SEI IN­CIN­TA

SE HAI MAN­GIA­TO UN PA­NI­NO E TI DI­CO­NO: EV­VI­VA,

Vanity Fair (Italy) - - Week - di MI­CHE­LA MAR­ZA­NO

Jen­ni­fer Ani­ston è stu­fa. Stu­fa dei con­ti­nui gos­sip sul­la pro­pria vi­ta. Stu­fa dei pa­pa­raz­zi e del­le fo­to ru­ba­te. Stu­fa di es­se­re sem­pre co­stret­ta a giu­sti­fi­car­si. Stu­fa, so­prat­tut­to, di do­ver­si qua­si sen­ti­re in col­pa ogni vol­ta che è co­stret­ta a smen­ti­re il fat­to di es­se­re in­cin­ta. Tal­men­te stu­fa che, po­chi gior­ni fa, non ci ha pensato due vol­te pri­ma di di­re «ba­sta», la­scian­do­si an­da­re a un lun­go sfo­go sul suo blog sull’Huf­fing­ton Po­st.

Noi sia­mo com­ple­te sia se ab­bia­mo un com­pa­gno sia se non lo ab­bia­mo, sia se ab­bia­mo un fi­glio sia se non lo ab­bia­mo», ha scrit­to l’at­tri­ce, de­nun­cian­do non so­lo la ma­nia con­tem­po­ra­nea di giu­di­ca­re ogni per­so­na sul­la ba­se del suo aspet­to fi­si­co, ma an­che e so­prat­tut­to l’idea che una don­na deb­ba sem­pre e co­mun­que es­se­re «mo­glie» o «ma­dre». Per­ché una don­na sen­za fi­gli sa­reb­be ne­ces­sa­ria­men­te in­com­ple­ta, in­sod­di­sfat­ta, im­per­fet­ta e in­fe­li­ce? Che co­sa c’en­tra un fi­glio con la «com­ple­tez­za» o la «fe­li­ci­tà»? Per­ché ci si do­vreb­be il­lu­de­re di col­ma­re quel vuo­to che ca­rat­te­riz­za ognu­no di noi – vi­sto che se c’è una co­sa che ci ca­rat­te­riz­za tut­te e tut­ti è pro­prio quel­lo che non «sia­mo» e quel­lo che non «ab­bia­mo», in­di­pen­den­te­men­te da ciò che si «ha» e da ciò che si «è»?

Cer­to, ci so­no don­ne con­vin­te che una vi­ta sen­za fi­gli non ab­bia sen­so. Che sia giu­sto la­scia­re die­tro di sé una trac­cia e ave­re al­me­no un mo­ti­vo se­rio per cui al­zar­si la mat­ti­na e co­ri­car­si la se­ra. Or­ga­niz­za­no la pro­pria esi­sten­za in mo­do ta­le da re­sta­re in­cin­te, vi­ve­re al me­glio la pro­pria gra­vi­dan­za, di­ven­ta­re «mam­me a tem­po pie­no». Scel­ta le­git­ti­ma e sa­cro­san­ta an­che se, do­po un po’, tut­to ri­schia di gi­ra­re in­tor­no ai bam­bi­ni da ac­cu­di­re, all’av­ve­ni­re da co­strui­re, ai va­lo­ri da tra­smet­te­re. Ma poi ci so­no an­che le al­tre don­ne. Quel­le che pen­sa­no che i fi­gli sia­no un pe­so o una re­spon­sa­bi­li­tà trop­po gran­de, e al­lo­ra pre­fe­ri­sco­no ri­nun­cia­re al­la gra­vi­dan­za e de­di­car­si al­la pro­pria car­rie­ra. E ci so­no, so­prat­tut­to, quel­le che ma­ga­ri ci pen­sa­no trop­po tar­di o aspet­ta­no di in­con­tra­re la «per­so­na giu­sta» e che, quan­do de­ci­do­no che fi­nal­men­te ci so­no tut­te le con­di­zio­ni per di­ven­ta­re ma­dri, sco­pro­no che è trop­po tar­di. E ci so­no quel­le che, an­che se non han­no l’età da pen­sa­re «è trop­po tar­di», vor­reb­be­ro ma non pos­so­no. E, pian pia­no, riescono a far­se­ne una ra­gio­ne, e fa­ti­co­sa­men­te tro­va­no il mo­do per su­bli­ma­re il pro­prio de­si­de­rio di ma­ter­ni­tà. E non han­no bi­so­gno, sem­pli­ce­men­te per­ché il lo­ro cor­po sta cam­bian­do o han­no man­gia­to «un ham­bur­ger a pran­zo» (pa­ro­le di Jen­ni­fer Ani­ston), di su­bi­re, «spes­so una de­ci­na di vol­te in un gior­no, il do­lo­ro­so im­ba­raz­zo del­le con­gra­tu­la­zio­ni di ami­ci, col­le­ghi e sem­pli­ci pas­san­ti per una gra­vi­dan­za che non c’è».

Equin­di? Quin­di, ave­re o non ave­re fi­gli non è af­fat­to un do­ve­re. È so­lo uno dei tan­ti ele­men­ti del­la vi­ta. Una di quel­le co­se che con­tri­bui­sco­no a fa­re di ogni don­na la per­so­na che è. Né mi­glio­re né peg­gio­re, in fon­do. Esat­ta­men­te co­me il la­vo­ro che si sce­glie o che si su­bi­sce. O le per­so­ne che si ama­no. Che tal­vol­ta so­no esat­ta­men­te co­me pen­sa­va­mo che do­ves­se­ro es­se­re, ma che tan­te al­tre vol­te so­no del tut­to di­ver­se. Ave­re o non ave­re fi­gli è una del­le tan­te co­se che si «han­no» o me­no, che man­ca­no o me­no, che ci ren­do­no o me­no in­com­ple­te. Tan­to, lo ri­pe­to an­co­ra una vol­ta a co­sto di sem­bra­re no­io­sa o os­ses­si­va, nes­su­no di noi ha «tut­to». Ed è so­lo nel mo­men­to in cui riu­scia­mo a fa­re la pa­ce con l’in­com­ple­tez­za che im­pa­ria­mo ve­ra­men­te ad at­tra­ver­sa­re il vuo­to che ci por­tia­mo den­tro. Il pro­ble­ma, d’al­tron­de, non è mai il vuo­to. Il pro­ble­ma, sem­mai, è l’abis­so nel qua­le si spro­fon­da ogni­qual­vol­ta qual­cu­no – che giu­di­ca sem­pre dall’ester­no e in ba­se a pre­giu­di­zi e a idee pre­fab­bri­ca­te – re­pu­ta una don­na in­ca­pa­ce, in­sod­di­sfat­ta o in­com­ple­ta so­lo per­ché non è ma­dre.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.