BUTTATO TUT­TO FUO­RI»

Vanity Fair (Italy) - - Copertina Vanity -

Og­gi co­me og­gi po­trei be­nis­si­mo crea­re una can­zo­ne tri­ste e tor­men­ta­ta sen­za per for­za es­ser­lo, so­lo at­tin­gen­do a sta­ti d’ani­mo ed emo­zio­ni pas­sa­te. Ades­so la mia prio­ri­tà è ser­vi­re la mu­si­ca: quan­do scri­vo, fac­cio quel­lo che può ren­de­re la can­zo­ne la mi­glio­re pos­si­bi­le. Men­tre com­pon­go ar­ri­vo sem­pre a un pun­to in cui mi chie­do se sia me­glio pren­de­re la strada del­la fan­ta­sia o ri­ma­ne­re fe­de­li al­la real­tà: la ve­ri­tà è che non c’è una ri­spo­sta giu­sta o sba­glia­ta, di­pen­de dal­la si­tua­zio­ne. Ha pre­sen­te i film trat­ti da una sto­ria ve­ra? Ec­co, per le canzoni è un po’ lo stes­so: so­no ba­sa­te sul­la real­tà, ma non so­no mai del tut­to rea­li». Quin­di nel ca­so di bra­ni co­me Cry Me a Ri­ver scri­ve­re è ca­tar­ti­co? «Esat­to. Lo fai per­ché de­vi but­ta­re tut­to fuo­ri, e poi stai me­glio». Pri­ma par­la­va dell’in­fe­li­ci­tà co­me del sen­ti­men­to di chi si sen­te esclu­so. Lei l’ha mai pro­va­to? «Da ra­gaz­zi­no, co­me ca­pi­ta a tan­ti». Ma lei a 12 an­ni era già una pic­co­la star, pro­ta­go­ni­sta del pro­gram­ma Tv The Mic­key Mou­se Club. «Ap­pun­to. Sic­co­me ballavo e cantavo, gli al­tri bam­bi­ni mi guar­da­va­no e trattavano in mo­do di­ver­so. E io stes­so mi sentivo di­ver­so, qua­si non ap­par­te­nes­si al lo­ro mon­do. In fon­do è sta­to un be­ne, per­ché mi ha fat­to sco­pri­re che co­sa ci fos­se in me di spe­cia­le». Ades­so che è adul­to e può va­lu­ta­re con una pro­spet­ti­va, pen­sa che di­ven­ta­re fa­mo­si da mol­to gio­va­ni sia ri­schio­so? «Nel di­ven­ta­re fa­mo­si c’è sem­pre una com­po­nen­te di ri­schio e, cer­to, da bam­bi­ni è più al­ta. I bam­bi­ni do­vreb­be­ro ri­ma­ne­re ta­li il più a lun­go pos­si­bi­le. Io so­no sta­to for­tu­na­to per­ché ho po­tu­to con­ti­nua­re ad an­da­re a scuo­la, gio­ca­re nel­la squa­dra di pal­la­ca­ne­stro, pren­de­re brut­ti vo­ti e fa­re a bot­te con gli ami­ci». Ad al­tri at­to­ri bam­bi­ni non è an­da­ta co­sì be­ne. Che co­sa ha im­pe­di­to a lei di per­der­si o di ri­ma­ne­re un vi­zia­to a vi­ta? «La fa­miglia. Io e mia ma­dre sia­mo sem­pre sta­ti mol­to uni­ti e, an­che se i miei ge­ni­to­ri han­no di­vor­zia­to pre­sto, lei si è ri­spo­sa­ta quan­do ave­vo 5 an­ni, quin­di in ca­sa una fi­gu­ra pa­ter­na non è mai man­ca­ta. E poi ero mol­to vi­ci­no a mio non­no, che pur­trop­po è mor­to tre an­ni fa». La pri­ma vol­ta da­van­ti a un pub­bli­co se la ri­cor­da an­co­ra? «Il pri­mo ri­cor­do di me su un pal­co ri­sa­le a quan­do cantavo go­spel in chie­sa. E poi c’è sta­to un con­cor­so ca­no­ro a cui ave­vo sup­pli­ca­to mia ma­dre di por­tar­mi. Lo vin­si. Ri­cor­do che la mam­ma dis­se: “Ma al­lo­ra vuoi dav­ve­ro can­ta­re!”». Si sen­te di­ver­so co­me ar­ti­sta da quan­do è di­ven­ta­to pa­dre? «La pa­ter­ni­tà ti cam­bia chi­mi­ca­men­te. Ogni mo­le­co­la del tuo cor­po si tra­sfor­ma. Non so se com­pon­go le canzoni in mo­do di­ver­so, for­se è trop­po pre­sto per dir­lo, ma di si­cu­ro so­no di­ver­se le mo­ti­va­zio­ni. Pri­ma di Si­las ogni scel­ta pro­fes­sio­na­le ri­guar­da­va me e so­lo me. Fa­ce­vo co­se per di­ver­tir­mi, per spe­ri­men­ta­re. Ora sen­to mol­to for­te la re­spon­sa­bi­li­tà di prov­ve­de­re a lui e al­la mia fa­miglia, per cui mi con­cen­tro di più su quel­lo che so fa­re be­ne». Di­ven­ta­re pa­dre è co­me se lo era im­ma­gi­na­to? «Non si può espri­me­re a pa­ro­le. Quan­do gli ami­ci con fi­gli mi di­ce­va­no che era in­spie­ga­bi­le, io non ci cre­de­vo, e in­ve­ce ave­va­no pro­prio ra­gio­ne. È un’espe­rien­za che ti cam­bia la vi­ta per sem­pre. L’al­tro gior­no io e Jes­si­ca ci sia­mo guar­da­ti e ci sia­mo det­ti: “Ma co­me fa­ce­va­mo pri­ma?”. Da quan­do è na­to Si­las sem­bra im­pos­si­bi­le pen­sa­re a un tem­po in cui non c’è sta­to». Ho let­to un’intervista in cui di­scu­te­va di pan­no­li­ni: non mi di­ca che è in quel­la fa­se in cui par­la di cac­ca tut­to il tem­po. «Non tut­to il tem­po, ma è un ar­go­men­to di con­ver­sa­zio­ne, sì. Ec­co, cam­bia­re i pan­no­li­ni è un’al­tra di quel­le co­se che quan­do ti rac­con­ta­no che la fa­rai ti sem­bra im­pos­si­bi­le e in­ve­ce, quan­do ci sei, di­ven­ta as­so­lu­ta nor­ma­li­tà». Lei è na­to nel Ten­nes­see: voi del Sud ave­te fa­ma di es­se­re dei gen­ti­luo­mi­ni, mol­to ga­lan­ti, sem­pre edu­ca­ti, per­si­no un po’ for­ma­li. Si ri­co­no­sce nel­lo ste­reo­ti­po? «Le buo­ne ma­nie­re fan­no par­te del no­stro Dna, co­me la pas­sio­ne per voi ita­lia­ni. In ca­sa dei miei ge­ni­to­ri pa­ro­le co­me “gra­zie, pre­go, per fa­vo­re, scu­sa” era­no d’ob­bli­go, co­sì co­me apri­re la por­tie­ra del­la mac­chi­na a una don­na o spo­sta­re la se­dia per far­la se­de­re. Noi del Sud cre­dia­mo nel­la pa­ro­la da­ta, nel­la leal­tà e nell’one­stà: so­no va­lo­ri che ab­bia­mo nel san­gue». Di­ca la ve­ri­tà: ma lei non è mai di cat­ti­vo umo­re? Mai, mai, mai? «Scher­za? Cer­to che lo so­no. È che non mi ha mai vi­sto al mat­ti­no ap­pe­na sve­glio, pri­ma del pri­mo caf­fè». In al­to, il can­tan­te con il suo ex grup­po, gli ’NSync, «riu­ni­to» per i 40 an­ni di JC (al cen­tro). So­pra, una sce­na di Trolls.

MU­SI­CA & CI­NE­MA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.