La ve­ri­tà, vi pre­go, su Me­dea

Por­ta in sce­na il mi­to del­la ma­dre che uc­ci­de i fi­gli per ven­det­ta ver­so il com­pa­gno. A EM­MA DAN­TE il co­rag­gio non man­ca. E ci in­vi­ta a «ca­pi­re»

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MA­RI­NA CAP­PA

i so­no at­tri­ci che non se la sen­ti­reb­be­ro di in­ter­pre­tar­la: una don­na che per ven­det­ta nei con­fron­ti dell’uo­mo che l’ha ab­ban­do­na­ta uc­ci­de i lo­ro fi­gli muo­ve trop­pe emo­zio­ni. Em­ma Dan­te, 49 an­ni, re­gi­sta e dram­ma­tur­ga vin­ci­tri­ce di tan­ti pre­mi tea­tra­li e au­tri­ce del film Via Ca­stel­la­na Ban­die­ra, su Me­dea in­ve­ce la­vo­ra da an­ni, per­ché «il suo mi­to con­ti­nua a por­re do­man­de: non si rie­sce mai a spie­ga­re fi­no in fon­do co­me una don­na pos­sa es­se­re co­sì vio­len­ta con i pro­pri fi­gli». La pri­ma vol­ta che la Dan­te si è oc­cu­pa­ta di que­sta tragedia era il 2003. Ma lo spet­ta­co­lo-con­cer­to che pre­sen­ta il 10 e l’11 lu­glio al na­po­le­ta­no Tea­tro Bel­li­ni (con re­pli­ca il 13 a Val­va, Sa­ler­no), e che è ospi­te del Na­po­li Tea­tro Festival, è di­ver­so. A co­min­cia­re dal ti­to­lo. Per­ché Ver­so Me­dea? «Par­to dall’idea del­la ma­ter­ni­tà ne­ga­ta. Me­dea, che nell’ori­gi­na­le è già ma­dre, ar­ri­va in­cin­ta a Co­rin­to, do­ve è l’uni­ca don­na in una cit­tà ste­ri­le. Il suo cor­po è co­me un ter­ri­to­rio sco­no­sciu­to da esplo­ra­re. Que­sto è il per­cor­so del “ver­so”, che va in­con­tro a una per­so­na ab­ban­do­na­ta e re­sa più fra­gi­le pro­prio dal­la gra­vi­dan­za. Mi di­co­no che suc­ce­de co­sì, an­che se io fi­gli non ne ho avu­ti». La sua fra­gi­li­tà pe­rò ge­ne­ra vio­len­za. C’è dif­fe­ren­za fra quel­la di Me­dea e la vio­len­za che gli uo­mi­ni com­pio­no sul­le don­ne? «Me­dea mas­sa­cra se stes­sa at­tra­ver­so i fi­gli. Vie­ne por­ta­ta all’esa­spe­ra­zio­ne da que­st’uo­mo per il qua­le la­scia tut­to e che quan­do ha la pos­si­bi­li­tà di sa­li­re al tro­no l’ab­ban­do­na e se ne fot­te di lei». An­che mol­ti uxo­ri­ci­di di­co­no di es­se­re sta­ti tra­di­ti e por­ta­ti all’esa­spe­ra­zio­ne. «In­fat­ti Me­dea non è giu­sti­fi­ca­bi­le. Pe­rò fra i due la più de­bo­le è lei, in­gan­na­ta, con­dot­ta al­la paz­zia, so­la in un Pae­se stra­nie­ro. Cer­to, già da pri­ma è una de­lin­quen­te: ha tra­di­to il pa­dre e ha fat­to di tut­to per se­gui­re Gia­so­ne».

CE­le­na Bor­go­gni, 30 an­ni, in Ver­so Me­dea, di­ret­to da Em­ma Dan­te e pre­sen­ta­to il 10 e l’11 lu­glio al Tea­tro Bel­li­ni per il Na­po­li Tea­tro Festival.

Quin­di non la giu­sti­fi­ca ma la ca­pi­sce. «Io non cre­do al­la pe­na di mor­te o al­la pu­ni­zio­ne di­vi­na. Bi­so­gna tro­va­re un mo­do per con­net­ter­si con chi com­pie que­sti at­ti ter­ri­bi­li. Ri­cor­dia­mo­ci co­mun­que che Me­dea è un per­so­nag­gio, non una per­so­na rea­le, e co­me ta­le non va giu­di­ca­ta. I per­so­nag­gi non rac­con­ta­no la ve­ri­tà, ma una me­ta­fo­ra: so­no lo stru­men­to che mi ser­ve per ca­pi­re il mon­do e rac­con­tar­lo». È quel­lo che fa­ran­no an­che i pro­ta­go­ni­sti di Be­stie di sce­na, il suo nuo­vo spet­ta­co­lo che la pros­si­ma sta­gio­ne por­ta al Pic­co­lo Tea­tro di Mi­la­no? «Sì, mo­stre­rò il sa­cri­fi­cio de­gli at­to­ri nel lo­ro sta­re in sce­na e rac­con­ta­re qual­co­sa di spia­ce­vo­le. Che co­sa si­gni­fi­ca es­se­re at­to­ri, de­nu­dar­si da­van­ti al pub­bli­co? Que­sto in un mo­men­to in cui tut­ti si na­scon­do­no. Per que­sto mo­ti­vo ri­ten­go che l’at­to­re sia il ve­ro eroe del­la so­cie­tà: sa­le sul pal­co, si to­glie tut­te le ma­sche­re e di­ce la ve­ri­tà».

TRA­GI­CA NA­PO­LI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.