Fai brut­ti so­gni

Nel­la quar­ta pun­ta­ta del­la se­rie di D.D. War­ren, LI­SA GARD­NER tra­sfor­ma una vit­ti­ma in una giu­sti­zie­ra. E stu­dia co­me si sta in una ba­ra

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MI­CHE­LE NE­RI

che gra­do di fol­lia si può ar­ri­va­re pur di salvarsi? È uno de­gli in­can­de­scen­ti di­lem­mi mo­ra­li di un th­ril­ler clau­stro­fo­bi­co e sot­ti­le e in cui, ap­pe­na ti ag­grap­pi a una ve­ri­tà, sei co­stret­to a ri­cre­der­ti. Dob­bia­mo tro­var­la, il quar­to ro­man­zo (in li­bre­ria dal 7 lu­glio) che l’ame­ri­ca­na Li­sa Gard­ner de­di­ca al­le in­da­gi­ni dell’in­ve­sti­ga­tri­ce D.D. War­ren, è la sto­ria di una ra­gaz­za, sven­tu­ra­ta quan­to de­ter­mi­na­ta, che da vit­ti­ma di­ven­ta giu­sti­zie­ra. Si chia­ma Flo­ra

ADa­ne, ed è una fe­li­ce stu­den­tes­sa di Bo­ston nché un ma­nia­co ses­sua­le la ra­pi­sce. Per gran par­te dei 472 gior­ni di pri­gio­nia, Flo­ra re­ste­rà chiu­sa in una cas­sa di le­gno gran­de co­me una ba­ra e riu­sci­rà a li­be­rar­si so­lo per ni­re in un vor­ti­ce an­co­ra più gran­de di so­pru­si, vio­len­ze psi­co­lo­gi­che e ses­sua­li. La let­tu­ra in­ca­te­na co­me nell’Amo­re bu­giar­do di Gil­lian Flynn o in Stan­za, let­to, ar­ma­dio, spec­chio di Em­ma Do­no­ghue: Li­sa Gard­ner, tren­ta li­bri, de­ci­ne di mi­lio­ni di let­to­ri, sa co­me te­ne­re sul­la cor­da.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.