JA­RED LE­TO DI­VEN­TA CAT­TI­VO

Vanity Fair (Italy) - - #VanitySocial -

Il Jo­ker è uno dei cat­ti­vi più fa­mo­si nel­la sto­ria dei fu­met­ti e del ci­ne­ma. Co­me è riu­sci­to a far­lo di­ven­ta­re suo? «Sa­pe­vo che do­ve­vo crea­re qual­co­sa di nuo­vo, e l’uni­co mo­do che ave­vo per far­lo mio era an­da­re in una di­re­zio­ne com­ple­ta­men­te di­ver­sa. Il bel­lo è che non ho avu­to re­go­le. Ve­de, quan­do si ac­cet­ta un ruo­lo, qual­sia­si ruo­lo, si di­ven­ta in par­te in­ve­sti­ga­to­ri e in par­te scrit­to­ri». I vec­chi film li ha guar­da­ti? «Per stu­dia­re sì, cer­to. Ma poi ho fat­to in mo­do di di­men­ti­ca­re tut­to, ho co­min­cia­to dav­ve­ro da ze­ro a co­strui­re il per­so­nag­gio». Il suo Jo­ker ha an­che emo­zio­ni e sentimenti? «È uno che go­de mol­tis­si­mo nel com­pie­re at­ti vio­len­ti e ma­ni­po­la­to­ri. La vio­len­za è una sin­fo­nia e lui ne è il di­ret­to­re d’or­che­stra. Inol­tre, ha una sen­si­bi­li­tà par­ti­co­la­re, sa sem­pre co­sa usa­re per far ma­le al­le per­so­ne». Di­co­no che lei ab­bia fat­to scher­zi cru­de­li agli al­tri mem­bri del ca­st, che fos­se sem­pre nel ruo­lo, an­che quan­do non gi­ra­va. «Ho fat­to quel­lo che ri­te­ne­vo ne­ces­sa­rio per la­vo­ra­re be­ne, per ot­te­ne­re una buo­na per­for­man­ce. Tan­ti pri­ma di me han­no in­ter­pre­ta­to il Jo­ker, e io vo­le­vo ren­de­re giu­sti­zia all’ot­ti­mo la­vo­ro svol­to in pre­ce­den­za. Un ruo­lo co­sì non è un la­vo­ro part ti­me, è qual­co­sa in cui ti de­vi im­mer­ge­re com­ple­ta­men­te e che pren­de il con­trol­lo del­la tua vi­ta, ma è un pro­ces­so ne­ces­sa­rio». Ar­ti­sta co­me de­fi­ni­zio­ne le pia­ce? «È quel­lo che so­no. So­no sta­to mu­si­ci­sta pri­ma di di­ven­ta­re at­to­re, e pri­ma an­co­ra ho fat­to il pit­to­re. Per me è sem­pre sta­to im­por­tan­te ri­ma­ne­re in con­tat­to con la mia par­te crea­ti­va, con­di­vi­de­re ed esplo­ra­re stru­men­ti di co­mu­ni­ca­zio­ne nuo­vi». La cam­pa­gna Car­re­ra 2016, di cui è pro­ta­go­ni­sta, è de­di­ca­ta agli an­ti­con­for­mi­sti e agli in­no­va­to­ri. Lei si con­si­de­ra ta­le? «Non spet­ta a me dir­lo, sa­reb­be pre­sun­tuo­so. Di si­cu­ro ho sem­pre mar­cia­to al mio rit­mo, e le scel­te che ho fat­to so­no sem­pre sta­te au­ten­ti­che ri­spet­to all’uo­mo che so­no. La cam­pa­gna co­mun­que è pen­sa­ta per ce­le­bra­re non me, ma tut­ti gli in­no­va­to­ri del mon­do, e in­fat­ti il pro­ces­so più in­te­res­san­te è sta­to se­le­zio­nar­li: spor­ti­vi, bal­le­ri­ni, mu­si­ci­sti, im­pren­di­to­ri». Dov’è og­gi la ve­ra in­no­va­zio­ne? «Pen­so all’in­ven­to­re di Uber o a quel­lo di Airbnb o, an­co­ra più in­die­tro, a Zuc­ker­berg: con le lo­ro idee han­no cam­bia­to la no­stra vi­ta. Cre­do che og­gi la crea­ti­vi­tà sia mol­to nell’im­pren­di­to­ria: mi ri­fe­ri­sco an­che a chi fa ri­cer­ca nel cam­po del­la sal­va­guar­dia dell’am­bien­te, o a chi è già pro­iet­ta­to nei viag­gi spa­zia­li». A pro­po­si­to: so che lei è an­che im­pren­di­to­re e che so­stie­ne eco­no­mi­ca­men­te di­ver­se star­tup. «Suo­na­re in una band e av­via­re un’azien­da so­no due co­se che han­no mol­to in co­mu­ne: en­tram­be co­min­cia­no da un grup­po di ra­gaz­zi chiu­si in un ga­ra­ge con le lo­ro idee».

NO­VI­TÀ Ja­red Le­to, 44 an­ni, dal 18 ago­sto in Sui­ci­de Squad è il Jo­ker. Per gli oc­chia­li Car­re­ra è in­ve­ce vol­to di una cam­pa­gna de­di­ca­ta agli in­no­va­to­ri di ogni set­to­re.

e Sui­ci­de Squad è il film più at­te­so dell’esta­te, il me­ri­to è so­prat­tut­to suo. Do­po Jack Ni­chol­son e do­po Hea­th Led­ger, Ja­red Le­to ve­sti­rà in­fat­ti i pan­ni del Jo­ker in que­sta sto­ria (al ci­ne­ma in Ita­lia dal 18 ago­sto) che met­te in­sie­me i cat­ti­vi del ci­ne­ma, con un ca­st for­ma­to fra gli al­tri da Will Smi­th, Mar­got Rob­bie, Ca­ra De­le­ving­ne, Vio­la Da­vis. Ma gli oc­chi sa­ran­no tut­ti pun­ta­ti sul Jo­ker. An­che per­ché se c’è una co­sa cui Le­to ci ha abi­tua­ti è l’in­ten­si­tà del­le sue ap­pa­ri­zio­ni, sia co­me at­to­re da Oscar (Dal­las Buyers Club) che co­me can­tan­te dei Thir­ty Se­conds to Mars o co­me vol­to del­la nuo­va cam­pa­gna de­gli oc­chia­li Car­re­ra. Co­sì po­lie­dri­co che rac­chiu­der­lo in una so­la eti­chet­ta è im­pos­si­bi­le: «So­no un ar­ti­sta, per me co­strui­re un ruo­lo è co­me la­vo­ra­re a una pic­co­la ope­ra d’ar­te. La sco­per­ta del per­so­nag­gio, il mo­do in cui pren­de vi­ta: è la par­te del la­vo­ro di at­to­re che mi pia­ce di più». ERE­DE DI JACK Con Mar­got Rob­bie, 26 an­ni, la per­fi­da Har­ley Quinn in­na­mo­ra­ta di lui in Sui­ci­de Squad. Nel film di Da­vid Ayer, che riu­ni­sce i cat­ti­vi dei DC Co­mics, Ja­red ri­pren­de il ruo­lo già in­ter­pre­ta­to da Jack Ni­chol­son e Hea­th Led­ger.

S

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.