Io e la mia Mu­sa

Gio­va­ne, ca­ri­no e mol­to con­vin­to. TOM ODELL si pa­ra­go­na a Leo­nard Co­hen e Bru­ce Spring­steen, e nel­le can­zo­ni met­te la sua vi­ta. Ma non chie­de­te­gli di di­ven­ta­re «so­cial»

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

i sen­to so­spe­so tra la vul­ne­ra­bi­li­tà di Leo­nard Co­hen e l’in­ten­si­tà dram­ma­ti­ca di Bru­ce Spring­steen». A Tom Odell, can­tau­to­re in­gle­se di 25 an­ni, non man­ca la con­vin­zio­ne. Nel­la sua te­sta ha fin trop­po chia­ro co­sa vuo­le di­ven­ta­re: quan­do par­la di sé usa so­lo mo­del­li mu­si­ca­li leg­gen­da­ri. L’idea dell’in­suc­ces­so è co­sì in­con­ce­pi­bi­le che quan­do la ri­vi­sta NME scris­se una re­cen­sio­ne ne­ga­ti­va del suo pri­mo di­sco, Long Way Do­wn, il pa­dre di Tom chia­mò la re­da­zio­ne per la­men­tar­si. Wrong Cro­wd è il suo se­con­do al­bum e Tom con­ti­nua ad ave­re esti­ma­to­ri e de­trat­to­ri, e a es­se­re mol­to ama­to dal pub­bli­co: Ma­gne­ti­sed, pri­mo sin­go­lo, ha rag­giun­to qua­si 3 mi­lio­ni di vi­sua­liz­za­zio­ni su YouTu­be. In Wrong Cro­wd la sua scrit­tu­ra è di­ven­ta­ta più am­bi­zio­sa, o sba­glio? «So­no sem­pre in bi­li­co tra la vo­glia di es­se­re ac­cu­ra­to e quel­la di la­sciar­mi an­da­re. La mia gui­da so­no le pa­ro­le. Co­me per El­ton John o Tom Wai­ts, le sto­rie gui­da­no la mu­si­ca». A pro­po­si­to di sto­rie, per­ché ri­tor­na co­sì spes­so il te­ma dell’in­fan­zia? «Per me è ap­pe­na fi­ni­ta, mi so­no ri­tro­va­to adul­to all’im­prov­vi­so, per la pri­ma vol­ta ho la pos­si­bi­li­tà di guar­dar­mi in­die­tro e ave­re una pro­spet­ti­va». Per es­se­re uno che scri­ve can­zo­ni co­sì per­so­na­li, la sua im­ma­gi­ne pub­bli­ca è fred­da e di­stac­ca­ta. Per­ché? «C’è un li­vel­lo di pro­te­zio­ne che ser­ve per scri­ve­re can­zo­ni in­ti­me. La mia Mu­sa è sen­si­bi­le, vuo­le te­ne­re tut­to pri­va­to». I suoi pez­zi ven­go­no tut­ti in mo­do co­sì di­ret­to dal­la sua espe­rien­za? «C’è una li­nea sot­ti­le tra au­to­bio­gra­fi­co e in­ven­ta­to. Le per­so­ne pen­sa­no che io vo­glia par­la­re del­la mia vi­ta pri­va­ta so­lo per­ché ci scri­vo del­le can­zo­ni, ma non è co­sì. E non ca­pi­rò mai i mu­si­ci­sti che met­to­no com­pul­si­va­men­te le fo­to su In­sta­gram. Co­sa gli re­sta da scri­ve­re, poi?».

M

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.