A far l’amo­re non pen­so più

AMANDA LEAR tor­na con un al­bum e una nuo­va vi­ta: tan­to tea­tro, nien­te Tv («trop­po no­io­sa») e po­chi uo­mi­ni

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di CAR­LA BARDELLI

adies and gen­tle­men, Amanda Lear!», di­ce una vo­ce ma­schi­le, che apre Let Me En­ter­tain You, il nuo­vo al­bum di Amanda Lear, che con­tie­ne 18 bra­ni tra ine­di­ti, hit e co­ver. Sul­la set­tan­ti­na (69 an­ni di­chia­ra­ti, ma su Wi­ki­pe­dia ri­sul­ta na­ta nel 1939), l’ex aman­te di Sal­va­dor Da­lí («ci sia­mo vi­sti tan­te vol­te in que­sto ho­tel») ar­ri­va al Meu­ri­ce, a Pa­ri­gi, in pan­ta­lo­ni ros­so fuo­co, ma­gliet­ta ne­ra luc­ci­can­te e bion­do im­pec­ca­bi­le. «Il se­gre­to del­la mia for­ma è l’at­ti­vi­tà fre­ne­ti­ca che mi im­pon­go. Una ve­ra di­sci­pli­na, che pra­ti­co per fa­re fin­ta di ave­re sem­pre vent’an­ni».

L18 can­zo­ni per ri­cor­dar­ci che Amanda Lear esi­ste an­co­ra, an­che se tra­scu­ra gli ita­lia­ni? «Pen­so sem­pre all’Ita­lia, ma la no­ia è la mia peg­gior ne­mi­ca. Da voi mi pro­po­ne­va­no sem­pre le stes­se co­se. Ne­gli an­ni Set­tan­ta ho in­ven­ta­to un per­so­nag­gio, ag­gres­si­vo e tra­sgres­si­vo, ma ora non po­trei ri­pro­por­lo. Am­mi­ro gli ita­lia­ni, che guar­da­no la tra­smis­sio­ne del­la do­me­ni­ca, pri­ma con Bau­do e ora con Gi­let­ti. Ma che p… piz­za!». Amanda Lear. Sot­to, con Gian­lu­ca De Ru­ber­tis (del duo Il Ge­nio) con cui duet­ta in Pri­ma del tuo cuo­re, can­zo­ne del nuo­vo al­bum Let Me En­ter­tain You. In Fran­cia, in­ve­ce, che co­sa fa? «Da an­ni sal­go ogni gior­no sul pal­co­sce­ni­co di un tea­tro. Il mio ul­ti­mo spet­ta­co­lo si in­ti­to­la La can­di­da­te e par­la di una po­li­ti­ca che si pre­sen­ta al­le pre­si­den­zia­li, un po’ co­me Hil­la­ry Clin­ton. Ho mes­so una clip su YouTu­be, ho ri­ce­vu­to 2 mi­lio­ni di vi­sua­liz­za­zio­ni e mol­ti in­co­rag­gia­men­ti a scen­de­re in cam­po. La gen­te non ne può più del­le so­li­te fac­ce». Che co­sa le pia­ce­reb­be fa­re se de­ci­des­se di tor­na­re in Ita­lia? «Si­cu­ra­men­te non il giu­di­ce a Bal­lan­do con le stel­le o in un’al­tra tra­smis­sio­ne. Lo fan­no già le mie “fi­glie”, Al­ba Pa­riet­ti, tan­to in­tel­li­gen­te ma co­stret­ta a fa­re le stes­se co­se che le ho in­se­gna­to io de­cen­ni fa, o Si­mo­na Ventura, che si fe­ce il pri­mo in­ter­ven­to di chi­rur­gia pla­sti­ca gra­zie al pre­mio del­la mia tra­smis­sio­ne W le don­ne. A quei tem­pi era in­te­res­san­te fa­re te­le­vi­sio­ne, ci pa­ga­va­no a pe­so d’oro, vi­ve­va­mo nei grand ho­tel e ci spo­sta­va­mo con l’au­ti­sta. Ora è mol­to più gra­ti­fi­can­te fa­re tea­tro o cinema». Ha gi­ra­to qual­che film, di re­cen­te? «Sì, uno, con Co­si­mo Mes­se­ri, l’ex aiu­to re­gi­sta di Nan­ni Mo­ret­ti. È un paz­zo che ado­ro, mi ha tra­sci­na­ta in una bel­la av­ven­tu­ra in­ti­to­la­ta Met­ti una not­te. So­no la pro­ta­go­ni­sta, ma non pos­so dir­vi di più». Le piac­cio­no an­co­ra gli uo­mi­ni di 30 an­ni? «Fa­re l’amo­re or­mai non fa più par­te dei miei mas­si­mi in­te­res­si. Ri­chie­de trop­po tem­po ed energia, che pre­fe­ri­sco spen­de­re fa­cen­do co­se più di­ver­ten­ti. Am­met­to che mi pia­ce an­co­ra la­vo­ra­re con gli uo­mi­ni gio­va­ni, co­me Gian­lu­ca De Ru­ber­tis, con il qua­le ho fat­to una can­zo­ne del nuo­vo al­bum, Pri­ma del tuo cuo­re. Del re­sto, è in­ne­ga­bi­le: gli uo­mi­ni con la vo­ce cal­da e pro­fon­da, co­me lui e Pao­lo Con­te, so­no mol­to ec­ci­tan­ti».

DUO GE­NIA­LE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.