SIA­MO FAT­TI L’UNO PER L’AL­TRA»

«MIA MO­GLIE ADO­RA CHE IO SIA OR­DI­NA­TO, IO AMO IL FAT­TO CHE A LEI PIAC­CIA AVE­RE SEM­PRE TUT­TO IN OR­DI­NE.

Vanity Fair (Italy) - - A Regime -

en­tre leg­ge­vo la sce­neg­gia­tu­ra, ho pian­to due o tre vol­te». So­lo? La do­man­da mi sfug­ge pri­ma di rea­liz­za­re che per un uo­mo si trat­ta già di un’am­mis­sio­ne im­pe­gna­ti­va. Il pun­to è che i mi­lio­ni di let­tri­ci in tut­to il mon­do che han­no let­to Io pri­ma di te di Jo­jo Moyes han­no ri­ver­sa­to fiu­mi di la­cri­me, e so­no pron­te a far­lo di nuo­vo guar­dan­do il film trat­to dal ro­man­zo, che in Ita­lia esce il 1° set­tem­bre. Sam Cla­flin, qua­si 30 an­ni, in­ter­pre­ta il te­tra­ple­gi­co Will, as­si­sti­to dal­la gio­va­ne badante Lou (Emi­lia Clar­ke): lui è de­ci­so ad an­da­re in una cli­ni­ca sviz­ze­ra do­ve pra­ti­ca­no l’eu­ta­na­sia, lei è al­tret­tan­to de­ci­sa a far­gli cam­bia­re idea. «È sta­to co­me en­tra­re in un mon­do del tut­to nuo­vo: non co­no­sco nes­su­no su una se­dia a ro­tel­le, che si tro­vi nel­le stes­se con­di­zio­ni di Will o nep­pu­re si­mi­li, non sa­pe­vo nul­la di Di­gni­tas (l’or­ga­niz­za­zio­ne che as­si­ste i ma­la­ti ter­mi­na­li o cro­ni­ci nel­la lo­ro de­ci­sio­ne di mo­ri­re, ndr), non ave­vo let­to il ro­man­zo. La mag­gior par­te di noi dà per scon­ta­to il fat­to di vi­ve­re, di es­se­re in sa­lu­te, non pen­sia­mo mai al­le con­se­guen­ze del­le no­stre azio­ni. È sta­ta un’espe­rien­za emo­zio­nan­te che mi ha fat­to cre­sce­re co­me at­to­re e co­me per­so­na». Com’è en­tra­to nel per­so­nag­gio? «In­tan­to ho do­vu­to sot­to­por­mi a una die­ta mol­to ri­gi­da per per­de­re pe­so. Do­ve­vo ap­pa­ri­re de­bo­le, e lo ero sul se­rio. E an­che piut­to­sto di cat­ti­vo umo­re, per­ché du­ran­te le pro­ve mi ero au­toim­po­sto di con­ti­nua­re ad al­le­nar­mi: cy­clet­te a ca­sa ogni mat­ti­na e se­ra, più un’ora e mez­za di pa­le­stra nel po­me­rig­gio. Tut­to que­sto no­no­stan­te as­su­mes­si 500 ca­lo­rie al gior­no. Co­me può im­ma­gi­na­re, il mio cer­vel­lo non fun­zio­na­va più tan­to be­ne. Ho un ap­proc­cio più fi­si­co che in­tel­let­tua­le al­la re­ci­ta­zio­ne, de­vo en­tra­re nel cor­po di un per­so­nag­gio pri­ma di tro­var­ne la “vo­ce”. Am­mi­ro at­to­ri co­me Ch­ri­stian Ba­le e Da­niel Day-Lewis, ca­pa­ci di tra­sfor­mar­si com­ple­ta­men­te». Pen­so sia nor­ma­le chie­der­si: che co­sa fa­rei io se mi tro­vas­si nel­la stes­sa si­tua­zio­ne? «Ed è al­tret­tan­to nor­ma­le non tro­va­re una ri­spo­sta. Ho par­la­to con per­so­ne pa­ra­liz­za­te, ho guar­da­to do­cu­men­ta­ri sul te­ma. Ogni in­di­vi­duo è di­ver­so, co­sì co­me lo è ogni espe­rien­za. Di­pen­de dall’at­teg­gia­men­to che hai ver­so la vi­ta, da chi ti sta in­tor­no, dal­la con­di­zio­ne eco­no­mi­ca. Rea­gi­rei co­me Will? Non lo so. Ma è sta­to in­te­res­san­te far­mi que­sto ge­ne­re di do­man­de, ri­ma­nen­do aper­to e sen­za giu­di­ca­re nes­su­no». È ve­ro che quan­do era più gio­va­ne ha la­vo­ra­to co­me badante? «No. La co­sa più vi­ci­na è sta­ta la­va­re i pa­vi­men­ti al­la scuo­la di re­ci­ta­zio­ne, giu­sto per gua­da­gna­re qual­che sol­do». Fal­so an­che che ab­bia fat­to il ba­by­sit­ter? «Que­sto è ve­ro. Ero un ra­gaz­zi­no, avrò avu­to 15 an­ni. Mia ma­dre per pri­ma era una ba­by­sit­ter, so­no cre­sciu­to cir­con­da­to da bam­bi­ni, sen­za con­ta­re che ho tre fra­tel­li (due più gran­di, Be­n­ja­min e Da­niel, e uno più pic­co­lo, Jo­se­ph, ndr). Da gio­va­ne ho an­che con­se­gna­to i gior­na­li, la­vo­ra­to in un ne­go­zio di ab­bi­glia­men­to e in un su­per­mer­ca­to: met­te­vo a po­sto i car­rel­li». Da an­ni di­ce­va di vo­ler di­ven­ta­re pa­dre e lo scor­so di­cem­bre è suc­ces­so dav­ve­ro. «Ho can­cel­la­to un de­si­de­rio dal­la mia li­sta. Fi­no­ra mia mo­glie Lau­ra (Had­dock, at­tri­ce an­che lei, 30 an­ni, ndr) e io ab­bia­mo agi­to in squa­dra, ma a bre­ve do­vrò ri­co­min­cia­re a la­vo­ra­re. È tri­ste do­ver­si al­lon­ta­na­re da ca­sa, ma so­no già sta­to fortunato a po­ter sta­re vi­ci­no a mio fi­glio per i pri­mi me­si». Da do­ve ar­ri­va il no­me che ave­te scel­to, Pip? «È il pro­ta­go­ni­sta di Gran­di spe­ran­ze di Char­les Dic­kens». Già nel ti­to­lo del film, Io pri­ma di te, è im­pli­ci­ta l’idea che le re­la­zio­ni im­por­tan­ti ci cam­bia­no. Co­me ha fun­zio­na­to nel rap­por­to tra lei e sua mo­glie? «La vi­ta è cam­bia­ta per en­tram­bi dal pri­mo mo­men­to in cui ci sia­mo in­con­tra­ti. Al­lo­ra nes­su­no di noi ave­va an­co­ra una car­rie­ra. Io sta­vo la­vo­ran­do al mio pri­mo film, Pi­ra­ti dei Ca­rai­bi, lei ave­va già fat­to un po’ di co­se per la Tv ma nien­te che aves­si vi­sto. Era­va­mo en­tram­bi agli ini­zi, in­ge­nui, e sia­mo cre­sciu­ti in­sie­me, im­pa­ran­do co­me fun­zio­na que­sto mon­do, e tro­van­do un equi­li­brio tra la no­stra re­la­zio­ne e il la­vo­ro. Cer­to, stan­do in­sie­me ci sia­mo un po’ adat­ta­ti l’uno all’al­tra, ma sen­za nep­pu­re ac­cor­ger­ce­ne. Si è in­na­mo­ra­ta di me per quel­lo che ero e che so­no, e vi­ce­ver­sa. Lei ado­ra il fat­to che io sia or­di­na­to e io amo il fat­to che a lei piac­cia ave­re sem­pre tut­to in or­di­ne. In­som­ma, sia­mo fat­ti l’uno per l’al­tra. Sem­bra un so­gno». Un’ul­ti­ma cu­rio­si­tà: se co­me Will do­ves­se tra­scor­re­re ore e ore im­mo­bi­le guar­dan­do fuo­ri dal­la fi­ne­stra, che pae­sag­gio le pia­ce­reb­be ave­re? «Una stra­da af­fol­la­ta. Mi pia­ce os­ser­va­re le per­so­ne. Pos­si­bil­men­te sen­za che se ne ac­cor­ga­no». Cla­flin in Io pri­ma di te, sul­la se­dia a ro­tel­le, con la «badante» Emi­lia Clar­ke, 29 an­ni. Il film è trat­to dall’omo­ni­mo li­bro di Jo­jo Moyes (ed. Mon­da­do­ri). Sty­ling Sam Car­der. e pan­ta­lo­ni, Pa­gi­na ac­can­to: pul­lo­ver Pagg. 54-55: ca­mi­cia, Groo­ming Em­ma Whi­te Tur­le.

Brio­ni. Neil Bar­rett.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.