SA­RÀ PER AMO­RE

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Copertina -

Ve­ro di­sin­te­res­se o fur­ba stra­te­gia? So­lo lei può dir­lo. Sap­pia­mo pe­rò con cer­tez­za quan­do, co­me e do­ve il «no» è di­ven­ta­to «sì». L’epi­so­dio è ri­co­strui­to nel li­bro. L’anel­lo di dan­za­men­to, un dia­man­te dal 750 mi­la dol­la­ri, era pron­to. Cloo­ney pe­rò era ner­vo­sis­si­mo. «Ave­vo de­ci­so che lei era la per­so­na con cui vo­le­vo pas­sa­re la vi­ta», ha rac­con­ta­to in Tv nel­la tra­smis­sio­ne di El­len DeGe­ne­res. «Spe­ra­vo che pro­vas­se quel­lo che pro­va­vo io, ma non ne ave­va­mo mai par­la­to pri­ma. E se mi aves­se pre­so per mat­to?». La pro­po­sta di ma­tri­mo­nio ven­ne fat­ta nel­la cu­ci­na dell’at­to­re, con una mes­sin­sce­na ac­cu­ra­ta­men­te stu­dia­ta. Geor­ge l’ave­va in­vi­ta­ta nel­la sua vil­la a Los An­ge­les, e ave­va pre­pa­ra­to la ce­na. Co­me co­lon­na so­no­ra del mo­men­to cru­cia­le, do­po il des­sert, ave­va scel­to la can­zo­ne di Frank Si­na­tra Why Shouldn’t I?, com­po­sta a suo tem­po per la sua zia can­tan­te, Ro­se­ma­ry Cloo­ney. «Era tut­to pron­to, la mu­si­ca è par­ti­ta… E in quel pre­ci­so mo­men­to lei si è al­za­ta per an­da­re a la­va­re i piat­ti, co­sa che non fa mai! Al­lo­ra ho ten­ta­to il tut­to per tut­to. Ho spen­to di na­sco­sto una can­de­la e, con la scu­sa di riac­cen­der­la, le ho chie­sto di pas­sar­mi l’ac­cen­di­no. Le ho in­di­ca­to una sca­to­li­na die­tro di lei: “Lì den­tro”. L’ha aper­ta, ha tro­va­to l’anel­lo e ha det­to, sem­pli­ce­men­te: “C’è un anel­lo”. Co­me se qual­cu­no lo aves­se la­scia­to lì per ca­so. Il suo sguar­do pas­sa­va dall’anel­lo al mio, e poi di nuo­vo all’anel­lo. Gra­zie al­la mia play­li­st, sap­pia­mo che tut­ta la co­sa è du­ra­ta 25 mi­nu­ti: 25 mi­nu­ti! Ho ni­to per dir­le che ave­vo bi­so­gno di una ri­spo­sta, per­ché a 52 an­ni, mi sa­rei lus­sa­to l’an­ca a for­za di sta­re in gi­noc­chio. E lei mi ha ri­spo­sto sì». me­ri­ta­to, un pre­giu­di­zio di su­per­bia a ca­ri­co di Amal. Si è par­la­to di ten­sio­ni con Ju­lia Ro­berts, la mi­glio­re ami­ca di Geor­ge, sul set di Mo­ney Mon­ster. E di in­com­pren­sio­ni con l’ami­co fra­ter­no Ran­de Ger­ber, che di lei ha det­to, non si sa quan­to per scher­zo: «Se non le par­li di po­li­ti­ca este­ra, lei ti igno­ra». Cer­to è che, ri­spet­to al­la pub­bli­ca pro­mes­sa ini­zia­le di non sta­re mai più di una set­ti­ma­na se­pa­ra­ti, i Cloo­ney sem­bra­no aver fat­to par­zia­le mar­cia in­die­tro: a giu­di­ca­re dai pa­pa­raz­zi che li in­se­guo­no, i pe­rio­di di se­pa­ra­zio­ne han­no an­che su­pe­ra­to ab­bon­dan­te­men­te il me­se. Que­sto, for­se, la­scia a lui spa­zio di con­ti­nua­re a col­ti­va­re le sue ami­ci­zie ma­schi­li, e cer­te abi­tu­di­ni go­liar­di­che che a una co­me lei po­treb­be­ro sem­bra­re ado­le­scen­zia­li, ma su cui si fon­da da 20 an­ni l’equi­li­brio per­so­na­le di Geor­ge. Nien­te gli, e una se­quen­za di don­ne a tem­po de­ter­mi­na­to: per gran par­te del­la sua vi­ta adul­ta, Cloo­ney è sem­bra­to al­ler­gi­co a tut­to quel­lo che sa di co­stru­zio­ne. So­lo in un cam­po ha da­to pro­va di co­stan­za: l’ami­ci­zia. Le stes­se per­so­ne gli so­no le­ga­te da de­cen­ni. (…) Con Brad Pitt ha una re­la­zio­ne mol­to stret­ta. La lo­ro spe­cia­li­tà so­no gli scher­zi go­liar­di­ci, or­mai leg­gen­da­ri a Hol­ly­wood. Nel 2004, sul set ita­lia­no di Ocean’s Twel­ve, Brad met­te in gi­ro la vo­ce che Geor­ge proi­bi­sca al suo en­tou­ra­ge di guar­dar­lo ne­gli oc­chi, ed esi­ga di es­se­re chia­ma­to Dan­ny, co­me il suo per­so­nag­gio Dan­ny Ocean. La stam­pa, ov­via­men­te, pren­de tut­to mol­to sul se­rio. (…) La ven­det­ta ar­ri­va qual­che me­se do­po, quan­do Geor­ge met­te sul re­tro dell’au­to di Brad un ade­si­vo con la fo­glia di ma­ri­jua­na e la scrit­ta «Fot­te­te­vi sbir­ri», e lo fa fer­ma­re dal­la po­li­zia. In pre­ce­den­za, gli ave­va at­tac­ca­to ade­si­vi con le scrit­te «Pic­co­lo pe­ne a bor­do» e «So­no gay e vo­to». (…) Al­tro ber­sa­glio Matt Da­mon, che sul set di Mo­nu­men­ts Men non riu­sci­va a ca­pa­ci­tar­si del per­ché stes­se in­gras­san­do sen­za ap­pa­ren­te ra­gio­ne. Fin­ché sco­prì che Cloo­ney ave­va chie­sto al­la sar­ta di re­strin­ger­gli, set­ti­ma­na do­po set­ti­ma­na, i pan­ta­lo­ni. Maël­le Brun e Amel­le Zaïd – che scri­ve sul set­ti­ma­na­le al­ter­na­ti­vo Les In­roc­kup­ti­bles – so­no cro­ni­ste piut­to­sto au­da­ci, ma su un pun­to non han­no scrit­to nul­la nel li­bro: l’as­sen­za, fi­no­ra, di un baby Cloo­ney. La do­man­da glie­la fac­cio io. «Esclu­do», di­ce Zaïd, «che i Cloo­ney cer­che­reb­be­ro un glio, ma­ga­ri at­tra­ver­so l’ado­zio­ne che ga­ran­ti­sce “la bel­la gu­ra”, giu­sto per com­ple­ta­re il qua­dret­to del­la fa­mi­glia per­fet­ta che nel mon­do del­la po­li­ti­ca ame­ri­ca­na è sta­to no­ra un re­qui­si­to es­sen­zia­le. E ma­ga­ri in fu­tu­ro non lo sa­rà più, per­ché le co­se cam­bia­no. Ma a di eren­za di al­tri gli di fa­mo­si, Geor­ge è cre­sciu­to in una fa­mi­glia ve­ra e so­li­da e am­bi­zio­sa sì ma pie­na di amo­re, e lo stes­so va­le per Amal. Han­no trop­po ri­spet­to ver­so la ma­ter­ni­tà e la pa­ter­ni­tà per con­ce­pi­re un ere­de co­me stru­men­to dei lo­ro so­gni. Se avran­no un glio sa­rà per amo­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.