TRASGRESSIONE

LUI È IL MIO PIC­CO­LO AN­GO­LO DI

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino -

ésta­to il clas­si­co in­con­tro: lui bel­lo, bel­lis­si­mo, io la ra­gaz­za del­la por­ta ac­can­to, vi­te e mon­di di­ver­si. Ma lo ve­do an­co­ra, e lo ri­ve­do, e ogni vol­ta esplo­de la pas­sio­ne, an­zi lui ogni vol­ta mi vuo­le di più, co­sì co­me ogni vol­ta di più lo vo­glio io. Non è giu­sto nei con­fron­ti dei ri­spet­ti­vi com­pa­gni di vi­ta, poi pe­rò pen­si: è il mio pic­co­lo an­go­lo di trasgressione, di eva­sio­ne, di pas­sio­ne pu­ra. Ma ades­so ho pau­ra che nel­la sua te­sta ci sia qual­co­sa in più: an­che se non vuo­le ri­nun­cia­re al­la sua vi­ta, nel no­stro ul­ti­mo in­con­tro mi ha det­to che non rie­sce a star­mi lon­ta­no, e ha usa­to dei «for­se» e dei «ma» che non mi aspet­ta­vo. So­lo che se gli chie­do di spie­gar­si me­glio – io che non pos­so vi­ve­re nei «for­se» e nei «ma» – lui spa­ri­sce. Già la mia vi­ta è un di­sa­stro: ci si met­te an­che que­sto in­con­tro a scon­vol­ger­mi la par­ven­za di nor­ma­li­tà che ho fa­ti­co­sa­men­te co­strui­to. Ma cre­do nel de­sti­no, ne­gli in­con­tri del­la vi­ta, nel­le per­so­ne che de­vo­no far par­te del­la tua stra­da, an­che se è la par­te sba­glia­ta del­la stra­da. Che co­sa fac­cio? Con­ti­nuo a la­sciar­mi an­da­re, o pro­vo a im­pa­ra­re a di­re di no a que­gli oc­chi che mi bru­cia­no l’ani­ma? Vo­glio una via di usci­ta, e for­se non so­no co­sì forte co­me cre­do. —G im­ma­gi­na­bi­le e si­cu­ra­men­te com­pren­si­bi­le, non te la sen­ti di sep­pel­li­re. C’è pe­rò un vuo­to di pas­sio­ne nel­la tua vi­ta e que­st’uo­mo bel­lo e di­ver­so si è in­ca­ri­ca­to di riem­pir­lo. Ma le re­la­zio­ni non stan­no mai fer­me e ades­so lui vuo­le e di­svuo­le, la­scia in­ten­de­re che po­treb­be tra­sfor­ma­re l’av­ven­tu­ra in qual­co­sa di più sta­bi­le, ma men­tre lo di­ce si scon­tra co­me te con la du­ra pro­sa del­la real­tà: una mo­glie che non mol­la, dei fi­gli che han­no bi­so­gno di cre­de­re al­la com­me­dia del­la fa­mi­glia uni­ta e fe­li­ce, am­bien­ti so­cia­li di pro­ve­nien­za trop­po dif­for­mi. Tu non lo rac­con­ti con pre­ci­sio­ne, an­che se ce lo la­sci in­tui­re, ma co­mun­que sa­per­lo non ha poi tut­ta que­sta im­por­tan­za. Ba­sta ave­re chia­ro che al mo­men­to nes­su­no dei due è in gra­do di sem­pli­fi­ca­re la pro­pria vi­ta chiu­den­do il ma­tri­mo­nio o la re­la­zio­ne pa­ral­le­la. La ten­ta­zio­ne di non sce­glie­re, pro­ce­den­do per ac­cu­mu­la­zio­ne, è forte, ma non tut­ti so­no in gra­do di reg­ger­la. Il ti­ra e mol­la lo­go­ra e può fa­re col­las­sa­re gli amo­ri na­scen­ti e ap­pa­ren­te­men­te in­fran­gi­bi­li. Se abi­tas­si­mo nel mi­glio­re dei mon­di pos­si­bi­li ti sug­ge­ri­rei di con­ge­la­re la pas­sio­ne mon­tan­te, ri­sol­ve­re una vol­ta per tut­te il tuo ma­tri­mo­nio e poi – in ca­so di rot­tu­ra – tor­na­re li­be­ra e leg­ge­ra a con­cen­trar­ti sul nuo­vo amo­re, che na­tu­ral­men­te, in que­sto qua­dret­to idil­lia­co, avreb­be prov­ve­du­to nel frat­tem­po a fa­re al­tret­tan­ta chia­rez­za nel suo cam­po. Ma il mon­do in cui ci toc­ca vi­ve­re è quel­lo che è: im­per­fet­to, in­coe­ren­te, con­trad­dit­to­rio, go­ver­na­to da no­bi­li idea­li e da oscu­re pul­sio­ni. Quin­di l’uni­co con­si­glio non ipo­cri­ta che mi sen­to di dar­ti è di lasciare de­ci­de­re i tuoi bi­so­gni. Tan­to so­no sem­pre lo­ro al­la fi­ne a pren­de­re il so­prav­ven­to, per­si­no sui de­si­de­ri. AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.