PORNO SU­BI­TO

Ave­te fa­mi­lia­ri­tà con ter­mi­ni co­me «ton­gue war», «th­ree­so­me», «gang­bang»? So­no ca­te­go­rie di YOUPORN, il ca­na­le ero­ti­co on­li­ne, che com­pie 10 an­ni. Un quar­to de­gli uten­ti è don­na: una di lo­ro rac­con­ta per­ché lo fa

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di MI­CHE­LE NE­RI

l fat­to che ra­gaz­ze e gio­va­ni adul­te con­su­mi­no porno on­li­ne è ga­ran­ti­to dal gran­de ba­zar di vi­deo in Re­te, YouPorn, che il 28 ago­sto com­pie 10 an­ni. Un uten­te su 3 del ce­le­bre si­to per adul­ti, in­fat­ti, ne­gli Sta­ti Uni­ti è don­na. An­che da noi si par­la di un ter­zo. E la fa­scia d’età 18-30 su­pe­ra il 50%. Ma tro­va­re tra que­sti nu­me­ri una vo­ce rea­le non è fa­ci­le. Ma­ga­ri – di­co­no sem­pre le sta­ti­sti­che – ma­schi e fem­mi­ne pre­fe­ri­ran­no an­che gli stes­si vi­deo hard, ma le don­ne non lo sban­die­ra­no, nem­me­no al­le ami­che. Eli­sa, 21 an­ni, stu­den­tes­sa ro­ma­na, ha un cor­teg­gia­to­re cui ce­de «sol­tan­to quan­do non pos­so fa­re a me­no»; non si sen­te fi­dan­za­ta e per que­sto even­to nu­tre aspet­ta­ti­ve mol­to al­te, an­che ero­ti­che. Nell’at­te­sa, qua­si fos­se un ele­men­to in più del cor­re­do, guar­da qual­che porno. Che co­sa ci tro­vi? «È istrut­ti­vo pe­rò di­ver­ten­te: ca­pi­sco se c’è qual­co­sa che poi vor­rei fa­re dav­ve­ro». Non lo fai per ec­ci­tar­ti? «Cer­to, pe­rò mi pia­ce sco­pri­re co­se che non co­no­sco, che non so se fa­rei, e di cui non so con chi par­la­re». Per esem­pio?

IU­na fo­to se­xy di Me­la­nia Trump (a de­stra) pub­bli­ca­ta da Max Fran­cia nel 1996. La mo­glie di Do­nald Trump sa­reb­be la pri­ma fir­st la­dy ame­ri­ca­na ex mo­del­la di in­ti­mo. «Pro­va­re un gior­no un rap­por­to le­sbo. I miei ge­ne­ri pre­fe­ri­ti su You­Tu­be si chia­ma­no “wet ton­gue kis­sing”, “le­sbian kis­sing” o “ton­gue war”». E com’è la tra­ma? «Di so­li­to c’è una ra­gaz­za le­sbi­ca più gran­de che se­du­ce una più ine­sper­ta. O una milf (acro­ni­mo di Mo­ther I’d Li­ke to F***, “ma­dre con cui vor­rei fa­re ses­so”, ndr) che si fa un’ami­ca del­la fi­glia. Io pen­so di es­se­re quel­la che vie­ne co­stret­ta, e all’ini­zio re­si­ste poi ce­de. Ce n’è uno in cui tre ho­stess giap­po­ne­si si ba­cia­no. Ri­man­go­no ve­sti­te, mi ba­sta il ru­mo­re dei ba­ci...». Guar­di so­lo vi­deo le­sbo? «Quan­do so­no tran­quil­la al com­pu­ter, ten­go tan­te fi­ne­stre aper­te, e ol­tre ai le­sbo, in que­sto pe­rio­do scel­go i “th­ree­so­me”, ma con due ma­schi, o le “gang­bang” all’aper­to o in pa­le­stra». Li guar­di fi­no in fon­do? «Qua­si mai: pas­so di con­ti­nuo da uno all’al­tro, si as­so­mi­glia­no tut­ti, o so­no io trop­po cu­rio­sa». Li ve­di col tuo ra­gaz­zo? «No. Pen­se­reb­be su­bi­to che vo­glio fa­re que­ste co­se con lui». La si­tua­zio­ne ti­pi­ca? «Nel­la mia ca­me­ra con il com­pu­ter ac­ce­so, un po’ stu­dio, o chat­to, ma poi mi pren­de la cu­rio­si­tà di ve­de­re co­sa c’è di nuo­vo. Quan­do si co­min­cia, è dif­fi­ci­le smet­te­re. Poi tor­no a stu­dia­re». Pau­ra di es­se­re sco­per­ta? «Can­cel­lo la cro­no­lo­gia. E poi ten­go l’au­dio a ze­ro. Tan­to dà più fa­sti­dio che al­tro».

MÉNAGE À TRUMP

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.