IL SE­XY RI­TOR­NO DI MAM­MA MIETTA

Vanity Fair (Italy) - - #VanitySocial -

Da­van­ti all’obiet­ti­vo si muo­ve co­me un’at­tri­ce ro­da­ta. Smor­fie, sguar­di se­xy, gio­chi di gam­be, un ri­toc­co al­la scol­la­tu­ra per­ché non ec­ce­da. Da­nie­la Mi­gliet­ta – che 8 San­re­mo, un Trot­to­li­no amo­ro­so e 10 al­bum han­no re­so per tut­ti Mietta – nei 46 an­ni del suo ri­tor­no, con due film e un li­bro, si muo­ve fe­li­ce. E se do­po la na­sci­ta di Francesco Ian nel 2010 (Va­ni­ty Fair lo ave­va an­nun­cia­to con un ser­vi­zio in pan­cio­ne) e l’usci­ta dell’al­bum Due so­li… si era de­fi­la­ta dal­le sce­ne, ades­so ha una gran vo­glia di rac­con­ta­re co­me «ho im­pa­ra­to a pia­cer­mi, men­tre pri­ma ave­vo pa­rec­chie co­se da mo­di­fi­ca­re». Che co­sa ha mo­di­fi­ca­to, quin­di? «Tan­te pau­re: ver­so le per­so­ne, ver­so gli uo­mi­ni, ver­so la vi­ta. Francesco mi ha fat­to fa­re un gran­de sal­to di qua­li­tà, è l’ener­gia che mi ha re­sa mi­glio­re e mi ha por­ta­ta a di­ven­ta­re quel­la che ero pri­ma». Pri­ma di Mietta? «Sì. Da pic­co­la hai un rap­por­to mol­to sem­pli­ce con la vi­ta, poi il tuo ca­rat­te­re lo “spor­chi”, è un’evo­lu­zio­ne na­tu­ra­le: di­ven­ti qual­co­sa che non sei per pia­ce­re agli al­tri, per in­si­cu­rez­za. Io ne ho pre­so con­sa­pe­vo­lez­za e ci ho la­vo­ra­to so­pra». Da so­la? «Il mio mi­glior te­ra­peu­ta so­no io. Ho ri­sco­per­to l’in­tui­zio­ne che ave­vo da gio­va­ne, sen­za l’an­sia di do­ver di­re sem­pre la pa­ro­la giu­sta ma sen­ten­do­mi for­te an­che del­le mie de­bo­lez­ze. E ho ri­tro­va­to la Da­nie­la ca­pa­ce di vi­sua­liz­za­re co­se che poi suc­ce­de­va­no dav­ve­ro». Per esem­pio? «A 14 an­ni, pri­ma an­co­ra di pen­sa­re che vo­le­vo can­ta­re, ho vi­sto me stes­sa a San­re­mo. Ho vi­sto che avrei co­no­sciu­to Prin­ce, che ado­ra­vo, ed è suc­ces­so. So­gna­vo per­so­ne che non ve­de­vo da tem­po e po­chi gior­ni do­po le in­con­tra­vo. È una par­te di me che era an­da­ta per­sa: mi ero co­me smar­ri­ta, per an­ni ave­vo an­che sof­fer­to di at­tac­chi di pa­ni­co. Do­po il par­to, era co­me se la Da­nie­la don­na non si tro­vas­se più». La nuo­va Da­nie­la sta sem­pre con Da­vi­de Ta­glia­pie­tra, il pa­pà di Francesco? «La vi­ta è am­pia, l’amo­re c’è sem­pre». Quin­di? «Stia­mo in­sie­me. Ma se rac­con­to mi sem­bra di to­glie­re qual­co­sa». L’ar­ri­vo di un fi­glio può an­che tra­vol­ge­re la cop­pia. «Se stai be­ne con te, c’è sem­pre qual­cu­no che ti aspet­ta die­tro la por­ta». Un’af­fer­ma­zio­ne da don­na for­te. «Si­cu­ra­men­te so­no più for­te di quel­la che ero. Og­gi mi vo­glio be­ne. Ero ar­ri­va­ta a non vo­ler­me­ne af­fat­to». In Ciao Bro­ther, da po­co usci­to al ci­ne­ma, ha una pic­co­la par­te e due can­zo­ni. Una si in­ti­to­la Non sei so­lo. «La vi­ta è fat­ta per con­di­vi­de­re, non per sta­re so­li. Det­to que­sto, ri­ba­di­sco: è so­prat­tut­to su me stes­sa che fac­cio con­to. Mi so­no riap­pro­pria­ta di me e non ho bi­so­gno di chie­de­re agli al­tri amo­re o so­ste­gno. Quel­la è una de­bo­lez­za che non ti per­do­na­no». Ep­pu­re sa­per chie­de­re è im­por­tan­te. «Di­pen­de. Se ti la­men­ti, nes­su­no ti ascol­ta vo­len­tie­ri. Pri­ma di fa­re tut­to que­sto la­vo­ro su di me, ero chiu­sa in un mon­do mio per il ter­ro­re che ve­nis­se fuo­ri qual­co­sa di sba­glia­to. Ero tan­to an­ti­pa­ti­ca, per­ché la fra­gi­li­tà ren­de fa­sti­dio­si, ma a 40 an­ni mi­ca puoi es­se­re an­co­ra an­ti­pa­ti­ca. Cam­bia­re mi da­to si­cu­rez­za. Ri­spet­to al­la ge­lo­sia, per esem­pio». Era mol­to ge­lo­sa? «Lo ero per­ché non sta­vo be­ne». Ave­va ra­gio­ne di es­ser­lo? «No, mai. Ma quan­do c’era un pro­ble­ma ti­ra­vo sem­pre fuo­ri la ge­lo­sia co­me scu­sa». Dal pun­to di vi­sta pro­fes­sio­na­le, com’è la sua se­con­da vi­ta? «Vo­glio re­ci­ta­re, ho sem­pre de­si­de­ra­to far­lo pe­rò a un cer­to pun­to la mu­si­ca ha pre­so il so­prav­ven­to. Do­po Ciao Bro­ther, ho gi­ra­to La fu­ga di Ste­fa­no Cal­va­gna, do­ve fac­cio l’ispet­tri­ce di po­li­zia». Più che una po­li­ziot­ta, pe­rò, lei sem­bra una fem­me fa­ta­le: co­me cam­bia la sen­sua­li­tà ne­gli an­ni? «Al­lo spec­chio ap­pa­re qual­che ru­ga in più. Pe­rò mi ac­cor­go che pri­ma gli uo­mi­ni mi guar­da­va­no e ve­de­va­no una mam­ma, ades­so che ho ri­pre­so la mia sen­sua­li­tà in ma­no so di pia­ce­re». Con­ti­nua a par­la­re del «pri­ma». Quan­to è du­ra­to, que­sto pri­ma? «Un pa­io d’an­ni. Ma è fi­ni­ta. Ho an­che scrit­to un li­bro, Tra l’ac­qua e l’olio: ac­qua per­ché io del ma­re vi­vo, e olio per­ché è il frut­to del­la mia ter­ra (Da­nie­la è na­ta a Ta­ran­to, ndr). Ho ri­tro­va­to i ri­ti che fa­ce­vo con mia non­na, co­me la pre­ghie­ra a San­ta Mo­ni­ca per sco­pri­re dai se­gna­li lun­go la stra­da – una por­ta che si apri­va, un gat­to che pas­sa­va – il de­sti­no del­le per­so­ne ca­re». E la mu­si­ca? «In que­sti an­ni è tan­to cam­bia­ta, viag­gia su piat­ta­for­me di­gi­ta­li, i so­cial so­no de­ter­mi­nan­ti, ci so­no i ta­lent... Ve­dre­mo. Per ora ho scrit­to le can­zo­ni del film». Vi­sta la sua pas­sio­ne per il ci­ne­ma, co­me va con i rim­pian­ti per non aver ac­cet­ta­to 007 o non ave­re fat­to Il po­sti­no? «Il se­con­do non è di­pe­so da me, il pri­mo non l’ho pre­so al vo­lo». Per­ché non l’ha pre­so al vo­lo? «Per la pau­ra di vo­la­re, e non è una bat­tu­ta. La pau­ra di sa­li­re su un ae­reo è una del­le co­se su cui sto an­co­ra la­vo­ran­do. Con un po’ di dif­fi­col­tà». E un po’ di va­lium? «No, con il mio ro­sa­rio. Pre­ga­re mi ri­met­te in se­sto». Guar­dia­mo al fu­tu­ro: nel per­so­na­le co­me si vi­sua­liz­za? «Con mio fi­glio Francesco e con qual­cu­no che amo. Pen­so di es­se­re sul­la buo­na stra­da per ar­ri­va­re a qual­co­sa d’im­por­tan­te». Ave­va rac­con­ta­to a Va­ni­ty Fair che ama le fa­vo­le. Qua­li rac­con­ta a suo fi­glio? «Le in­ven­to. Per esem­pio quel­la di Me­ri­na, pic­co­la co­me un fiam­mi­fe­ro, che vi­ve nel­la ta­sca del suo pa­pà, fin­ché un gior­no si co­strui­sce una ca­set­ta con l’aiu­to dei suoi ami­ci to­po­li­ni».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.