LA MAM­MA PIÙ AMOREVOLE E COCCOLONA,

LEI MI HA IN­SE­GNA­TO CHE SI PUÒ ES­SE­RE E SU­BI­TO DO­PO DI­VEN­TA­RE LA MA­NA­GER PIÙ AGGRESSIVA

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Copertina -

ggi l’ar­ma se­gre­ta di Emi­lia Clar­ke, che do­po­tut­to è sta­ta no­mi­na­ta la don­na più se­xy del mon­do da di­ver­si men­si­li ma­schi­li, non so­no i dra­ghi ma le cia­bat­to­ne di pe­lu­che bian­co che in­dos­sa sot­to il ve­sti­to ros­so. So­no del ti­po che si tro­va nel­le stan­ze d’al­ber­go, e la ren­do­no an­cor più mi­nu­ta quan­do si sie­de ran­nic­chian­do­si con le ma­ni sul­le ca­vi­glie e or­di­na un tè ver­de: «Non ce la fa­ce­vo più a sta­re in tac­chi al­ti, og­gi mi de­ve pren­de­re per quel­lo che so­no». Es­se­re la don­na fa­ta­le non sem­bra in­te­res­sar­le più di tan­to. «So­no cre­sciu­ta so ren­do tan­tis­si­mo men­tre guar­da­vo i cor­pi ma­gris­si­ni e al­tis­si­mi del­le mo­del­le sui gior­na­li di mo­da. Non vo­glio che al­tre ra­gaz­ze si sen­ta­no a di­sa­gio leg­gen­do di me, che pen­si­no di non es­se­re bel­le o bra­ve ab­ba­stan­za. Tut­te lo sia­mo, ba­sta che a un cer­to pun­to ci fac­cia­mo una ra­gio­ne del­la no­stra real­tà». A lei quan­do è suc­ces­so? «Pre­sto. Quan­do ho ca­pi­to che non sa­rei mai cre­sciu­ta quel mez­zo me­tro in più, e che non mi sa­rei mai sve­glia­ta col cor­po di Gi­sel­le. Ma se co­min­ci ad ave­re du­cia in quel­lo che sei, tut­to è pos­si­bi­le». Quel che sem­bra qua­si im­pos­si­bi­le è rin­trac­cia­re in que­sta ra­gaz­za mol­to bri­ti­sh, tut­ta un­der­sta­te­ment e bat­tu­te fat­te per elu­de­re più che far ri­de­re, la te­mu­tis­si­ma Dae­ne­rys Tar­ga­ryen, ov­ve­ro la Ma­dre dei Dra­ghi che Emi­lia Clar­ke in­ter­pre­ta da sei sta­gio­ni nel Tro­no di spa­de. Nel­la se­rie il suo vol­to è co­me pie­tri ca­to, men­tre nel­la real­tà è espres­si­vo al pun­to che si fa­ti­ca a stac­ca­re gli oc­chi dal­le sue so­prac­ci­glia: sem­bra­no sal­tel­la­re su ogni pa­ro­la men­tre lei rac­con­ta che pri­ma nes­su­no la ri­co­no­sce­va per via del­la par­ruc­ca di Kha­lee­si, co­me vie­ne an­che chia­ma­ta Dae­ne­rys, e che ora sa­rà di­ver­so. «Ma­ga­ri per pas­sa­re inos­ser­va­ta sta­vol­ta sa­rò co­stret­ta a tin­ger­mi di bion­do!». È fa­ci­lis­si­mo tro­va­re nel­le ri­sa­te di Emi­lia la dol­ce Loui­sa Clark del lm Io pri­ma di te (che usci­rà in Ita­lia il 1° set­tem­bre), una ra­gaz­za di cam­pa­gna che vie­ne as­sun­ta per te­ne­re com­pa­gnia all’ari­sto­cra­ti­co Will (Sam Cla in) co­stret­to sul­la se­dia a ro­tel­le dal­la sua te­tra­ple­gia. All’en­tra­ta del­la sa­la do­ve pro­iet­ta­va­no il lm, as­sie­me a po­p­corn e Coca-Co­la di­stri­bui­va­no faz­zo­let­ti di car­ta con il ti­to­lo sul­la con­fe­zio­ne: Io pri­ma di te, adat­ta­men­to ci­ne­ma­to­gra co del bestsel­ler di Jo­jo Moyes, è in­fat­ti an­che una sto­ria d’amo­re re­sa im­pos­si­bi­le non dal­la con­di­zio­ne di Will ma dal­la sua vo­lon­tà di smet­te­re di vi­ve­re e sce­glie­re l’eu­ta­na­sia. «Do­po ave­re let­to tre pa­gi­ne del li­bro sa­pe­vo già di vo­le­re la par­te. Non è so­lo per l’im­por­tan­za del te­ma che a ron­ta: è che io so­no ve­ra­men­te una co­pia per­fet­ta di Loui­sa. Più leg­ge­vo e più mi con­vin­ce­vo che l’au­tri­ce in real­tà stes­se scri­ven­do di me, e quan­do si è trat­ta­to di gi­ra­re il lm ero si­cu­ra che quel­la fos­se la mia vi­ta e che per ca­so ci fos­se­ro del­le te­le­ca­me­re a lmar­mi». Co­me Loui­sa, an­che Emi­lia è cre­sciu­ta nel­la cam­pa­gna in­gle­se, con­tea del Berk­shi­re. Fi­glia di una con­su­len­te di mar­ke­ting e di un tec­ni­co del suo­no che la­vo­ra nei tea­tri del We­st End di Lon­dra, ha co­stret­to i ge­ni­to­ri e il fra­tel­lo più pic­co­lo a guar­dar­la re­ci­ta­re in sa­lot­to no a quan­do non si è tra­sfe­ri­ta a Lon­dra a fre­quen­ta­re il Dra­ma Cen­tre. Il suo pri­mo ruo­lo im­por­tan­te è ar­ri­va­to pro­prio con Il tro­no di spa­de. «All’ini­zio non è sta­to fa­ci­le adat­tar­mi al­la se­rie per­ché den­tro di me non so­no una du­ra ma una mor­bi­do­na. È un’al­tra ra­gio­ne per cui ho de­si­de­ra­to con tut­te le mie for­ze la par­te di Loui­sa: c’era una sin­ce­ri­tà che vo­le­va far­si ve­de­re di­spe­ra­ta­men­te». Co­me si de­scri­ve­reb­be, sin­ce­ri­tà a par­te? «Mi pia­ce ri­de­re, e ho un ot­ti­mi­smo che non ce­de da­van­ti a nul­la. Co­me Loui­sa, una vol­ta ero an­che mol­to in­ge­nua, ma so­no cam­bia­ta cre­scen­do». È am­bi­zio­sa? «Mol­tis­si­mo. So di vo­ler fa­re que­sto la­vo­ro sin da quan­do mio pa­dre mi por­tò die­tro le quin­te di Show Boat. Ave­vo 2 an­ni». E per­ché non ha co­min­cia­to pri­ma a re­ci­ta­re? «So­no an­che mol­to saggia. Quan­do mio pa­dre a 10 an­ni mi por­tò a fa­re un pro­vi­no nei tea­tri del We­st End, ca­pii che do­ve­vo aspet­ta­re. E che lui vo­le­va met­ter­mi al­la pro­va». È ve­ro che, quan­do ha det­to a suo pa­dre di vo­ler fa­re l’at­tri­ce, lui le ha ri­spo­sto che avreb­be do­vu­to im­pa­ra­re una so­la bat­tu­ta: «Vuo­le an­che pa­ta­ti­ne frit­te?». Che, in­som­ma, sa­reb­be ni­ta a fa­re la ca­me­rie­ra? «Od­dio, lo ha let­to an­che lei! Se so­lo po­tes­si to­glie­re quel­la fra­se da In­ter­net. La ve­ri­tà è che mio pa­dre ha sem­pre cre­du­to in me, e sta­va so­lo cer­can­do di pro­teg­ger­mi, co­me avreb­be fat­to qual­sia­si pa­dre. Lei ha gli?». Sì, due. «Scom­met­to che se uno dei due ve­nis­se da lei a dir­le che vuo­le fa­re que­sta stu­pi­da car­rie­ra in cui il ri­schio di ni­re di­soc­cu­pa­ti è al­tis­si­mo, an­che lei gli ri­spon­de­reb­be co­sì». Che co­sa le di­ce suo pa­dre, ades­so che è di­ven­ta­ta fa­mo­sa? «La sua fra­se pre­fe­ri­ta è: “Chi l’avreb­be det­to?”». Che co­sa ha pre­so da lui, e che co­sa da sua ma­dre? «Mio pa­dre mi ha riem­pi­ta d’amo­re, da mia ma­dre è ve­nu­ta la for­za: mam­ma ha ve­ra­men­te le pal­le. En­tram­bi so­no sta­ti in­tel­li­gen­tis­si­mi per­ché han­no cre­sciu­to me e

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.