PER­CHÉ NON CI SO­NO IO?»

«A 15 AN­NI HO VI­STO UNA DEL­LA MIA ETÀ IN TV. DI­CE­VA UNA BAT­TU­TA, MALUCCIO. HO PEN­SA­TO: PER­CHÉ LÌ C’È LEI?

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Copertina -

una co­sa che mi ha det­to Ca­ra De­le­ving­ne, an­che lei in Suicide Squad: «A Hol­ly­wood tut­ti si com­por­ta­no co­me se ve­nis­se­ro con­ti­nua­men­te spia­ti. Margot no: lei bal­la co­me se nes­su­no stes­se guar­dan­do». Si so­no co­no­sciu­te in oc­ca­sio­ne di un in­vi­to al ca­stel­lo di Wind­sor. Al ca­me­rie­re che chie­de­va: «Cham­pa­gne o ac­qua?», Margot ha ri­spo­sto: «Ve­ra­men­te vor­rei una te­qui­la». Ca­ra, che era a po­chi pas­si di di­stan­za, ha driz­za­to le orec­chie: «Qual­cu­no ha det­to te­qui­la?». È ini­zia­ta co­sì un’ami­ci­zia fat­ta, tra le al­tre co­se, di scher­zi te­le­fo­ni­ci. Per esem­pio, man­da­re lo stes­so mes­sag­gi­no nel­lo stes­so mo­men­to al­la stes­sa per­so­na. Nel­la fat­ti­spe­cie, il prin­ci­pe Har­ry, vec­chio ami­co del­la De­le­ving­ne («Uno co­sì sim­pa­ti­co e nor­ma­le che, la pri­ma vol­ta che me lo ha pre­sen­ta­to, nep­pu­re ho ca­pi­to che era lui»). Te­sto del mes­sag­gio: «Ho fat­to un so­gno e nel so­gno c’eri tu». Ri­spo­sta: «È evi­den­te che voi due sie­te in­sie­me, pe­rò es­se­re nei vo­stri so­gni è sem­pre un pia­ce­re». ob­bie si sfi­la i cal­zon­ci­ni e sci­vo­la in ac­qua co­me una la­ma. Quan­do rie­mer­ge, con i ca­pel­li li­scia­ti in­die­tro, ca­pi­sco chi mi ri­cor­da­va: Mar­gaux He­ming­way, in un fa­mo­so scat­to di Dou­glas Kir­kland de­gli an­ni Set­tan­ta. Esce dal­la pi­sci­na e si sten­de sul­la sdra­io. Le di­co del­la so­mi­glian­za, e lei cer­ca la fo­to su Goo­gle. «Ac­ci­den­ti, che splen­do­re». For­se per via dell’ado­le­scen­za da sur­fi­sta, il pia­ce­re dell’at­ti­vi­tà fi­si­ca sem­bra su­pe­ra­re per lei tut­to il re­sto (an­che se ado­ra i red car­pet: «O me­glio, mi pia­ce la pre­pa­ra­zio­ne, più che l’even­to in sé»). La ten­den­za a ve­sti­re sem­pli­ce è an­che una stra­te­gia. Per­si­no qui in al­ber­go pas­sa inos­ser­va­ta. «Se mi ve­sto co­sì nes­su­no mi no­ta. È quan­do mi truc­co, mi ve­sto be­ne e mi fac­cio i ca­pel­li che non rie­sco a fa­re die­ci me­tri sen­za che mi ri­co­no­sca­no». Le di­co che il suo no­me si può scri­ve­re in mol­ti mo­di: Mar­gaux, Mar­go, Margot. «Di­ce­vo sem­pre: “Mam­ma, c’era un mo­do sem­pli­ce per scri­ve­re il mio no­me, e tu hai scel­to quel­lo che sba­glia­no tut­ti. O si di­men­ti­ca­no la “t”, op­pu­re la pro­nun­cia­no», rac­con­ta ri­den­do (da bam­bi­na il suo

Rso­pran­no­me era Mag­got, «ver­mi­cel­lo»). «Ora fi­nal­men­te lo scri­vo­no giu­sto. È lì che ho ca­pi­to di aver­ce­la fat­ta». Margot è cre­sciu­ta con la ma­dre Sa­rie Kes­sler, fi­sio­te­ra­pi­sta, più due fra­tel­li e una so­rel­la in una ca­sa mi­nu­sco­la (i ge­ni­to­ri han­no di­vor­zia­to quand’era pic­co­la). «Per mia ma­dre ho un’ado­ra­zio­ne», di­ce. «È una crea­tu­ra su­bli­me e con il cuo­re più pu­ro che esi­sta». Fi­nia­mo a par­la­re dei pun­ti in co­mu­ne fra le no­stre in­fan­zie: un sac­co di fi­gli, una ca­sa con un so­lo ba­gno, tut­ti che si sbat­to­no per far qua­dra­re i con­ti. Il clas­si­co con­te­sto che può in­stil­la­re un’am­bi­zio­ne di­vo­ran­te. «Fre­quen­ta­vo una scuo­la do­ve i miei ami­ci era­no be­ne­stan­ti», rac­con­ta, «e a ca­sa lo­ro ci an­da­vo spes­so, per cui sa­pe­vo com’era la ric­chez­za. So­lo che io i sol­di non li ave­vo, e quin­di pen­sa­vo: “Ec­co, io so esat­ta­men­te co­sa vo­glio”». Ha fat­to di­ver­si la­vo­ret­ti – ser­vi­to al bar, pre­pa­ra­to pa­ni­ni, ven­du­to ta­vo­le da surf – e que­sto, di­ce, le ha da­to una gran­de si­cu­rez­za. «Fin­ge­re di es­se­re quel­lo che vor­re­sti es­se­re, fin­ché non lo sei dav­ve­ro: è un truc­co che con me ha fun­zio­na­to al­la gran­de. Più ci pro­vi, più ti ren­di con­to che nes­su­no sa dav­ve­ro co­sa sta fa­cen­do. Fin­go­no an­che lo­ro, per­ché nes­su­no sa sem­pre e fi­no in fon­do quel­lo che sta fa­cen­do. De­vi so­lo dar­ti da fa­re». E il suo mo­do di dar­si da fa­re ha in­di­riz­za­to la car­rie­ra di Robbie pri­ma an­co­ra che co­min­cias­se. «Un gior­no sta­vo guar­dan­do la Tv, avrò avu­to quin­di­ci an­ni. In una sce­na c’era una ra­gaz­za del­la mia età che di­ce­va una bat­tu­ta, e la di­ce­va maluccio. Al che ho pen­sa­to: “Ma per­ché lì c’è lei? Per­ché non ci so­no io?”». ut­te le per­so­ne con cui ho par­la­to di Margot Robbie, sen­za ec­ce­zio­ni, sot­to­li­nea­no due co­se: che è sem­pre pron­ta a pro­va­re co­se nuo­ve e che ha la sba­lor­di­ti­va ca­pa­ci­tà di es­se­re bra­va in tut­to. Un pa­io d’an­ni fa, quan­do nel­la ca­sa di Londra era­no an­co­ra in ot­to, Robbie ha sta­bi­li­to una re­go­la: nes­su­no ci vie­ne a vi­ve­re se non si fa il tatuaggio del­la ca­sa. Han­no quin­di tro­va­to un ta­tua­to­re di no­me Pe­dro. Un gior­no, men­tre lui ta­tua­va Ac­ker­ley, lei lo ha im­plo­ra­to di la­sciar­la

Tpro­va­re. «Ho un’at­tra­zio­ne mor­bo­sa per gli aghi», spie­ga, «mi è an­che ca­pi­ta­to di fa­re dei pier­cing». Al­la fi­ne Pe­dro le ha ce­du­to lo stru­men­to, Ac­ker­ley si è ar­re­so, e in­som­ma: le è pre­sa la pas­sio­ne. Co­me re­ga­lo di fi­ne ri­pre­se do­po Tar­zan, So­phia – l’ami­ca/coin­qui­li­na/so­cia – le ha com­pra­to su eBay una mac­chi­net­ta per fa­re i ta­tuag­gi. «Tra un ciak e l’al­tro di Suicide Squad ave­vo la gen­te che ve­ni­va nel­la mia rou­lot­te di­cen­do: “Ehi Margs, me lo fai un tatuaggio?”». A Ca­ra De­le­ving­ne ha per­si­no fat­to una co­sa che lei chia­ma «toe­mo­ji», cin­que fac­cet­te sot­to le di­ta dei piedi (in in­gle­se, toes). «Do­po­di­ché ab­bia­mo de­ci­so di far­ci tut­ti un tatuaggio “Squad”, Da­vid Ayer in­clu­so (so­lo Will Smi­th si è ri­fiu­ta­to, di­cen­do di es­se­re “trop­po adul­to”, ndr)». Ades­so, quan­do viag­gia, la mac­chi­net­ta se la por­ta sem­pre die­tro. u nel­la sui­te, do­ve So­phie è al te­le­fo­no con il set in Un­ghe­ria, in po­chi se­con­di Margot tra­sfor­ma il ta­vo­lo da pran­zo in una bot­te­ga da ta­tua­tri­ce. Un lap­top spa­ra a tut­to vo­lu­me i Rol­ling Sto­nes, e lei sta per far­mi il mio pri­mo tatuaggio. Per­ché no? Per un ar­ti­co­lo, que­sto e al­tro. Ab­bia­mo op­ta­to per il nu­me­ro cin­que in ca­rat­te­ri ro­ma­ni (V), vi­sto che com­pio gli an­ni il 5 mag­gio e ho il co­gno­me che ini­zia per «V». Fa qual­che schiz­zo su car­ta, poi sul mio brac­cio e, do­po una fal­sa par­ten­za, nel gi­ro di po­chi mi­nu­ti è co­sa fat­ta. Mi pia­ce mol­to, le di­co. «Co­me so­no fe­li­ce!». In quel mo­men­to So­phia gri­da: «Od­dio, guar­da­te il cie­lo!». In si­len­zio, fis­sia­mo la lu­na più gran­de, lu­mi­no­sa e aran­cio­ne che io ab­bia mai vi­sto. E Margot Robbie, la stel­la di un al­tro fir­ma­men­to, mi fa: «C’è que­sta lu­na, ci so­no i Rol­ling Sto­nes, e io ti ho ap­pe­na fat­to un tatuaggio. Dev’es­se­re que­sta co­sa qui, Hol­ly­wood».

(tra­du­zio­ne di Mat­teo Co­lom­bo)

S

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.