AL­DO MON­TA­NO, SO­GNAN­DO L’ORO A RIO

Ot­to­bre 2015, un crac al­la spal­la. Sei me­si do­po, l’in­ter­ven­to: «Non vo­le­vo an­da­re in Bra­si­le tut­to bel­li­no e ve­sti­to di bian­co». Ora che par­te per la sua quar­ta Olim­pia­de, AL­DO MON­TA­NO sfo­de­ra la spa­da. E man­da un mes­sag­gio al­la fi­dan­za­ta

Vanity Fair (Italy) - - #VanitySocial - di MALCOM PA­GA­NI

Tren­ta­set­te an­ni, due caffè e qual­che sof­fe­ren­za. «Ho smes­so di fu­ma­re da due set­ti­ma­ne. Mi vo­la­va­no via due pacchetti al gior­no e il mio me­di­co mi ha fat­to no­ta­re che sto in­vec­chian­do: “Al­do, quin­di­ci an­ni fa ave­vi una ca­pa­ci­tà pol­mo­na­re di 9 li­tri, og­gi sei a po­co più di 6, te la dai una re­go­la­ta?”. Le sfi­de mi piac­cio­no e per ora mi ten­go a fre­no, ma è più fa­ci­le vin­ce­re a Rio che ab­ban­do­na­re il vi­ziac­cio». Al­do Mon­ta­no, co­me già suo non­no e suo pa­dre, an­drà all’Olim­pia­de ad agi­ta­re una scia­bo­la. È la quar­ta vol­ta. Ad Ate­ne, nel 2004, que­sto li­vor­ne­se dal­le fi­dan­za­te ap­pa­ri­scen­ti e dal sor­ri­so lar­go vin­se l’oro: «Es­ser­ci, que­sta vol­ta, è già un mi­ra­co­lo». Per l’età? «A ot­to­bre dell’an­no scor­so so­no an­da­to in pa­le­stra e nel fa­re un eser­ci­zio mi so­no sbi­lan­cia­to e ho sen­ti­to un crac. Era­va­mo nell’im­mi­nen­za del­le qua­li­fi­ca­zio­ni, la sta­gio­ne sta­va an­dan­do be­ne e non ci ho fat­to trop­po ca­so. Pas­sa­to un me­se il do­lo­re era au­men­ta­to, e do­po al­tri due era di­ven­ta­to in­sop­por­ta­bi­le. A feb­bra­io ave­vo tre ten­di­ni rot­ti. Il me­di­co mi ha det­to: “Se vuoi par­te­ci­pa­re puoi far­ce­la, ma se vuoi com­pe­te­re dav­ve­ro de­vi ope­rar­ti”. È sta­ta una scel­ta dif­fi­ci­le. Mi so­no con­fron­ta­to con l’ami­co, con lo spe­cia­li­sta, con il com­mis­sa­rio tec­ni­co, e poi ho avu­to la con­sul­ta­zio­ne più im­por­tan­te, quel­la con me stes­so: “Vuoi dav­ve­ro an­da­re in Bra­si­le tut­to bel­li­no e ve­sti­to di bian­co so­lo per una com­par­sa­ta?”. Mi so­no ri­spo­sto di no e mi so­no ope­ra­to». L’im­por­tan­te non è par­te­ci­pa­re? «Ne­gli an­ni ho im­pa­ra­to a vin­ce­re, a per­de­re e ad ama­re an­che la scon­fit­ta. Fa par­te del gio­co, mi fa in­caz­za­re e quin­di mi tie­ne vi­vo. Pe­rò lo spor­ti­vo non vi­ve di ri­cor­di. Si di­men­ti­ca in fret­ta di quel che ha vin­to ed è schia­vo di un mec­ca­ni­smo. Se si fer­ma o si sen­te ar­ri­va­to, è già fi­ni­to». Com’è la vi­ta vi­sta dal re­ti­co­la­to di una ma­sche­ra? «Un po’ più gri­gia e un po’ più sfo­ca­ta. Pen­si che io la scher­ma non vo­le­vo nean­che af­fron­tar­la. Ci fu una lot­ta fu­ri­bon­da tra me e mia so­rel­la. Lei era don­na e po­te­va fa­re un po’ co­me le pa­re­va, io ero ma­schio e c’era una que­stio­ne di di­scen­den­za. Pro­vai ad al­za­re il di­ti­no e me lo ab­bas­sa­ro­no su­bi­to: “Che co­sa vor­re­sti fa­re te? Fi­la in pe­da­na”». La di­scen­den­za, di­ce­va. «Mio non­no, la per­so­na che mi ha fat­to ap­pas­sio­na­re al­la scher­ma, era sta­to all’Olim­pia­de di Ber­li­no nel 1936. Mio pa­dre a quel­la di Mo­na­co nel 1972. Al­tri stret­tis­si­mi fa­mi­lia­ri ave­va­no vis­su­to nell’epi­ca dei cin­que cer­chi. Non ave­vo mol­ta scel­ta, ma la scher­ma da bam­bi­no al cir­co­lo Fi­des era po­co più di un do­po­scuo­la». La sua Li­vor­no da adolescente? «Co­me nel film Ovo­so­do di Pao­lo Vir­zì, nel qua­le re­ci­ta­ro­no tan­ti ami­ci. I Ba­gni Pan­cal­di, le ha­va­ia­nas ai pie­di, il ba­gno di not­te, la Terrazza Ma­sca­gni, il pa­ni­no di Gio­van­ni, il ba­gno di not­te per poi asciu­gar­si in mo­to­ri­no con il ve­nto».

Era già un con­qui­sta­to­re? «Ero ti­mi­dis­si­mo, schi­vo, im­pau­ri­to dal­le ra­gaz­ze. Quan­do usci­vo con i miei ami­ci, con il Cic­cio, il De­scia e con il più “fic­chi­no” Uc­cio, sta­vo sem­pre un pas­so in­die­tro e in avan­sco­per­ta man­da­vo lo­ro. Con i miei ri­cor­di ho un rap­por­to se­re­no. Un po’ di Li­vor­no la tro­vai an­che ad Ate­ne». Do­ve nel 2004 vin­se la me­da­glia d’oro, scia­bo­la in­di­vi­dua­le. «Quan­do pren­de­vo il so­le al cal­do asfis­sian­te del Pi­reo mi sem­bra­va di sta­re in via Mar­ra­di, a casa mia. Le ca­set­te bas­se del Vil­lag­gio olim­pi­co pa­re­va­no quel­le di San­to­ri­ni. Ad Ate­ne tro­vai il cli­ma idea­le per espri­mer­mi e ri­las­sar­mi, an­che se, pri­ma di par­ti­re, du­ran­te la pre­pa­ra­zio­ne a For­mia, ero sta­to ner­vo­sis­si­mo. Non so per­ché, for­se per la rab­bia, per l’ago­ni­smo o per l’adre­na­li­na, ero in­caz­za­to ne­ro e di­strug­ge­vo il ma­te­ria­le tec­ni­co, spa­de, ap­pa­rec­chi elet­tri­ci e ma­sche­re, ogni san­to gior­no. Lo stes­so fa­ce­va­no mol­ti miei com­pa­gni. Ch­ri­stian Bauer, il com­mis­sa­rio tec­ni­co fran­ce­se, ci la­sciò fa­re. Mi­se in un an­go­lo tut­ta la ro­ba sfon­da­ta e poi l’ul­ti­mo gior­no ce la mo­strò e ci dis­se: “Ave­te fat­to tut­to que­sto e ave­te sfo­ga­to la fiam­ma dell’ec­ces­so, ora cer­chia­mo di ra­gio­na­re e ve­dia­mo di an­da­re a fa­re una gran­de Olim­pia­de”». Per rea­liz­za­re gran­di ri­sul­ta­ti l’am­bien­te olim­pi­co è im­por­tan­te? «Fon­da­men­ta­le. A Pe­chi­no, nel 2008, vi­ve­va­mo in pa­laz­zo­ni gri­gi al­ti no­ve pia­ni. Tra atle­ti non ci in­con­tra­va­mo mai. Mi ven­ne una tri­stez­za tre­men­da. Una co­sa co­sì l’ho pro­va­ta so­lo ai Mon­dia­li fran­ce­si del 2010. Per­si e an­dai di­ret­ta­men­te in de­pres­sio­ne». Co­me an­dò? «Ero in van­tag­gio, poi all’im­prov­vi­so tut­to di­ven­tò fa­ti­co­so. Lui ri­mon­ta­va, e a ogni mo­vi­men­to a me sem­bra­va di pe­sa­re die­ci chi­li in più. Poi fe­ce un ge­sto ver­so il pub­bli­co, mi tra­sfor­mai e ti­rai fuo­ri l’ul­ti­mo li­tro di ben­zi­na. Ha vi­sto Pel­lè? Pro­vo­ca­re non è mai una buo­na idea. E non so­lo per­ché do­po quel­la smor­fia il gol lo de­vi fa­re». Non le è pia­ciu­to quel ge­sto ri­vol­to al por­tie­re te­de­sco Neuer du­ran­te i quar­ti di fi­na­le dell’Eu­ro­peo? «È un az­zar­do che nes­su­no do­vreb­be mai ri­schia­re. Puoi au­to­con­vin­cer­ti che fa­rai il cu­lo all’av­ver­sa­rio, ma non de­vi mo­stra­re le tue emo­zio­ni». Si vin­ce e si per­de, ci di­ce­va. «Pe­rò di­pen­de da co­me per­di. L’Ita­lia de­gli Eu­ro­pei è tor­na­ta tra gli ap­plau­si e Con­te è dav­ve­ro un gran­de al­le­na­to­re, ma di­cia­mo­ci la ve­ri­tà: han­no fat­to ap­pe­na il lo­ro do­ve­re. Noi non sia­mo il Gal­les o l’Islan­da che so­no so­lo sto­rie bel­le da rac­con­ta­re. Noi ab­bia­mo una re­spon­sa­bi­li­tà, se io in una mia ga­ra esco ai quar­ti di fi­na­le con­si­de­ro quel ri­sul­ta­to co­me un fal­li­men­to». Da Rio e dall’Olim­pia­de che co­sa si aspet­ta? «Me­glio non aspet­tar­si nien­te, è quan­do non ti aspet­ti nien­te che sor­pren­den­te­men­te ti ar­ri­va qual­co­sa». Lei nel 2020 avrà 41 an­ni. È ipo­tiz­za­bi­le una quin­ta Olim­pia­de. «A dir­la tut­ta, co­me età già ades­so sa­rei ar­ri­va­to al li­mi­te, ma l’ana­gra­fe non mi spa­ven­ta. Non pon­go li­mi­ti al di­ver­ti­men­to.

GIO­CHI VIR­TUA­LI Al­do Mon­ta­no è uno dei set­te atle­ti az­zur­ri del Sam­sung Ga­la­xy Team. At­tra­ver­so la cam­pa­gna Mol­to più che Olim­pia­di. Vi­vi Rio 2016 a 360°, po­tre­mo con­di­vi­de­re le emo­zio­ni dei tra­guar­di rag­giun­ti, gra­zie ai vi­deo di­spo­ni­bi­li sui ca­na­li Fa­ce­book e YouTu­be di Sam­sung.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.