MAM­MA, PA­PÀ, VI CHIE­DO SCU­SA

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino - Ca­ro Mas­si­mo,

Ti scri­vo per­ché de­vo del­le scu­se ai miei ge­ni­to­ri e non ho il co­rag­gio di guar­dar­li in fac­cia e por­ger­glie­le a vo­ce, né di chie­de­re lo­ro un ab­brac­cio e una ma­no per pren­de­re il con­trol­lo del­la mia vi­ta. Vor­rei tor­na­re a tre an­ni fa quan­do, rag­giun­ta la maturità clas­si­ca, ave­vo da­van­ti gran­di scel­te da com­pie­re. Vor­rei can­cel­la­re quel­le che ho fat­to e sce­glie­re di nuo­vo, con il sen­no di og­gi. Vor­rei non ave­re pre­so la fa­col­tà di Eco­no­mia, né l’uni­ver­si­tà po­co lon­ta­na da casa con cui mi so­no co­stret­ta a ri­ma­ne­re nel­la mia cit­tà. Vor­rei ave­re avu­to il co­rag­gio di sce­glie­re il per­cor­so di stu­di che mi ap­pas­sio­na­va, e di an­da­re via. Ho sba­glia­to a cul­lar­mi nel­la co­mo­di­tà di casa. So­no ri­ma­sta fi­glia in­ve­ce di di­ven­ta­re me stes­sa. Ho da­van­ti il vuo­to e al­le spal­le il fal­li­men­to: so­lo sei esa­mi. Chie­do scu­sa a mia ma­dre e a mio pa­dre, che me­ri­te­reb­be­ro la gio­ia di una fi­glia lau­rea­ta con il mas­si­mo dei vo­ti e la te­si con la de­di­ca «Ai miei ge­ni­to­ri». Chie­do scu­sa per­ché in que­sta eter­na lot­ta tra ciò che so­no e ciò che vor­rei es­se­re dav­ve­ro, le spe­se le pa­ga­no lo­ro. An­co­ra una vol­ta vor­rei il lo­ro con­for­to, la lo­ro as­so­lu­zio­ne. Mi an­go­scia la pau­ra che mi ve­da­no per quel­la che so­no. —ANO­NI­MA

«Mi an­go­scia la pau­ra…». In una so­la fra­se sei riu­sci­ta a ci­ta­re due vol­te la dit­ta fa­me­li­ca che gra­va sul­le no­stre vi­te con la mis­sio­ne so­cia­le di op­por­re re­si­sten­za al cam­bia­men­to. La «An­go­scia & Pau­ra». Pau­ra di per­de­re, di per­der­si, di so­gna­re so­gni trop­po gran­di. An­go­scia di sba­glia­re e di se­gui­re la vo­ce in­fal­li­bi­le dell’in­tui­zio­ne an­zi­ché i per­cor­si ras­si­cu­ran­ti del buon sen­so. Quan­te scel­te si com­pio­no ogni gior­no sul­la spin­ta del­la pau­ra. C’è chi ri­ma­ne in una sto­ria d’amo­re fi­ni­ta o mai real­men­te co­min­cia­ta per ter­ro­re del­la so­li­tu­di­ne; chi non si li­cen­zia da un la­vo­ro che lo ab­bru­ti­sce per il ti­mo­re, suf­fra­ga­to dal­le sta­ti­sti­che, di non riu­sci­re a tro­var­ne uno più adat­to; chi si iscri­ve al cor­so di stu­di sba­glia­to per non ri­nun­cia­re al­le cer­tez­ze e al­le co­mo­di­tà del­la vi­ta di sem­pre. Le scel­te di pau­ra so­no sor­ret­te da ra­gio­na­men­ti inec­ce­pi­bi­li e sug­gel­la­te dal mar­chio di ga­ran­zia del pen­sie­ro do­mi­nan­te: «Per­ché mol­la­re que­sto ra­gaz­zo che ti vuo­le be­ne per in­se­guir­ne uno che ma­ga­ri ti fa­rà sof­fri­re? Tut­ti gli amo­ri al­la lun­ga ap­pas­si­sco­no e tra qual­che an­no ti ri­tro­ve­rai in­sod­di­sfat­ta co­me ades­so. Tan­to va­le far­ti pia­ce­re quel­lo con cui stai e to­glier­ti cer­ti gril­li dal­la te­sta. Cre­sci!»; «Li­cen­ziar­ti da un po­sto si­cu­ro con la pe­nu­ria di la­vo­ro che c’è in gi­ro? E per co­sa, poi? Per in­se­gui­re la chi­me­ra del­la rea­liz­za­zio­ne per­so­na­le? Scen­di dal­le nu­vo­le e cre­sci!»; «Le fa­col­tà eco­no­mi­che e scien­ti­fi­che so­no le uni­che che ga­ran­ti­sco­no un fu­tu­ro e ne hai una sot­to casa. Vor­re­sti ri­nun­ciar­vi per an­da­re die­tro a un ca­pric­cio? La­scia per­de­re e cre­sci!». Co­sì, pau­ra do­po pau­ra, si cre­sce: cioè si di­ven­ta sem­pre più pic­co­li. Rat­trap­pi­ti. A vol­te me­schi­ni. La sof­fe­ren­za da cui la scel­ta di pau­ra vo­le­va pre­ser­var­ti ar­ri­va lo stes­so, ma in for­me più sub­do­le: de­pres­sio­ne, ci­ni­smo, pen­sie­ri chiu­si. Vuoi pro­va­re a ri­bal­ta­re il tuo pun­to di vi­sta? Non ve­drai più una ra­gaz­zi­na scon­fit­ta che ha per­so l’oc­ca­sio­ne del­la sua vi­ta e pas­se­rà il tem­po re­stan­te a com­pian­ger­si e a di­pen­de­re dall’ap­pro­va­zio­ne dei ge­ni­to­ri. Sco­pri­rai in­ve­ce una gio­va­ne don­na sen­si­bi­le e ma­tu­ra che sa ana­liz­za­re i pro­pri in­suc­ces­si con lu­ci­di­tà e ha già as­si­mi­la­to una le­zio­ne che nes­su­na uni­ver­si­tà trion­fa­le avreb­be mai po­tu­to in­se­gnar­le: che nel­la vi­ta non esi­sto­no scel­te giu­ste o sba­glia­te, ma scel­te di pas­sio­ne e scel­te di cal­co­lo, scel­te di co­rag­gio e scel­te di pau­ra. E le prime so­no sem­pre giu­ste, an­che se all’ini­zio ap­pa­io­no le più dif­fi­ci­li. Il pro­ble­ma è di­stin­gue­re il co­rag­gio dall’in­co­scien­za. Di­pen­de tut­to dal­la fon­te d’ispi­ra­zio­ne del­la tua scel­ta. Se par­te dal­la te­sta, è pro­ba­bi­le che co­man­di la pau­ra. Se dal­la pancia, che a det­tar­la sia l’in­co­scien­za. Le scel­te di pas­sio­ne e di co­rag­gio sgor­ga­no di­ret­ta­men­te dal cuo­re. Ter­mi­ne ro­man­ti­co per de­fi­ni­re la vo­ci­na in­te­rio­re che ti sus­sur­ra in­ces­san­te­men­te ciò che è ve­ra­men­te giu­sto per te. L’in­tui­zio­ne. Riat­ti­va­la e ti ac­cor­ge­rai che ha già in ser­bo le mos­se giu­ste. Co­me di­co­no gli in­dia­ni, al­la fi­ne an­drà tut­to be­ne e se ades­so non va be­ne vuo­le so­lo di­re che non è an­co­ra la fi­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.