I mi­ra­co­li esi­sto­no, pe­rò...

Tor­na nei pan­ni del­la de­mo­no­lo­ga pi• fa­mo­sa del gran­de scher­mo, ma VE­RA FAR­MI­GA non cre­de al pa­ra­nor­ma­le. Le pia­ce fa­re la mam­ma, sti­ma Pa­pa Fran­ce­sco e ha un mes­sag­gio per un cer­to Sor­ren­ti­no

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di TI­ZIA­NO MA­RI­NO

era Far­mi­ga mi ac­co­glie con un sor­ri­so e un frap­pè. «Gra­zie ma de­ve es­ser­ci un er­ro­re, io non l’ho or­di­na­to», di­co. «Non im­por­ta, lo sa­pe­vo io. A for­za di fa­re Lor­rai­ne War­ren ora leg­go nel­la men­te e ho ca­pi­to che lo vo­le­va, an­co­ra pri­ma di lei». Ini­zia co­sì l’intervista, a Ve­ra Far­mi­ga. L’at­tri­ce è re­du­ce dall’ot­ti­ma ac­co­glien­za ne­gli Sta­ti Uni­ti di The Co­n­ju­ring - Il ca­so En­field (in Ita­lia dal 23 giu­gno) do­ve, per la se­con­da vol­ta do­po il suc­ces­so dell’Evo­ca­zio­ne, in­ter­pre­ta Lor­rai­ne War­ren, no­ta de­mo­no­lo­ga e ri­cer­ca­tri­ce che con il ma­ri­to Ed, uno dei più fa­mo­si stu­dio­si ame­ri­ca­ni del pa­ra­nor­ma­le, ne­gli an­ni ’70 ri­sol­se nu­me­ro­si ca­si scien­ti­fi­ca­men­te in­spie­ga­bi­li. Di re­cen­te è sta­to an­nun­cia­to an­che The Nun, lo spin-off che se­gui­rà la sto­ria del­la suo­ra de­mo­nia­ca.

VHa ini­zia­to a cre­de­re nel pa­ra­nor­ma­le? «Cre­do che pos­sa­no es­ser­ci for­ze po­si­ti­ve e ne­ga­ti­ve e che i mi­ra­co­li pos­sa­no ac­ca­de­re. Non ho mai avu­to un’espe­rien­za di­ret­ta ma fa­mi­lia­ri e ami­ci mi han­no rac­con­ta­to aned­do­ti paz­ze­schi. Ri­man­go scet­ti­ca pe­rò, for­se non ho quel­la par­te del cer­vel­lo che ha ac­ces­so a cer­te co­se…». Che rap­por­to ha con la re­li­gio­ne? «So­no mol­to spi­ri­tua­le ma non ho uno “schie­ra­men­to” re­li­gio­so, so­no sta­ta edu­ca­ta con prin­cì­pi cri­stia­ni e cre­scen­do ho ca­pi­to che è im­por­tan­te de­fi­ni­re quel­lo che Dio si­gni­fi­ca per noi, Dio nel sen­so di amo­re, che ti por­ta a es­se­re una bra­va per­so­na». C’è qual­cu­no in par­ti­co­la­re che la af­fa­sci­na a li­vel­lo spi­ri­tua­le? «Pa­pa Fran­ce­sco. È sag­gio e so­prat­tut­to aper­to, per esem­pio ri­spet­to all’ac­cet­ta­zio­ne dell’omo­ses­sua­li­tà. Il suo è cer­ta­men­te uno dei mes­sag­gi di amo­re e tol­le­ran­za più for­ti de­gli ul­ti­mi tem­pi». Que­sto film è po­po­la­to di bam­bi­ni, lei ha due fi­gli pic­co­li, Fynn e Gyt­ta Lu­bov, di 7 e 5 an­ni. «È stra­no: interpreto spes­so il ruo­lo del­la ma­dre, ma que­sto mi to­glie il tem­po per far­lo nel­la vi­ta rea­le». Sen­si di col­pa? «È mol­to dif­fi­ci­le con­ci­lia­re il ruo­lo di mam­ma con quel­lo di at­tri­ce. Per for­tu­na mio ma­ri­to (Renn Ha­w­key, mu­si­ci­sta, ndr) ha la­scia­to tut­to per fa­re il pa­dre nei pri­mi an­ni del­la lo­ro vi­ta. Ora pe­rò è il mio tur­no, mi pren­de­rò i tre me­si esti­vi, es­se­re pre­sen­te ogni mi­nu­to del­la lo­ro gior­na­ta è il più bel re­ga­lo». Che co­sa vo­glio­no fa­re da gran­di? La­vo­ra­re nel ci­ne­ma? «In real­tà Fynn vuo­le fa­re l’ar­chi­tet­to o lo scien­zia­to. Li in­co­rag­gio a di­ven­ta­re la mi­glio­re ver­sio­ne di se stes­si. E se vo­les­se­ro fa­re il mio me­stie­re, sa­rei d’ac­cor­do». Con il web og­gi è più fa­ci­le o più dif­fi­ci­le per un gio­va­ne at­to­re? «Più fa­ci­le. Se si han­no una for­te pas­sio­ne e una bel­la sto­ria da rac­con­ta­re, è sem­pli­ce crear­si un’op­por­tu­ni­tà, ma­ga­ri con una bel­la web-se­rie. Bi­so­gna es­se­re pa­dro­ni del­la pro­pria car­rie­ra». Qual è sta­ta la sua più gran­de fon­te di ispirazione? «Le per­so­ne pre­sen­ti nel­la mia vi­ta di tut­ti i gior­ni. Da ra­gaz­zi­na, per esem­pio, fe­ci un cor­so di dan­za, bal­li fol­clo­ri­sti­ci ucrai­ni (i ge­ni­to­ri so­no im­mi­gra­ti ucrai­ni, ndr) e la pri­ma bal­le­ri­na era una for­za del­la na­tu­ra: a 70 an­ni riu­sci­va an­co­ra a fa­re l’ara­be­sque, e riu­sci­va per­ché lo de­si­de­ra­va. Lei senz’al­tro mi ha tra­smes­so la gra­zia. An­che mia non­na è sta­ta un gran­de esem­pio per me, co­sì co­me i miei in­se­gnan­ti: se non mi aves­se­ro in­co­rag­gia­to a fa­re la scuo­la di re­ci­ta­zio­ne ora sa­rei un’oculista». Co­me mai pro­prio l’oculista? «Fe­ci una vi­si­ta e il me­di­co era co­sì sim­pa­ti­co e af­fa­sci­nan­te che mi in­fluen­zò mol­to». Tor­na mai in Ucrai­na? «No, ci va­do po­co». Mo­men­to tur­bo­len­to ora in quel Pae­se… «Non c’è da sor­pren­der­si: sto­ri­ca­men­te la Rus­sia ha sem­pre avu­to gran­di pre­te­se sui con­fi­ni ucrai­ni. In real­tà, è un di­scor­so trop­po am­pio, ora non c’è il tem­po di af­fron­tar­lo… ma vo­glio dir­le un’ul­ti­ma co­sa». Pre­go. «Lei che è ita­lia­no, po­treb­be di­re a Pao­lo Sor­ren­ti­no che non ho im­pe­gni in agen­da? Gli fac­cia sa­pe­re che so­no di­spo­ni­bi­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.