at­tac­co alie­no in In­de­pen­den­ce Day - Ri­ge­ne­ra­zio­ne, (al cinema dall’8 set­tem­bre), se­quel di In­de­pen­den­ce Day del 1996, con Jeff Gold­blum e Will Smi­th (in al­to). Quel bam­bi­no che a sei an­ni guar­da­va a boc­ca aper­ta In­de­pen­den­ce Day vo­le­va già di­ven­ta­re un at­to­re? «No, a quell’età no. Guar­da­vo mol­ti film, ero ap­pas­sio­na­to, ma non pen­sa­vo che avrei mai re­ci­ta­to per me­stie­re. La cu­rio­si­tà è ar­ri­va­ta più tar­di, ver­so l’ado­le­scen­za, do­po aver vi­sto i miei fra­tel­li in te­le­vi­sio­ne». Tre fra­tel­li tut­ti at­to­ri è un re­cord, a me­no di non es­se­re na­ti in una fa­mi­glia di spet­ta­co­lo. «E la no­stra non lo è. Mio pa­dre la­vo­ra­va nei ser­vi­zi so­cia­li e mia ma­dre ha fat­to l’in­se­gnan­te per mol­to tem­po». Tra lei e suo fra­tel­lo Ch­ris c’è mai sta­ta com­pe­ti­zio­ne? «C’è sta­ta all’ini­zio, quan­do en­tram­bi ab­bia­mo fat­to il pro­vi­no per Thor. Al­la fi­ne io so­no sta­to scar­ta­to e, co­me tut­ti san­no, han­no pre­so lui. Pe­rò non mi la­men­to: quel pro­vi­no mi ha aper­to la por­ta del cinema, e da al­lo­ra non ho più smes­so di la­vo­ra­re».

1996

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.