Un fi­glio non ti cam­bia

Per AMANDA PAL­MER, ar­ti­sta pop ico­no­cla­sta, il mo­men­to è pro­li­fi­co. Ha in­ci­so un di­sco con suo pa­dre, sta per tor­na­re con la sua band, i Dre­sden Dolls, ed è di­ven­ta­ta mam­ma. Ma, in fon­do, tut­to è ugua­le a pri­ma

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di AL­BA SOLARO

La ma­ter­ni­tà ci cam­bia? Sa­reb­be fa­ci­le di­re di sì, ma Amanda Pal­mer non è mai sta­ta ti­po da ri­spo­ste fa­ci­li. «Sin­ce­ra­men­te non mi sen­to di­ver­sa da pri­ma, ma è an­che ve­ro che ho fat­to un fi­glio a 39 an­ni, e non è co­me far­lo a 19. Ci ho mes­so tan­to a de­ci­de­re, un per­cor­so non sem­pli­ce. So­no ri­ma­sta in­cin­ta a 17 an­ni e ho abor­ti­to, e non è sta­ta l’uni­ca vol­ta; ma quan­do mi so­no sen­ti­ta pron­ta, ero pron­ta. Cre­do che se sei il ti­po che va con se­re­ni­tà per il mon­do, l’ar­ri­vo di un fi­glio ti fa­rà sen­ti­re an­co­ra di più l’amo­re; se sei pie­na di pau­re ti fa­rà pro­ba­bil­men­te di­ven­ta­re più an­sio­sa. Al­la fi­ne un fi­glio fun­zio­na co­me una len­te di in­gran­di­men­to di quel­lo che sei». Il bam­bi­no che Amanda ha avu­to die­ci me­si fa dal­lo scrit­to­re Neil Gai­man si chia­ma An­tho­ny e se ne sta fe­li­ce tra le brac­cia del non­no Jack sul­la co­per­ti­na di You Got Me Sin­ging, l’al­bum di co­ver che una del­le più ico­no­cla­ste ar­ti­ste pop in cir­co­la­zio­ne ha in­ci­so con suo pa­dre, Jack Pal­mer, 72 an­ni. So­no bal­la­te un­plug­ged di Leo­nard Co­hen, Si­néad O’Con­nor, Ri­chard Thomp­son, John Grant, c’è an­che una nin­na nan­na di epo­ca vit­to­ria­na. Lei canta, suo­na il pia­no e il suo ado­ra­to uku­le­le; il pa­pà (che canta nel co­ro di una chie­sa) ci ha mes­so la chi­tar­ra e una bel­la vo­ce cal­da e ba­ri­to­na­le al­la John­ny Ca­sh. Il ri­sul­ta­to è di una se­re­ni­tà e in­ti­mi­tà che non ti aspet­ti da un’ar­ti­sta che i più gentili pa­ra­go­na­no a uno tsu­na­mi e i fan chia­ma­no amo­re­vol­men­te «Amanda Fuc­king Pal­mer». «È sta­ta un’espe­rien­za me­ra­vi­glio­sa», rac­con­ta ades­so. «L’ab­bia­mo re­gi­stra­to quand’ero in­cin­ta al set­ti­mo me­se. Non po­te­va es­ser­ci un’oc­ca­sio­ne più bel­la an­che sul pia­no sim­bo­li­co, ed è sta­to il pe­rio­do più lun­go che ho tra­scor­so in­sie­me a mio pa­dre in tut­ta la mia vi­ta». I ge­ni­to­ri del­la can­tan­te, na­ta a New York e cre­sciu­ta a Bo­ston, han­no di­vor­zia­to qua­si su­bi­to do­po la sua na­sci­ta, lei è ri­ma­sta con la ma­dre. «Se mi chie­di: avre­sti mai pensato die­ci an­ni fa di in­ci­de­re un di­sco con tuo pa­dre? La mia ri­spo­sta è: sì. Da quan­do, nel 2009, gli ho chie­sto di sa­li­re sul pal­co a un mio con­cer­to». Ave­va­no can­ta­to un pez­zo di Leo­nard Co­hen, co­me quel­lo che ora dà il ti­to­lo al di­sco, «e me­no ma­le che ha buon gu­sto in fat­to di mu­si­ca, al­tri­men­ti sa­reb­be sta­to un pro­ble­ma sce­glie­re i pez­zi!». Po­che set­ti­ma­ne fa Amanda ha in­ci­so (gra­zie ai fi­nan­zia­men­ti che le ar­ri­va­no dai fan con il pro­gram­ma di cro­w­d­fun­ding Pa­treon) an­che la co­ver di Lau­ra, un pez­zo di Bat for La­shes: «È il no­me del­la com­pa­gna del mio più ca­ro ami­co, mor­to po­co tem­po fa; si chia­ma­va An­tho­ny, co­me mio fi­glio». Un bell’in­trec­cio di vi­ta, na­sci­ta, mor­te, quel­lo che sta die­tro all’al­bum: «Più di tut­to è il ri­tro­var­si, e im­pa­ra­re a per­do­na­re, gli al­tri co­me se stes­si. La mu­si­ca sa co­me unir­ci». A pro­po­si­to di unio­ni, per la Pal­mer ce n’è in ar­ri­vo una che ha man­da­to su­bi­to in fi­bril­la­zio­ne i se­gua­ci: il ri­tor­no dei Dre­sden Dolls, il mi­ti­co duo punk ca­ba­ret che la lan­ciò in­sie­me a Brian Vi­glio­ne. So­lo due le da­te an­nun­cia­te, il 26 ago­sto a Bo­ston e il 27 al Co­ney Island Board­walk di Broo­klyn, ma co­no­scen­do­la non si pos­so­no esclu­de­re sor­pre­se.

AF­FA­RI DI FA­MI­GLIA

YOU GOT ME SIN­GING Jack & Amanda Pal­mer

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.